Crisi Venator, Rossi e Minucci: “Se non arrivano le autorizzazioni allo stoccaggio temporaneo, le responsabilità portano un solo nome: Regione Toscana”

Il deputato, coordinatore regionale FdI-Toscana e componente commissione Ambiente della Camera, On.le Fabrizio Rossi e il coordinatore provinciale FdI-Grosseto, Luca Minucci: “Se si ferma la produzione decine di lavoratori costretti a casa e danni economici ingenti a tutto l’indotto e all’economia locale e nazionale”.

“Quanto riportato nella nota apparsa sulla stampa in questi ultimi giorni, con la quale i vertici di Venator annunciano la chiusura per giugno della produzione dello stabilimento di Scarlino, è l'ennesima riprova dell'immobilismo e della lentezza della Regione Toscana nel prendere in mano la situazione e approvare l'autorizzazione temporanea allo stoccaggio dei gessi rossi nel terreno messo a disposizione da parte del comune di Scarlino”, è quanto affermano il Deputato e coordinatore regionale di Fratelli d'Italia-Toscana, componente della commissione Ambiente della , On.le Fabrizio Rossi e il coordinatore provinciale Luca Minucci.

“Arrivati adesso a fine aprile, – commentano Rossi e Minucci – con la Regione Toscana che ancora non ha dato le autorizzazioni necessarie, giocoforza la Venator si trova costretta a fermare tutto, in quanto non sa dove poter stoccare il materiale di scarto della lavorazione del biossido di titanio, i famosi gessi rossi. Di tutto questo a farne le immediate spese sono i lavoratori, ma anche tutto l'indotto. Lavoratori che si vedranno costretti alla Cig a zero ore, con enormi ripercussioni familiari”.

 

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x