COVID. ONU chiede a UE di garantire il vaccino ai migranti.

La pandemia di Covid-19 sta creando "pressioni supplementari" che alimentano i flussi migratori.

I richiedenti asilo nell’UE dovrebbero avere pari accesso ai promettenti vaccini Covid-19, ha dichiarato giovedì il capo dell’agenzia per le migrazioni dell’ONU al Parlamento europeo.

E’ per la loro sicurezza e il benessere di tutte le comunità che li ospitano” nei paesi che li accolgono, ha detto Antonio Vitorino, direttore generale dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni.

È stato uno dei relatori di alto profilo che hanno partecipato a una conferenza virtuale organizzata dal Parlamento europeo e dalla Germania sulla migrazione e l’asilo in Europa.

Nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro”, ha detto il capo dell’OIM.

Ora abbiamo notizie di un vaccino, la sfida che gli Stati membri dell’UE si trovano ad affrontare è quella di garantire l’accesso al vaccino a tutti coloro che si trovano nel vostro territorio, non solo ai vostri cittadini, ma anche a tutti i rifugiati, gli sfollati e i migranti che si trovano in Europa”, ha detto.

Vitorino ha anche esortato l’Unione Europea a portare avanti una riforma della sua politica di asilo e migrazione proposta dalla Commissione Europea.

La pandemia di Covid-19 sta creando “pressioni supplementari” che alimentano i flussi migratori, ha detto, osservando che “il Sahel sta esplodendo”, con conseguenze per tutta l’Africa occidentale.

La Libia, un paese di transito per molti migranti che cercano di raggiungere l’Europa dall’Africa con pericolosi viaggi in barca nel Mediterraneo, “non è un porto di sbarco sicuro”, ha detto Vitorino.

I migranti in quel paese “vivono in condizioni umanitarie assolutamente al di sotto del minimo”, ha detto, in quella che potrebbe essere vista come una velata critica alla politica dell’UE di usare la Libia come zona cuscinetto.

Il presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha detto alla conferenza che “il sistema attuale non funziona più”, con le divisioni messe a nudo dopo che l’Europa ha affrontato un drammatico afflusso di richiedenti asilo nel 2015.

Non esiste una soluzione sulla migrazione che soddisfi pienamente tutti”, ha ammesso.

Ha sottolineato le tensioni tra gli Stati in prima linea come la Grecia, l’Italia e la Spagna, che ricevono la maggior parte dei richiedenti asilo e dei migranti che entrano illegalmente in Europa in cerca di migliori condizioni di vita, e altri Stati membri che si rifiutano di accogliere quote di questi arrivi.

Il piano della Commissione è quello di intensificare i rimpatri dei migranti per motivi economici, rafforzando nel contempo i canali legali per l’immigrazione. Ai paesi dell’UE che si rifiutano di accogliere i rifugiati verrebbe chiesto di contribuire finanziariamente a coloro che lo faranno.

La prossima settimana, ha detto von der Leyen, l’esecutivo dell’UE presenterà un piano d’azione per una migliore integrazione dei migranti, per il periodo 2021-2027.

Dobbiamo unirci su questo tema”. E dobbiamo discutere e trovare dei compromessi”, ha detto.

Ieri l’Europa ha visto un calo delle infezioni da coronavirus per la prima volta in tre mesi.

Ci sono stati 1,84 milioni di casi registrati la scorsa settimana, un calo del dieci per cento rispetto ai sette giorni precedenti, con gran parte del continente ora sotto nuovi blocchi nazionali.

La Francia ha imposto un blocco completo in tutto il Paese il 30 ottobre, la Germania ha iniziato un’interruzione del circuito all’inizio di questo mese e l’Austria ha iniziato un blocco di tre settimane a partire da martedì.

L’Europa, che martedì ha visto il suo numero totale di infezioni superare i 15 milioni, è responsabile di quasi la metà dei casi nel mondo.

I dati dell’OMS di ieri hanno mostrato che i decessi continuano a salire nel corso della seconda ondata, con più di 29.000 decessi registrati in tutto il continente – un picco del 18 per cento rispetto alla settimana precedente.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,279FansLike
4,191FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x