Cuba militarizzata, ma non si arresta la protesta contro il regime castrista.

Sui social network, i cubani condividono costantemente foto e video di polizia, auto di pattuglia, macchine e autobus carichi di personale in uniforme e altri militari in abiti civili. Intanto i cubani di tutto il mondo aggiungono la loro voce alle richieste di libertà a Cuba

Da domenica pomeriggio, il regime cubano ha iniziato una militarizzazione totale del paese per intimidire la popolazione e impedire ai cubani di marciare pacificamente per la libertà dei prigionieri politici e contro la violenza della polizia. Numerose persone hanno riferito di province come L’Avana, Villa Clara, Las Tunas, Matanzas, Camagüey e Santiago de Cuba. L’isola ha albeggiato questo lunedì immerso in un clima di terrore e tensione prima della celebrazione della marcia civica per il cambiamento, convocata per le 15.00 ora locale (21.00 in Spagna).

Nelle ultime ore, sono state segnalate piccole proteste in alcune città dove le persone sono state immediatamente arrestate dalle autorità; altri sono riusciti a marciare pacificamente vestiti di bianco e con un fiore in mano e a tornare sani e salvi alle loro case.

Alcuni sacerdoti e cattolici in città come L’Avana e Bejucal, nell’ovest del paese, sono scesi in strada per accompagnare coloro che sono riusciti a manifestare.

Ore prima della manifestazione, molti cubani hanno condiviso sui social media foto e video di polizia, auto di pattuglia e autobus carichi di personale in uniforme e altri militari in abiti civili, così come le segnalazioni di atti di ripudio contro i coordinatori del gruppo Archipiélago, che hanno richiesto la marcia. Una di queste manifestazioni di odio ha avuto luogo contro Saily González, coordinatore del gruppo Archipiélago a Santa Clara, Villa Clara, a cui sono stati gridati insulti come “verme”, “mercenario”, “figlia di puttana” e le è stato impedito di lasciare la sua casa.

La strategia repressiva del regime comunista cubano

Queste azioni fanno parte della strategia repressiva del regime: “Questi atti compiuti dai seguaci del regime includono la presenza di membri della polizia e della sicurezza dello Stato nelle vicinanze delle case”, ha dettagliato l’Osservatorio cubano dei diritti umani (OCDH). Un’altra vittima di questo tipo di repressione è stato il drammaturgo Yunior García, uno dei promotori della marcia, che, come il giorno precedente, non ha potuto lasciare la sua casa per partecipare alla marcia di lunedì.

L’agenzia Efe di Cuba, i cui accreditamenti sabato sono stati ritirati dal regime – anche se due sono stati poi reintegrati – ha confermato ieri che l’attivista sta bene dopo quanto accaduto il giorno precedente: “È a casa a dormire. Abbiamo bussato alla sua porta e sua suocera ci ha detto che è esausto dopo un’intensa domenica. Gli agenti che lo sorvegliavano non hanno impedito alla nostra squadra di accedere. La bandiera nazionale oscura ancora la sua vista.

La repressione del regime non si è fermata davanti a niente e nessuno. Anche i sacerdoti cattolici Alberto Reyes, Rolando Montes de Oca e Castor Álvarez Devesa hanno denunciato le minacce di detenzione di Caridad Diego, capo dell’Ufficio di attenzione agli affari religiosi del Comitato centrale del PCC. I tre avevano espresso la loro intenzione di accompagnare i manifestanti nella marcia del 15 novembre.

“Siamo sacerdoti per predicare il Vangelo, e il Vangelo di Gesù Cristo parla di libertà, e verità, che è ciò che il nostro popolo chiede. Se essere arrestati è il prezzo per essere coerenti con la predicazione del Vangelo, così sia. Accompagneremo la nostra gente, camminando per le nostre strade che sono ancora imprigionati”, ha detto Alberto Reyes.

José Miguel Vivanco, direttore per le Americhe di Human Rights Watch (HRW), ha denunciato la militarizzazione del paese: “I rapporti provenienti da Cuba sono devastanti. Il regime ha dispiegato le forze di sicurezza in modo massiccio. Molti giornalisti e critici sono sotto assedio nelle loro case. Alcuni sono stati arrestati. L’intenzione è chiara: sopprimere qualsiasi tentativo di protesta”.

I cubani di tutto il mondo si uniscono alle richieste di libertà a Cuba

Le proteste contro la mancanza di libertà e la repressione a Cuba questo lunedì hanno attraversato più che mai i confini dell’isola. La Civic March for Change ha avuto repliche in più di cento città del mondo, secondo il gruppo Arcipelago, organizzatore del 15 novembre , che ha piazzato il totale a 120. Da Berlino a Toronto , passando per Bruxelles e San Paolo , citarli tutti è impossibile. La maggior parte ha rispettato la chiamata ieri, mentre altri l’hanno anticipata a domenica o sono usciti per protestare in entrambe le date.

Questa domenica, i cubani di Miami , dove vive la più grande comunità di esuli degli Stati Uniti, sono scesi in piazza e hanno ripetuto slogan come “Patra e la vita”, titolo di una canzone che è diventata un inno di libertà, e ” Cuba libera. ”Vi ha partecipato anche l’eurodeputato Vox Hermann Tertsch, che insieme al fondatore della piattaforma Cuba Decide, Rosá María Payá, ha cercato ieri di recarsi nell’isola per partecipare alla marcia per la libertà, ma le autorità cubane non lo hanno fatto entrare. 

Payá, figlia dello storico oppositore Oswaldo Payá, ha chiesto “di non fermarci finché non avremo tutto il sostegno di cui il popolo cubano ha bisogno”.

Nel frattempo, in città come Zurigo , gruppi di cubani si sono radunati, gridando rivendicazioni come “libertà per i prigionieri politici”, una delle richieste di questa marcia dopo i massicci arresti nelle manifestazioni dell’11 luglio.

Voci diverse, con gli stessi proclami, si sono sentite anche a Bruxelles e in città italiane come Roma, Napoli o Firenze.

 

 

Leo Valerio Paggi
Leo Valerio Paggi per La Voce del Patriota.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,407FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati