Con le leggi “buoniste” la Bibbia diventa illegale.

Il testo sacro della ebraica e di quella cristiana potrebbe finire per essere considerato "materiale istigatorio" dalla nuova contro i "crimini d'odio" in corso di approvazione in Scozia.

La parola di Dio istiga all’odio? A chiederselo con un certo grado di preoccupazione sono i vescovi scozzesi alle prese con il disegno di legge che criminalizzerebbe la comunicazione di materiale che “rischia” di suscitare l’odio contro un gruppo protetto. I cristiani, infatti, temono che questa norma potrebbe facilmente includere l’insegnamento tradizionale cristiano sulla moralità sessuale, il matrimonio e la natura umana.

Il direttore dell’Ufficio parlamentare cattolico, Anthony Horan, ha avvertito che la nuova normativa potrebbe sancire per la “cancel culture” che tende a eliminare dal discorso pubblico idee e pensieri che non sono in linea con l’ideologia buonista dominante. Questo, mentre il disegno di scozzese, cancellerebbe al contempo il reato di blasfemia.

Da questa potrebbe nascere un’offensiva contro il “materiale istigatorio” che potrebbe persino considerare istigatori testi come la Bibbia e il Catechismo della , ha spiegato Horan.

“La visione della persona umana – ha aggiunto – da parte della , inclusa la convinzione che il sesso e il genere non siano fluidi e mutevoli, potrebbe potenzialmente cadere in fallo sulla nuova ”.

Stessa storia in Italia, dove con il DDL Zan-Scalfarotto contro e , il rischio che idee non allineate con l’ideologia possano diventare causa di persecuzione è la maggiore critica politica che arriva al testo proposto, nonchè la più grande causa di preoccupazione anche per quel mondo cattolico sensibile alla deriva liberticida che stiamo vivendo.

Non è un caso se la Commissione Affari Costituzionali della , pur dando il via libera, abbia posto alcune condizioni, come quella di «chiarire più puntualmente che non costituiscono , né istigazione alla , la libera espressione e la manifestazione di convincimenti o di opinioni riconducibili al pluralismo delle idee».

Ma non sono solo idee e principi cristiani ad essere in pericolo. Il rischio maggiore è per la di tutti, perchè quando si legifera su categorie astratte come “odio” o “amore” si intraprende una strada molto pericolosa che porta dritta verso il “reato di opinione”.

fondamentali, come il diritto alla di parola, la di espressione e la libertà di , di coscienza e di non possono essere sacrificate per un capriccio politico o peggio la volontà dittatoriale di una minoranza.

Ulderico de Laurentiis
Ulderico de Laurentiishttp://www.uldericodelaurentiis.it
Direttore Responsabile de "La Voce del Patriota". Giornalista Pubblicista, laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa con un Master in Comunicazione Multimediale. Militante della destra politica fin da giovanissimo, appassionato di Cybercultura, osservatore curioso dell'Alt-right americana, cultore di Enogastronomia. "Per aspera ad astra"
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,257FansLike
4,191FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x