Culle vuote, cucce piene. Anche in Italia si preferiscono gli animali domestici ai figli. “Effetti collaterali” della pandemia?

Anno nuovo, Italia vecchia. L’inverno demografico italiano è sempre più rigido. Abbiamo salutato il 2021 raccogliendo i cocci del terribile biennio pandemico con un eccesso di morti che ha fatto da pendant al crollo della e all’ormai strutturale invecchiamento della popolazione.

Il presidente dell’Istat Gian Carlo Blangiardo ci ha ripetutamente messo in guardia: “siamo di fronte a una malattia con la diagnosi conosciuta e la terapia nota”. Serve un immediato cambio di rotta politico: assegni di sostegno, sussidi alla maternità, agevolazioni fiscali e bonus per madri e padri che lavorano. In Europa, la Francia primeggia con il suo Stato sociale paladino di culle e passeggini, ma anche Germania, Danimarca, Bulgaria e i Paesi scandinavi hanno potentemente rilanciato le politiche per la famiglia e la natalità. C’è dell’altro, però. E qualcosa non torna.
Alla (ennesima) crisi economica globale, aggravata dall’emergenza sanitaria e dalla nuova “guerra fredda” energetica e commerciale, bisogna aggiungere la “questione culturale”.

In Italia non si fanno più figli, ma aumenta la richiesta degli animali domestici. I dati del Censis ci dicono che nel 2019 il nostro Paese è stato il secondo in Europa, dopo l’Ungheria, per numero di “animali di affezione” acquistati o adottati: circa 32 milioni gli “amici” tra cani, gatti, roditori, pesci d’acquario, uccelli e rettili. Il numero si è quasi raddoppiato nel 2020. Secondo il report annuale dell’Associazione Nazionale per l’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia (Assalco – Zoomark 2021), sarebbero oltre 62 milioni i “pet” presenti nelle nostre case, tra i quali 8,2 milioni i cani e 7,9 milioni i felini, per una spesa complessiva stimata fra i 3,5 e i 5 miliardi di euro. Accidenti. Certo, non siamo i soli.
Impressionano anche i dati provenienti dalla Spagna, storico dirimpettaio nel Mediterraneo baciato dal sole, come dalla solitudine e dalla depressione.

Anche i nostri vicini iberici hanno sofferto ansie, nevrosi e i tanti “effetti collaterali” che il maledetto virus proveniente dalla Cina ha generato in tutti i Paesi avanzati. E nel Vecchio Continente, è soprattutto al Sud, nel Mezzogiorno del “fatalismo” antico e tragico, che il “pandemonio” Covid ha prodotto il boom di domande di animali da compagnia.

Secondo fonti spagnole, tra il 2019 e il 2021 il numero di cani e gatti sarebbe aumentato del 44%, passando a oltre 15 milioni di “cuccioli” per una spesa complessiva annuale di circa 1 miliardo e 350 milioni di euro, tra alimenti, cure veterinarie, vizi e stravizi di ogni genere.

Come il Belpaese, la Spagna ha vissuto la crisi sanitaria con una speciale ansia collettiva, nonostante la “nueva normalidad” sia stata a lungo inseguita dal governo Sanchéz.

Ma il bisogno di animali da compagnia, anche nel regno di Don Felipe VI, va di pari passo con il declino demografico: 1,19 figli per donna è il tasso di fecondità totale nel 2020, addirittura inferiore all’1,24 italiano. E se in Spagna il numero dei ragazzi con meno di 16 anni è pari a circa 6, 6 milioni, in Italia sono poco meno di 10 milioni e pur sempre 1/6 del totale degli animali di affezione.

Ora, se il Covid ha messo in ginocchio la quasi totalità dei sistemi sanitari del pianeta, provocando morti, ricoveri e ospedalizzazioni, non meno grave, soprattutto in Italia e nelle “società del benessere”, è stata la crisi generalizzata della salute mentale. Il boom degli animali da compagnia e la loro “umanizzazione” rientrano in questo discorso, ma dicono qualcosa di più e in qualche modo sembrano precedere il disagio psichico legato alla pandemia.

“Siamo una società egoista in cui cani e gatti prendono il posto dei figli” ha tuonato il Papa Francesco nell’udienza generale dello scorso 5 gennaio. “E tante coppie non hanno figli perché non vogliono o ne hanno soltanto uno perché non ne vogliono altri, ma hanno due cani, due gatti … Eh sì, cani e gatti occupano il posto dei figli. Sì, fa ridere, capisco, ma è la realtà. E questo rinnegare la paternità e la maternità ci sminuisce, ci toglie umanità. E così la civiltà diviene più vecchia e senza umanità, perché si perde la ricchezza della paternità e della maternità. E soffre la Patria che non ha figli”.

Già. Una Patria senza figli è una patria senza futuro, una patria destinata a soccombere. Chi pagherà le nostre pensioni e, soprattutto, chi “chiuderà i nostri occhi”? Anche la politica italiana smetta di abbaiare. Batta un colpo e dia risposte vere, all’economia, alla salute pubblica e alla speranza delle nuove generazioni.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,403FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati