Corte UE: Italia riveda norma Ergastolo. Viola i diritti umani.

Secondo una sentenza emessa dalla Corte di Strasburgo, l’Italia deve rivedere la legge che regola il carcere a vita, perché viola il diritto del condannato a non essere sottoposto a trattamenti inumani e degradanti. Così la Corte europea dei diritti umani prende una decisione che riguarda il caso di Marcello Viola, condannato per associazione mafiosa, omicidi e rapimenti, in prigione da inizio anni Novanta.

Il caso riguarderebbe il cosiddetto ergastolo ostativo, il fine pena mai che in Italia si differenzia dall’ergastolo “normale”, perchè si applica a soggetti accusati di reati di particolare gravità, come quelli di o terrorismo, ed è destinata a coincidere, nella sua durata, con l’intera vita del condannato.

A differenza dell’ergastolano comune che conserva la possibilità che la sua condizione sia periodicamente riesaminata ai fini dell’accesso ai benefici e alle misure alternative, all’ergastolano ostativo, in assenza di una collaborazione, quegli istituti sono esclusi per sempre, a meno che, nel frattempo, non collabori o si verifichino altre particolari circostanze.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,654FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati