Continuità territoriale, Deidda (FdI): costi vergognosi per i non residenti nella Regione Sardegna; FdI presenta interrogazione parlamentare

“La follia con cui la Commissione Europea, con il Governo italiano inerme e silente, impone un modello di continuitá territoriale aerea alla Regione Sardegna, tutelando solo i residenti nell’Isola mentre per tutti gli altri (emigrati, lavoratori, turisti) l’obbligo è avventurarsi nella giungla del libero mercato con prezzi fuori della realtà senza avere una realistica alternativa di mezzi di trasporti, é una mazzata inaccettabile”, dichiara Salvatore Deidda, deputato di FdI;

“Girando l’Italia mi è capitato di ritrovarmi con prezzi folli per una tratta come Roma Bari ma, fortunatamente, puoi scegliere anche altri mezzi come il treno, l’auto o il bus. Qui, invece, non c’è alternativa. Ho più volte incontrato gli emigrati sardi dei circoli della Fasi e molti sono addolarati di non poterselo più permettere. Per non parlare dei sardi di seconda generazione”, continua Deidda;

“Occorre che, nelle more dell’approvazione della proposta di legge di insularità, il Governo e il Ministero dei Trasporti adottino un provvedimento a tutela degli emigrati, come avviene per il trasporto marittimo, e per chi viaggia da e per le Isole: un credito d’imposta, una deducibilità dei costi di trasporti per i non residenti nelle Isole e un abbattimento dei costi in vista dell’estate. Per questo, con Mauro Rotelli, deputato di viterbese ma di origini sarde e con il collega Gianluca Vinci, originario di Arbus, presenteremo un’interrogazione al Governo”, conclude l’esponente di FdI.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,392FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati