Concessioni pubbliche, Meloni: Di Maio e Toninelli zitti in cambio di ingresso Atlantia in Alitalia?

“La pacchia delle concessioni. È normale secondo voi che il gruppo Atlantia dei Benetton realizzi in solo 6 mesi utili per 777 milioni di euro gestendo in concessione dei beni pubblici come le autostrade e gli aeroporti di Roma? Beni che sono stati costruiti dallo Stato e che sono diventati la mangiatoia di gruppi privati che hanno il solo pregio di sapersi tenere buoni i governanti di turno. Ma lo scempio non finisce con gli enormi e facili profitti realizzati, perché altro scandalo sono gli investimenti e le manutenzioni non fatti (come nel caso di Autostrade), o gli investimenti di comodo, come nel caso dell’Aeroporto di Fiumicino dove gli investimenti vengono destinati a cose utili solo alle speculazioni dei Benetton invece che a migliorare i collegamenti con l’aeroporto. Questo scempio è indegno di una Nazione civile. Fratelli d’Italia chiede da sempre di rivedere tutte le concessioni pubbliche che non rispondono all’interesse nazionale. Che fine hanno fatto i proclami di Di Maio e Toninelli fatti dopo il crollo del del ponte di Genova? Si sono arenati in cambio dell’ingresso di Atlantia in Alitalia?”.
Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia,

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,353FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati