Decreto Sostegni, le critiche di Fratelli d’Italia. De Carlo: “Al lavoro per emendare il provvedimento: intervenire sui costi fissi per non far morire le aziende. ”Maschio: “Ristori ridicoli per professionisti e partite IVA”.

Fratelli d’Italia torna all’attacco del Decreto Sostegni e lo fa presentando le proposte che il senatore e coordinatore regionale Luca De Carlo porterà in Commissione Bilancio al Senato.
“Questo governo ha cambiato qualche nome, ma non l’atteggiamento verso chi lavora: hanno illuso i cittadini promettendo interventi risolutivi, e invece hanno semplicemente dato continuità agli inconsistenti provvedimenti approvati dal precedente esecutivo”, esordisce De Carlo. “Non si può promettere ristori per i costi fissi sostenuti e attenzione verso le categorie fino ad oggi ignorate o bistrattate, e poi attivare con un decreto che penalizza ancora le piccole e medie imprese e che comporterà un ristoro dall’1,5 al 5% delle perdite subite”. De Carlo spiega così le proposte che verranno presentate in Commissione: “Innanzitutto, il miliardo di euro destinato al Reddito di Cittadinanza, rivelatosi inutile, dovrà andare ad aumentare il fondo a disposizione delle imprese. Poi, visto il fallimento del Cashback, grande aiuto alle banche e superfluo per i cittadini, le risorse destinate a questo sistema di rimborso siano utilizzate per mantenere in vita le aziende. Non è solo Fratelli d’Italia a lanciare l’allarme: la CGIA di Mestre, un’istituzione in questo campo, ha affermato che oltre il 40% delle imprese del Veneto è in forte sofferenza. Le piccole e medie imprese sono il collante sociale ed economico del Veneto, e servono interventi mirati”.

È il deputato Ciro Maschio a portare i numeri dell’impalpabilità del provvedimento: “A fronte di 60mila euro di perdite, nelle casse di professionisti e partite arriveranno appena 3mila euro di ristoro. Sono numeri decisamente insufficienti, visto che non è nemmeno stata prevista una proroga per le scadenze dei costi fissi, come mutui, bollette, finanziamenti e tassazione”.
Un caso concreto è quello di Leonardo Ferrari, capogruppo in comune a Verona e ristoratore di professione: “Nel 20202 abbiamo avuto un calo di fatturato rispetto al 2019 di circa il 40%, pari a 205mila euro. Abbiamo fatto i calcoli, e ci arriveranno 6700 euro”.
De Carlo ribadisce il ruolo di Fratelli d’Italia a portavoce delle categorie inascoltate: “Siamo a loro disposizione per raccogliere proposte e osservazioni e per provare a migliorare questo provvedimento. Penso ad esempio al tema dei costi fissi: Francia e Germania intervengono direttamente su questo aspetto, in Italia no, nemmeno per gli impianti di risalita che hanno perso l’intera stagione e per i quali il sistema di calcolo dei rimborsi rischia di essere confuso e penalizzante. Si è fatta una politica sbagliata, basata solo su chiusure incondizionate. Nessun governo ha voluto premiare chi ha investito in sicurezza e adeguato i locali e le strutture per lavorare, anzi: sono stati illusi e beffati. O si cambia in fretta, o assisteremo ad un’ecatombe economica e sociale peggiore di quella attuale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,373FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati