Covid cura plasma, Petrucci (FdI): “Ho chiesto alla Regione di svolgere un approfondimento medico-scientifico sull’efficacia delle trasfusioni di plasma su pazienti fragili”

“Ho presentato una richiesta ufficiale a Gelli e Bezzini chiedendo di coinvolgere gli infettivologi toscani. Non sono più accettabili vicende come quella che ha visto protagonista, a Portoferraio, il dottor Belcari che ha subito forti pressioni per aver curato un paziente con plasma”

“Ho presentato una richiesta ufficiale al direttore della toscana Gelli e all’assessore Bezzini affinché venga svolta una valutazione sull’utilità del plasma iperimmune nel trattamento dell’infezione da Covid-19 nei pazienti fragili con malattie pregresse. Ho chiesto che venga effettuato un approfondimento medico-scientifico sull’efficacia delle trasfusioni di plasma coinvolgendo gli infettivologi toscani, che sono un’eccellenza regionale, e utilizzando i canali istituzionali a disposizione della Regione, tenendo anche conto delle più recenti risultanze scientifiche mondiali”. Lo annuncia il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Diego Petrucci, componente della Commissione Sanità.

“Non sono più accettabili vicende come quella che ha visto protagonista, a Portoferraio (dove ho effettuato un sopralluogo nelle scorse settimane), il dottor Belcari che ha raccontato alla trasmissione di Rete 4 “Fuori dal coro” le forti pressioni subite per aver curato con plasma iperimmune un paziente malato di leucemia e affetto da Covid -sottolinea Petrucci- Il plasma iperimmune è ad oggi per alcune categorie di pazienti forse l’unica cura veramente efficace, contrastare un medico che adotta quella cura, suffragato dalle indicazioni del Comitato etico, è inaccettabile. Il plasma iperimmune viene regolarmente usato all’estero per curare il Covid, perché sono stati pubblicati diversi studi su prestigiose riviste mediche che ne supportano la validità. Recentemente sono state aggiornate nuove linee guida europee che consigliano il plasma convalescente ai soggetti con leucemia e anche negli Stati Uniti ne è stato autorizzato l’uso soprattutto per la cura dei pazienti più fragili, il plasma è l’unico antivirale che funziona contro le varianti fanno sapere gli scienziati americani”.

“La salute dei pazienti deve sempre essere la priorità! In commissione regionale è giacente, da settimane, la mia richiesta di audizione dei professionisti coinvolti nella vicenda di Portoferraio: il dottor Giovanni Belcari, il dottor Luigi Genghi ed il dottor Spartaco Sani, primario di Malattie Infettive di Livorno”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,515FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati