martedì, Settembre 22, 2020

Conte, task force e recovery fund: ultimo atto

L’accordo per il Recovery fund sembra destinato ad essere l’ultimo exploit mediatico del presidente del Consiglio. Dopo una manciata di giorni di calma apparente, infatti, le tensioni riaffiorano e la maggioranza nuovamente scricchiola sui temi caldi, non ultime proprio le modalità per la gestione e la distribuzione del famoso super prestito dall’Europa.

La volontà espressa da Conte di nominare l’ennesima task force per lo studio e l’approntamento del piano nazionale di ripresa per il risanamento dei settori strategici, che stabilirà la gestione del recovery fund ha fatto venire il mal di pancia a molti. Gli stessi alleati del pd hanno masticato male la boutade del premier, auspicando un passaggio in Parlamento e ieri sono arrivate, ad orologeria, le critiche di forza Italia, espresse da una tutt’altro che ininfluente figura, la presidente del Senato Casellati. Anche se le rimostranze avanzate dal pd e l’endorsement di Forza Italia fanno immaginare delle prove tecniche di ribaltone, peraltro alla vigilia di un ulteriore scostamento di bilancio che non vede l’attuale maggioranza di governo molto serena (soprattutto per i numeri strettissimi che si contano in Senato), nel merito bisogna ribadire che il premier ce la sta mettendo tutta per apparire un apprendista satrapo.

Da gennaio è sotto gli occhi di tutti, e Fratelli d’Italia lo ha segnalato da tempi non sospetti, che il governo giallorosso ha messo in atto un odioso, quanto evidentemente anticostituzionale, accentramento dei poteri. A colpi di dpcm giustificati dallo Stato di emergenza Conte ha fatto e disfatto, ordinato e scompaginato, consentito e vietato, dimenticando l’esistenza delle Camere e se non fosse stato per il costante presidio del partito della probabilmente Montecitorio e Palazzo Madama oggi funzionerebbero in “Smart working”. Poi i famigerati decreti su cui è stata posta costantemente la fiducia e per finire le innumerevoli task force, cui sono stati attribuiti i più disparati compiti, fino ad arrivare a 500 componenti totali e mentre si riducevano i parlamentari, superfetavano gli esperti, professori, consulenti e commissari del governo.

Oggi quest’ultimo colpo di mano, col quale si tenta di far scrivere a nuovi tecnici di fiducia del premier la storia futura della nostra nazione, affidando a soggetti che non posseggono alcuna legittimazione popolare la visione politica ed economica italiana dei prossimi 20/30 anni, perché è di questo che si tratta. Col piano di ricostruzione infatti si prenderanno impegni su temi come il regime pensionistico e previdenziale a lungo termine, la burocrazia, la giustizia, le infrastrutture ed è un’assurdità che su questi temi non ci sia la più ampia e trasversale delle interlocuzioni.

Ma se su questi aspetti il non propriamente spontaneo applauso tributato a Conte alla Camera al ritorno dal consiglio europeo, sembra in realtà scandire il de profundis di un governo che difficilmente scavallerà l’autunno, ci piace ricordare che Fratelli d’Italia denuncia da mesi e con coerenza la deriva assolutista “dell’avvocato del popolo”. Ebbene oggi, sulla scia dell’ennesima task force si sta consumando l’ultimo atto del dramma giallorosso, con un premier tragicamente adagiato sui banchi del governo, di fronte ad una schiera di cesaricidi pronti a voltare le spalle ad un uomo ormai troppo autoreferenziale… Et de hoc satis.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,823FansLike
3,700FollowersFollow

Leggi anche

La Generazione Atreju vince e convince. FDI terzo partito della Nazione.

Come recita una cattiva abitudine ormai dilagante, il giorno dopo ogni elezione che si rispetti il dato sembra essere: «Tutti vincitori». È successo, ovviamente,...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

La Generazione Atreju vince e convince. FDI terzo partito della Nazione.

Come recita una cattiva abitudine ormai dilagante, il giorno dopo ogni elezione che si rispetti il dato sembra essere: «Tutti vincitori». È successo, ovviamente,...

Il successo di Giorgia Meloni arriva Oltremanica: The Guardian dedica un articolo alla vittoria di Fratelli D’Italia nelle Marche

Inizia così l'articolo che il "The Guardian" dedica al successo di Fratelli d'Italia nelle Marche, e sebbene manchino ancora i voti di pochissime sezioni, la...

The Guardian: Giorgia Meloni sempre più popolare, vince nelle Marche.

Un candidato di Fratelli d'Italia ha concluso 25 anni di governo di sinistra nelle Marche, dando al partito la seconda presidenza regionale. I Fratelli d'Italia,...

Processo Ream: Appendino condannata a sei mesi ma non lascia la poltrona

Chiara Appendino, sindaco di Torino e punta di diamante del Movimento 5 Stelle, è stata oggi condannata per falso in bilancio a 6 mesi...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x