Cuba, il grande gulag di Castro.

«La storia del carcere politico a Cuba è scritta nel sangue . Descrivere tanto orrore, tanta tragedia umana, è un compito doloroso. Tante volte ho pensato che la cosa migliore sarebbe stata poter dimenticare, chiudere gli occhi e cancellare i ricordi amari, le esperienze amare vissute nelle carceri dell’isola schiava». Con queste parole Ernesto Díaz Rodríguez , condannato a 40 anni di carcere e rilasciato dopo aver scontato 22 anni grazie alle pressioni internazionali, ha presentato il suo libro ‘Ostaggi del castrismo: testimonianza della prigione politica a Cuba’. Pubblicato nel 1995, è una delle testimonianze che ha ispirato il film ‘Plantados’ , presentato in anteprima venerdì scorso in Spagna.

Il film, diretto da Lilo Vilaplana , rende visibile uno degli aspetti più oscuri della rivoluzione cubana e del castrismo: le decine di migliaia di prigionieri politici che furono imprigionati, torturati e, in molte occasioni, fucilati, per non essersi inginocchiati davanti al regime. Molti di quei prigionieri, accusati di essere “controrivoluzionari”, avevano precedentemente sostenuto Fidel Castro per rovesciare la dittatura di Fulgencio Batista. Ma delusi dalle promesse non mantenute – libere elezioni in 18 mesi, restituzione della Costituzione del 1940… – si rivoltarono contro “El comandante”.

Girato dopo due decenni di tentativi falliti, ‘Plantados’, prodotto dall’imprenditore cubano Leopoldo Fernández Pujals , fondatore di Telepizza, ritrae la storia di chi si è rifiutato di indossare l’uniforme dei carcerati comuni e non si è sottoposto ai programmi di riabilitazione ideati da Il castrismo per trasformarli in quell ‘”uomo nuovo” di cui la dittatura si vantava e che voleva costruire a sua immagine e somiglianza.

L’opacità del governo cubano ha reso impossibile avere un registro esatto del numero di prigionieri politici incarcerati dopo l’ascesa al potere di Fidel Castro . Il divieto di accesso alle proprie carceri da parte di organizzazioni internazionali, così come l’esistenza di organizzazioni per i diritti umani all’interno dell’isola, ha impedito il monitoraggio dettagliato delle carceri, dei campi di forzato e delle condizioni di vita della popolazione carceraria.

L’ex ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Armando Valladares , politico, scrittore ed ex, che ha trascorso 22 anni in carcere, ricorda vividamente la prima commissione d’inchiesta sui diritti umani di quell’organizzazione che è riuscita a entrare a Cuba per ispezionare le 240 carceri. È successo a metà degli anni 1980. “A quel tempo, il governo cubano ha ammesso alla commissione che c’erano più di 200.000 prigionieri comuni sull’isola”, dice all’ABC. Il gruppo ha visitato il carcere di Combinado del Este, le cui celle sbarrate sono state precedentemente smantellate dai detenuti comuni. “Ma erano così goffi che ne hanno dimenticato uno e i prigionieri politici che accompagnavano i membri della commissione li hanno portati lì”. Valladares, uno degli ultimi “piantati”, che ha anche ispirato uno dei personaggi del film,Quelle immagini sono riuscite a lasciare Cuba “e sono state pubblicate sul Washington Press Club. Poi li abbiamo portati a Ginevra.

L’ex ambasciatore, che dopo la scarcerazione e la partenza dal Paese, grazie alla mediazione del presidente Mitterrand, ha vissuto per alcuni anni in Spagna dove ha fondato a Cuba il Comitato per i diritti umani, assicura che a un certo punto in tutta l’isola «c’erano 82.000 prigionieri politici, distribuiti in 240 carceri e campi di lavoro». L’origine di questi dati sarebbe nel Castillo del Príncipe, una prigione situata all’Avana, “dove era tenuto un registro nazionale di tutte le prigioni e di tutti i campi dell’isola. Qualcosa di cui si occupavano i prigionieri comuni”, spiega Valladares. “C’era anche un ospedale dove venivano portati i prigionieri politici. E hanno sempre avuto un buon rapporto con i carcerati comuni. Ecco come sono usciti i dati. Tra le informazioni emerse dall’interno del carcere, menziona l’esistenza di una lavagna dove sono stati scritti i dati. “E c’erano 82.000 prigionieri a Cuba per crimini politici”.

Queste cifre differiscono molto da quelle confessate dallo stesso Fidel Castro : “Negli anni ’80, ha riconosciuto un gruppo di giornalisti canadesi che c’erano 25.000 prigionieri rivoluzionari a Cuba”, ricorda Valladares. Anche da quelli raccolti dai paesi alleati. Un rapporto del 2018 della statunitense Archivo de Cuba, responsabile della registrazione dei decessi in carcere e delle sparizioni durante le ultime due dittature cubane (quella di Fulgencio Batista e quella di Fidel Castro), raccoglie i dati di uno studio pubblicato nel 1999 da Il ricercatore cubano Efrén Córdova. Si afferma che alla fine degli anni ’60 c’erano circa 60.000 prigionieri politici. Questa cifra è lontana da quella fornita dagli archivi della Stasi (polizia politica della DDR), che pone il numero massimo di prigionieri politici, nel 1965, a 18.000. Anche dall’ex Unione Sovietica è stato respinto l’alto numero di prigionieri politici che veniva considerato dall’Occidente. Gli archivi Mitrokhin del KGB facevano riferimento solo all’esistenza di 8.000 prigionieri politici – per attività ‘controrivoluzionari’ – nel 1974. Questi numeri sono lontani da quelli gestiti dall’Archivio cubano, che, nel 2018, riteneva che dal 1 gennaio 1959 , “almeno 500.000 persone” avevano subito la reclusione politica in un momento o nell’altro.

Campi e prigioni

Pedro Corzó , presidente dell’Istituto per la memoria storica cubana contro il totalitarismo, fondato nel 1998 e con sede a Miami, aumenta ancora un po’ quella cifra. «La dittatura ha stabilito un regime molto severo sull’informazione dal 1959. Noi, attraverso le nostre indagini, abbiamo stabilito che da quell’anno ad oggi, circa 550.000 sono passati per le carceri di Castro, da 24 ore a 30 anni”, spiega ad Abc.

Di questi oltre sei decenni di repressione , Corzo ammette che i primi decenni sono stati i più intensi. «In questi 62 anni la dittatura è stata molto feroce per quanto riguarda il controllo dei diritti dei cittadini, ma la reclusione dei primi 20 anni è stata la più prolifica. A quel tempo, c’è stato un momento, a metà degli anni ’70, in cui c’erano circa 70.000 persone sull’isola come prigionieri politici “, spiega, riferendosi alla crescita dei centri carcerari dopo il trionfo della Rivoluzione. “Quando Castro è salito al potere, a Cuba c’erano otto carceri nazionali – che con quelle comunali ammontavano a 14 – ma con il castrismo il numero è salito rapidamente a 250, tra carceri e campi di concentramento”.

Di tutte le carceri di quei due decenni, Corzo, che è anche un espresso politico – ha trascorso otto anni in varie carceri -, indica come la “più emblematica” della storia cubana la prigione nazionale maschile Isla de Pinos, ora conosciuta come Isola della Gioventù. Ed evidenzia come la sua popolazione sia aumentata dopo l’ascesa al potere degli uomini barbuti. “Dal 1933, anno della sua costruzione, fino al 1958 vi passarono più di 22.000 persone; mentre nei primi otto anni di mandato di Fidel Castro, dal 1959 al 1967, vi transitarono esclusivamente 15.000 detenuti per motivi politici ”.

Il secondo carcere più importante fu La Cabaña, il cui direttore per sei mesi fu il guerrigliero Ernesto ‘Che’ Guevara, che Corzo non esita a definire un “serial killer”. “Ha comandato un numero molto importante di esecuzioni durante quel periodo di tempo”. Cita anche il carcere di Boniato, a Santiago de Cuba, “molto cruento, durissimo”, e San Severino, in provincia di Matanzas. “A queste prigioni – puntualizza – bisogna aggiungere i campi di concentramento che il regime stava creando contemporaneamente. Questo è qualcosa di cui molte persone non sono consapevoli. Il governo cubano attuò nelle zone rurali dell’intera isola, e in particolare nella provincia di Las Villas, una serie di campi in cui erano confinati contadini e parenti di quei contadini. Alcuni di questi campi sono stati utilizzati per le esecuzioni”.

Secondo Corzo, questo si è verificato negli anni ’60, ’70 e negli anni ’80. “Le condizioni di vita in loro erano più estreme che nelle carceri stabilite”. Non conosce il numero esatto dei campi di concentramento che avrebbero potuto esserci sull’isola: “Ora stiamo facendo un’indagine su quello e sul numero degli scomparsi durante il castrismo”. Ma cita quello di La Campana, nella provincia di Las Villas, così come quello di Río Blanco come uno dei più conosciuti.

«Ci ​​sono stati molti campi di concentramento che il regime ha creato . C’è una fase negli anni ’70, in cui il governo cubano ha imitato un generale spagnolo di stanza a Cuba, Valeriano Weyler, che ha stabilito una politica di concentrazione sull’isola”. Consisteva nel trasferire i cittadini rurali nelle aree urbane, “misura che il castrismo ha copiato, ma con molta più crudeltà”. Fidel Castro portò i contadini fuori dai campi e nei campi di concentramento, in zone abbastanza isolate, dove li costrinse a costruire le loro case. “In queste città sono stati trasferiti prigionieri politici e prigionieri”.

Anche il numero esatto di donne incarcerate per motivi politici è da indovinare. “Erano diverse migliaia, ma vi dico che è stato il più lungo in America Latina, sia in termini di numero di detenuti che di durata delle loro condanne, da quando hanno raggiunto i 18 anni”, dice.

Insieme all’Istituto della memoria storica cubana contro il totalitarismo, esistono altre organizzazioni al di fuori di Cuba promosse da ex politici che cercano di quantificare l’orrore di decenni di repressione e, soprattutto, che i nomi di centinaia di ex detenuti deceduti non cadano nell’oblio. .

Tutti, agenti della CIA

Una di queste organizzazioni è l’Unione delle espressioni politiche di Cuba, che abbraccia diversi paesi, compresi gli Stati Uniti, dove vive la più grande comunità di esuli cubani. Sul suo sito si possono leggere i nomi di più di 15.000 uomini condannati , oltre a mille donne. José Alfredo Gutiérrez SolanaSegretario di una delle filiali dell’organizzazione nel nord (New York, Jersey e Connecticut), fu uno di quelli disillusi dalla rivoluzione, che finì in carcere. Aveva allora 18 anni e studiava legge, dopo che Fidel Castro aveva riaperto l’università chiusa anni prima da Batista. Riconosce di aver partecipato ad alcuni atti anticastristi, “soprattutto legati alla propaganda”, e per questo lo accusarono di collaborare con la guerriglia e lo mandarono nel carcere dell’Isola dei Pini. “Eravamo tutti agenti della CIA e non sapevo nemmeno cosa fosse”, spiega al telefono dal New Jersey.

Fu imprigionato per tre anni e mezzo senza processo. “Poi hanno messo in scena un piccolo teatro e ci hanno diviso in tre gruppi: i ribelli, i collaboratori e quelli che stavano per insorgere”. I primi sono stati condannati tra i 20 ei 30 anni; ai collaboratori a pene comprese tra 15, 12 e 10 anni. Già negli ultimi 9 anni. “In totale eravamo 600 prigionieri”. Sono stati processati dal tribunale di La Cabaña. Come spiega, la ragione per tenere questa pantomima processuale era “che il Piano di Forzato stava per iniziare e non volevano coinvolgere nessuno che non fosse stato condannato”. Ha scontato un totale di 10 anni in diverse carceri , anche se confessa che “non ho mai saputo a quanti sono stato condannato. Mi hanno dato una lettera con le date sbagliate, in modo tale che avevo scontato ‘meno un giorno’».

I primi anni di dura repressione contro i ‘controrivoluzionari’, con lunghe detenzioni e torture, ridussero la resistenza della popolazione. Una popolazione che da decenni è soggetta alla cultura del terrore , arma principale del regime cubano. L’intensità della rimozione è diminuita, ma è costante. Gli arresti, molti dei quali arbitrari, continuano a verificarsi sull’isola per motivi politici per sedare qualsiasi scintilla di disordini a breve o lungo termine. Il governo cubano ha anche creato nuovi strumenti per togliere dalla circolazione – con o senza motivo – tutti coloro che possono mettere a rischio la loro stabilità.

Condanne pre-criminali

“A Cuba c’è stato un cambiamento nella definizione di cosa sia un prigioniero politico da quando il regime ha deciso di includere il reato di ‘pericolosità sociale pre-criminale’ nel suo codice penale”, afferma María Werlau, fondatrice di Archivo de Cuba. E per me quelli che sono imprigionati per questo sono prigionieri politici. La classificazione di questo crimine include l’essere un tossicodipendente o un alcolizzato. Nel caso di coloro che non sono accusati di ciò, ritengo che siano prigionieri politici. Vengono tolti dalla strada per un motivo puramente politico. Ci sono migliaia di prigionieri dimenticati a Cuba che sono in prigione per questo crimine. Una frase che colpisce soprattutto “i giovani neri che non hanno famiglia fuori dal Paese, e non ricevono rimesse”.

L’organizzazione Prisoners Defenders, che monitora la situazione dei prigionieri politici nell’isola dove stima che ci siano attualmente 200 carceri , nel suo rapporto di ottobre denuncia l’esistenza di 11.000 civili (8.400 detenuti e 2.538 detenuti), con pene medie di 2 anni e 10 mesi di reclusione per reati precriminali.

Include anche l’aumento dei prigionieri politici, soprattutto dopo le manifestazioni storiche dell’11 luglio. Verifica 591 casi di politici condannati e condannati, rispetto ai 137 di inizio novembre 2020.

 

FonteABC.es

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,388FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati