D’Ambrosio (AU): basta alla violenza dei collettivi in università

“Gli episodi di questa mattina non fanno che confermare la presenza di una sinistra studentesca sempre più pericolosa e fuori dal tempo. È ora di dire basta alla politica violenta dei collettivi in università. Soggetti ai margini della società che sistematicamente spuntano in occasione delle elezioni studentesche. Come se non bastasse anziché sforzarsi a produrre qualcosa di utile e concreto per i propri colleghi tutto ciò che sanno fare è autoattribuirsi la patente di giudici della democrazia. È quello che hanno fatto anche questa mattina i centri sociali di Scienze Politiche in Sapienza. Un convegno promosso dai ragazzi di Azione Universitaria, autorizzato dall’Ateneo, che vedeva tra i suoi relatori alcuni docenti della stessa università è diventato il pretesto per portare la violenza nelle facoltà, arrivando agli scontri. Da settimane l’escalation di odio proliferava nei corridoi. Prima le aggressioni ai nostri banchetti durante i volantinaggi dei nostri candidati, poi le scritte con offese gratuite sulla nostra bacheca di Ateneo, stamattina riportano la guerriglia urbana in facoltà, un Ateneo blindato con camionette e forze dell’ordine costrette in tenuta antisommossa. Si vocifera addirittura di un soggetto 35enne armato fermato dalle forze dell’ordine. Che cosa ha a che vedere tutto questo con le elezioni studentesche? Ora ci aspettiamo provvedimenti serissimi nei confronti di questi pericolosi soggetti. Temiamo per l’incolumità dei nostri ragazzi e auspichiamo che questi personaggi vengano allontanati immediatamente dal consesso universitario. Non c’è spazio per i violenti in Sapienza è quello che la Rettrice ci ha ribadito qualche settimana fa, auspichiamo ci siano immediati provvedimenti a riguardo”.

Lo dichiara Nicola D’Ambrosio, presidente di Azione Universitaria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
11,217FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati