Concorrenza, Rampelli (VPC-FdI): Draghi non dica bugie… qui non c’entra il Pnrr ma l’eurocrazia

“Il presidente del Consiglio Mario Draghi non dica bugie. Il Pnrr non c’entra nulla con i balneari. La ragione per la quale il premier ha chiesto al Consiglio dei ministri l’autorizzazione alla fiducia sul ddl concorrenza non ha niente a che vedere con la realizzazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. I motivi di questa urgenza sono stati scritti invece in una lettera datata 2011 e sono tutti ancora lì. Quella lettera chiedeva al Governo Berlusconi in carica ancora per poche settimane,  una serie di riforme pesantissime, misure che avrebbero avuto ripercussioni terribili sulla nostra economia e sullo stato sociale. Tra le tante richieste, quella della liberalizzazione dei servizi e delle concessioni tra cui quelli della mobilità, della gestione dei servizi pubblici locali, quella delle concessioni e tra le concessioni ci sono appunto i bacini idroelettrici, il servizio del trasporto pubblico locale, e i balneari. Chi firmò la lettera? Il presidente uscente e il presidente entrante della Banca Centrale Europea: Trichet e Draghi. Leggerla oggi sembra il Pnrr”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

1 commento

  1. Esatto ! Bravo a ricordarlo, sembra che Salvini abbia dimenticato tutto ciò, per non parlare di Berlusconi ! Draghi esegue la lettera del 2011 pari pari, va sfiduciato ! Quando cade questo governo? Quando si sveglieranno i leghisti? I berlusconiani non ho speranza che lo facciano, ma almeno i leghisti… Sfiduciate Draghi, tanto non resta disoccupato andrà alla Nato come gli ha confermato Biden nel recente incontro….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,495FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati