Covid, “Il vaccino non e’ sufficiente per evitare la diffusione del virus”. E il Governo contraddice se stesso.

“Nell’ultima settimana si sono vaccinate quasi 270mila persone che non erano vaccinate neanche con la prima dose. E’ assodato che non abbiamo percentuali da raggiungere per poter parlare di immunita’ di gregge, perche’ il virus continua a circolare anche nei vaccinati, soprattutto dopo 5 mesi dalla seconda dose. Quando una variante e’ cosi’ contagiosa, il vaccino non e’ sufficiente per evitare la diffusione del virus”.

E’ quanto afferma a Radio Cusano Campus, Nino Cartabellotta, medico, presidente della Fondazione GIMBE, ripreso da AGI.

“Il piano delle riaperture irreversibili con queste variante Omicron e’ messa a rischio. Se diventera’ prevalente in tutta Europa e’ evidente che ci potrebbe volere qualcosa in piu’ a livello di restrizioni”, dice ancora Cartabellotta.

“Bisogna continuare con l’uso delle mascherine e ridurre i contatti sociali, con misure come lo smart working. Bisogna partire dal presupposto fondamentale che comanda il virus, la scienza puo’ solo andargli dietro e cercare soluzioni e poi di conseguenza la politica fa le sue scelte”.

Super Green Pass il Governo Draghi contraddice se stesso

Il governo studia la stretta di Capodanno: ipotesi tamponi per tutti per i locali al chiuso in una corsa contro il tempo per tentare di arginare la rapida diffusione della variante Omicron del Covid-19 che sarebbe in forte crescita anche in Italia.

A sole due settimane dall’introduzione del Super Green Pass, il 23 dicembre, nella cabina di regia convocata dal Presidente del Consiglio Mario Draghi, potrebbero essere discusse ipotesi ome quella di ridurre a sei mesi il ‘timing’ di validita’ del certificato verde e l’obbligo di mascherine all’aperto. Possibile anche il divieto nazionale di feste, concerti, assembramenti di piazza per l’ultimo dell’anno e fino al 6 gennaio. Si ragiona, clamorosamente, sul test negativo anche per i vaccinati per accedere ai locali ad alta “densità”, quando per mesi era stato detto che il vaccino con i suoi richiami, era l’unica condizione per un ritorno alla normalità.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

3 Commenti

  1. Chiamare un vaccino che non e’ un vaccino ma SIERO SPERIMENTALE vi rende complici di questo governo nazista . Andate a vedere i dati di EudraVigilance sui numero delle reazioni avverse e i decessi post siero. E ora VOGLIONO INFIERIRE SUI BAMBINI NEONATI COMPRESI. ASSASSINI NIENT’ALTRO CHE ASSASSINI

  2. Delinquenti PIAZZISTI FORSENNATI VACCINOMANI si aggirano in ITALIA e in EUROPA a seminare TERRORE e ODIO per imporre i loro intrugli chiamati ampollosamente VACCINI. Ammazzerebbero anche la MADRE pur di PIAZZARE i velenosi e dannosissimi VACCINI. Sono i VACCINI infatti che creano VARIANTI su VARIANTI!!! lo diceva la SCIENZA che è un MADORNALE ERRORE VACCINARE IN TEMPI DI EPIDEMIA!!!! Loro però vomitano ODIO contro i novaccinati per far dimenticare il loro gigantesco fallimento e i danni alla popolazione. Ma la gente lo sa che non è compito dei NOVACCINATI proteggere i vaccinati, ma indovinate a chi spetta proteggere i vaccinati? E’ elementare Watson, SPETTA AI VACCINI PROTEGGERE I VACCINATI !!!!!!! SVEGLIATE I CERVELLI che fate ancora in tempo a ribellarvi!!!!

  3. Partendo dal concetto che il vaccino non è riuscito a prevenire l’infezione, forse ne attenuerebbe solo le manifestazioni cliniche, è opportuno sottolineare che un vaccino è degno di questo nome se impedisce l’insorgenza della malattia infettiva per la quale è stato somministrato. Il vaccino antipolio si fa per evitare l’insorgenza della poliomielite, non di una politica attenuata. Quello che si somministra non è un vaccino anti-covid, ma un qualcosa che attenua il quadro clinico del covid, ma non ne impedisce l’insorgenza. Inoltre i vaccinati, dal momento che possono contagiarsi nuovamente anche se in forma attenuata, e, di conseguenza, possono trasmettere il virus al pari dei non vaccinati. In questa situazione è opportuno evitare la diffusione drl contagio adottando adesso norme molto rigide incluse la chiusura delle chiese, delle scuole, degli stadi, delle piscine delle palestre, delle sale da ballo, dei ritrovi, club, ristoranti, nonché un rigoroso distanziamento sociale. Bisogna proibire le riunioni, i convegni, le assemblee e quanto favorisce la diffusione del virus. Dopo tante chiacchiere, dopo tante sceneggiate in TV da parte fi sceneggiate in TV da parte di scienziati dell’ultima ora, dopo tante vaccinazioni siamo al punto di partenza. E von Santa pazienza si riparte ma…..mandando a quel Paese tutte le forze politiche che hanno gestito la pandemia e votando Fratelli d’Italia che ha sempre criticato quanto sinora fatto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,630FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati