Chad Pecknold: “Per i liberal, l’aborto è una richiesta politica e religiosa e funziona come un sacramento”

Pubblichiamo l'intervista, tradotta in italiano, con il dottor Chad Pecknold a cura di Álvaro Peñas su The European Conservative.

Chad Pecknold ha conseguito il dottorato di ricerca presso l'Università di Cambridge nel 2005 e dal 2008 è professore di Teologia storica e sistematica presso la Scuola di Teologia della Catholic University of America. Autore di diversi libri legati al pensiero di Sant'Agostino e ai moderni ragionamenti filosofici e teologici, contribuisce spesso ai dibattiti in piazza e scrive rubriche settimanali come U.S. Contributing Editor di The Catholic Herald, oltre a scrivere regolarmente per altre pubblicazioni, come First Things, Wall Street Journal, New York Post e National Review. Pecknold è anche presidente dell'Accademia di Teologia Cattolica.

Dopo la sentenza della Corte Suprema sull'aborto, lei ha aperto il suo discorso a una marcia pro-vita con la frase “Carthago Delenda est” (Cartagine deve essere distrutta). La verità è che, nonostante la sentenza, i sostenitori di Cartagine hanno approvato leggi sull'aborto molto radicali in diversi Stati governati dai democratici.

Per noi che cerchiamo di difendere i non nati, questa è una vittoria parziale, perché la sentenza stabilisce che l'aborto non è un diritto, ma ciò che non fa è il punto positivo, cioè che la vita deve essere protetta dalla legge. Alcuni commentatori americani, pro-life ma un po' liberali, hanno detto che questa è una vittoria della democrazia perché restituisce il potere decisionale agli Stati. A mio parere, restituire agli Stati la decisione se uccidere o meno il proprio bambino non è una vera vittoria della democrazia.

Ogni Stato può decidere se vuole essere Roma o Cartagine.

Esattamente. E non risolve il male fondamentale perché la Corte Suprema ha la lunga abitudine di evitare di legiferare sulla moralità. Se vogliamo distruggere Cartagine, che sacrificava i propri figli, se l'America vuole che il sacrificio dei bambini cessi, il prossimo grande obiettivo è una dichiarazione positiva che ogni essere umano deve essere protetto dalla legge federale. Come lei ha detto, con la situazione attuale si possono trovare trenta Stati in cui non c'è aborto e venti in cui l'aborto è consentito fino alla nascita, e questa è ancora Cartagine. La grande speranza per il mondo e per gli Stati Uniti arriverà quando la Corte Suprema, con un futuro presidente e un congresso repubblicani, dirà che basta e avanza e che se resteremo Cartagine, cadremo.

Il numero di aborti è cambiato dopo questa sentenza?

Sì, il numero di aborti è diminuito, ma non quanto vorremmo. Se un milione di bambini muore nelle cliniche abortive, dovremmo festeggiare quando ne muoiono solo 750.000 o quando si passa da mezzo milione a 300.000? Tuttavia, gli aborti sono stati ridotti e ogni vita umana salvata dovrebbe essere celebrata. Solo in Texas si parla di 10.000 vite salvate, quante città hanno 10.000 abitanti? Questo va festeggiato, ma ci sono centinaia di migliaia di morti ogni anno, e questa è Cartagine.

Che potere ha l'industria dell'aborto negli Stati Uniti?

Massiccia, perché è una questione religiosa per l'etica liberal. L'illuminismo ha dato origine all'ordine liberal che abbiamo ora, oltre che alla grande importanza all'individuo e al potere decisionale. Il costituzionalismo liberal si concentra sulla sovranità dell'individuo, non sulla sovranità del Paese, e questo ha un significato religioso e politico. Si ha il potere di decidere tutto ciò che accade nel proprio corpo: “il mio corpo, la mia decisione”. Il mio potere di uccidere e per cui nessuno può dirmi il contrario. È una richiesta , ma allo stesso tempo è anche religiosa e l'aborto funziona come un sacramento, perché anche se sei una donna che non ha mai abortito, se sei liberal, sei impegnata nell'idea che altri possano farlo. Ha un carattere religioso e bisogna difenderlo a tutti i costi. Ci sono donne senza figli che si vantano dei loro aborti come di una cosa buona. I vecchi liberal parlavano dell'aborto come di un male necessario, ma i liberal religiosi di oggi lo vedono come un sacramento da difendere. Per loro l'aborto non è solo una battaglia politica, ma anche religiosa, e quindi non è possibile una discussione razionale. Sono profondamente legati a questa fede nell'aborto, la amano e la gridano dai tetti. È una nuova religione civica che non ha molti sostenitori, ma i suoi seguaci sono estremamente potenti.

Una minoranza che controlla i media tradizionali.

Sì, ma coloro che si definiscono non affiliati, agnostici, atei o carnici sono una minoranza rispetto all'80% degli americani che si dichiarano cristiani. Inoltre, i cristiani hanno un tasso di molto più alto degli atei, che non si riproducono quasi per niente, ed è per questo che questa minoranza ha bisogno di potere e di un metodo religioso che è completamente anticristiano e mira a distruggere il cristianesimo. Ecco perché attaccano Paesi come l'Ungheria, perché osano ricordare il loro passato cristiano, e reagiscono violentemente contro la civiltà occidentale. Si oppongono ai pilastri dell'Occidente: la filosofia greca, il diritto romano, lo stato di diritto, l'ordine e la religione cristiana. Questa religione minoritaria, agnostica, atea e guidata, sta sfidando tutti questi pilastri. Si tratta di un conflitto di civiltà, in cui questa potente minoranza religiosa e politica sta sfidando gli standard di una civiltà molto più antica. Quindi la cosa più importante che possiamo fare è strappare a questa minoranza il suo potere civico e di mercato.

Planet Parenthood, la multinazionale dell'aborto, è stata coinvolta in numerosi scandali, ma sembra godere di un'immunità illimitata.

Sì, Planet Parenthood è un'organizzazione internazionale strettamente legata al mondo di Soros, al mondo di Davos, al mondo in cui una piccolissima oligarchia liberal gestisce le nostre vite sotto un piccolo numero di tiranni che non possiamo vedere. È ironico che difendano continuamente una cosa chiamata democrazia, quando non hanno alcun interesse in una maggioranza che non possono manipolare. Quando una maggioranza resiste alla loro manipolazione, è antidemocratica. Ecco perché l'Ungheria non potrà mai essere democratica, nessun partito di destra può essere democratico, la non può essere democratica, VOX non può essere democratica… perché se la gente vota male non può essere democratica. Per quanto riguarda Planet Parenthood, come altre organizzazioni internazionali e social network, sembra non dover rendere conto a nessuno. Non esiste una responsabilità democratica per Planet Parenthood. Ecco perché i Paesi che vogliono difendere la propria sovranità dovrebbero tenere queste organizzazioni fuori dal proprio Paese. Tenere Planet Parenthood fuori dal proprio Paese è possibile ed è una decisione politica. Credo che sempre più persone si rendano conto che se non lottano, perderanno il loro Paese e che devono tenere a bada il liberalismo attraverso leggi e decisioni politiche. Bisogna dire “no” a Planet Parenthood, e so che è difficile perché questa organizzazione ha una missione religiosa.

Come dice anche lei, per non perdere il proprio Paese non si può scendere a compromessi sui propri valori fondamentali.

Proprio così. Se gli dai un centimetro, si prenderanno un miglio. Non si può concedere nulla, non si può scendere a compromessi con loro. Per esempio, con i cattolici vogliono donne prete, poi donne vescovo, poi un papa donna, e non solo vogliono il matrimonio gay, ma anche la celebrazione della sodomia. Vogliono distruggere tutto e non saranno mai soddisfatti finché non lo avranno ottenuto. Ecco perché il dialogo e il compromesso sono stupidi, perché sono il nemico. Abbiamo dimenticato che i nemici esistono e che, a livello civile, il cristianesimo è un concetto politico.

Essere cristiani è qualcosa di personale, ma in realtà conta anche per il “noi”. Per questo motivo, deve affrontare anche minacce, minacce politiche. I cristiani devono essere politicamente realisti e valutare le minacce, perché non si tratta solo di una minaccia contro la vostra fede politica, ma anche contro la fede dei vostri figli e dei vostri vicini, e contro lo stile di vita della vostra comunità. Ai miei studenti dico che lo sviluppo di un realismo politico cattolico è profondamente radicato nelle verità della fede ed è importante per le nostre anime e la nostra salvezza, ma prende anche sul serio la difesa del cristianesimo come visione dell'ordine sociale e politico.

Le democrazie devono prendere decisioni su come vogliamo vivere in futuro, decisioni politiche sul fatto che vogliamo una cosa o un'altra, e non vedo come una persona ragionevole possa guardare gli attori di Hollywood che fanno i loro figli trans e dire: “Vogliamo andare in quella direzione, questo è il nostro futuro”. È irrazionale, è una cattiva religione. Penso che i Paesi debbano scegliere la buona religione rispetto alla cattiva religione, perché non possono essere neutrali nei confronti della religione. La maschera del mito liberal della neutralità è caduta e dobbiamo scegliere una strada, una vera strada, per il futuro del nostro popolo.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

1
0
Would love your thoughts, please comment.x