Crack “” in Question time alla Camera, Gemmato (): “Anche la politica senta la responsabilità dell’accaduto e restituisca dignità ai lavoratori”

5 views

«Ho sottoposto al , in Aula durante il Question time, il problema del fallimento della Shernon Holding, la società che meno di un anno fa aveva acquisito 55 punti vendita dello storico marchio “”, e della urgente necessità di tutelare non solo i 1800 lavoratori sostenendo il loro reddito ma anche le 500 aziende fornitrici coinvolte nella vicenda che vantano crediti non riscossi per 250 milioni di euro e che rappresentano un indotto di oltre 10.000 persone.
La risposta del non mi soddisfa perché priva di novità rispetto a quanto detto al tavolo tenutosi al MISE, al quale ho partecipato, e privo anche di reali impegni a garanzia dei soggetti coinvolti nella vicenda.
Ho sottolineato, pertanto, che nel novero delle responsabilità le istituzioni non possono ritenersi estranee soprattutto in ordine alle eventuali procedure di controllo che avrebbero potuto evidenziare ed evitare anomalie di gestione dell’attività.
Prendo atto con favore del fatto che ci sarà il ricorso agli ammortizzatori sociali ma ho ribadito che gli stessi, per risultare adeguati a sostenere il reddito dei lavoratori,  dovranno essere calibrati rispetto agli stipendi previsti dai contratti full-time della vecchia gestione del Gruppo e non a quelli recenti della Shernon Holding, nettamente più bassi e penalizzanti in quanto part-time, con emolumenti inferiori, blocchi di scatti di anzianità e di permessi retribuiti.

Se Il non affronterà il problema con determinazione, il fallimento di avrà ripercussioni negative, e ancor più significative, soprattutto al Sud Italia il cui tessuto produttivo e imprenditoriale è notoriamente fragile e le cui possibilità di reimpiego dei lavoratori, in un contesto già pesantemente afflitto dalla disoccupazione, sono limitate. Basti pensare che solo in Puglia lavorano circa 300 dipendenti distribuiti negli store di Terlizzi, Bari, Surano, Matino, San Cesario e Francavilla.
Ribadisco la mia solidarietà ai lavoratori e alle loro famiglie e alle aziende fornitrici, tutti pesantemente penalizzati, loro malgrado, da questo fallimento le cui responsabilità dovranno essere individuate.
Seguirò da vicino anche il problema che in questo momento è in capo ai clienti di . Verificheremo la possibilità di individuare soluzioni per i circa 20.000 consumatori che hanno versato in totale circa 3,8 milioni di euro in acconti per mobili mai consegnati.
Continuerò a seguire la vicenda, a farmi portavoce dei loro interessi nei confronti del e a porre in essere ogni utile iniziativa politica e parlamentare al fine di ottenere in tempi rapidi il sostegno al reddito dei dipendenti e la relativa ed eventuale ricollocazione professionale nonché il ristoro dei danni per le aziende creditrici».

Lo dichiara il Segretario della Commissione Affari sociali della Camera dei Deputati, l’On. Marcello Gemmato, a margine del Question time alla Camera di Deputati.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,856FansLike
3,837FollowersFollow

Leggi anche

Nizza, Cirielli (FdI): “Alzare livello di guardia in Italia, più controlli ed espulsione degli stranieri radicalizzati”

"Dopo l'attacco terroristico alla cattedrale di Notre-Dame a Nizza è necessario incrementare il livello di guardia anche in Italia. Il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Nizza, Cirielli (FdI): “Alzare livello di guardia in Italia, più controlli ed espulsione degli stranieri radicalizzati”

"Dopo l'attacco terroristico alla cattedrale di Notre-Dame a Nizza è necessario incrementare il livello di guardia anche in Italia. Il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese...

Nizza: Lucaselli (FdI), incubo fondamentalismo mai finito

"L'orribile attentato islamico di Nizza ci ricorda che l'incubo del fondamentalismo non è mai finito. Inoltre, l'assalto all'ambasciata francese di Gedda ri-disegna la probabile...

Nizza. Ciriani (FdI): Ferocia islamista colpisce nuovamente Francia. FdI rivendica difesa radici cristiane

"Nuovamente la ferocia islamista colpisce la Francia dopo la morte del professore Samuel Paty. E lo fa macchiando di sangue uno dei simboli e...

Agenzie fiscali: Rizzetto (FdI), il Ministro Gualtieri immobile di fronte agli incarichi illegittimi

"Fino a quando il Ministro Gualtieri non eserciterà il suo potere di alta vigilanza per ripristinare la legalità nelle Agenzie fiscali, il settore tributario...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x