Difesa, Rauti: nessuna Nazione può difendersi da sola, la sicurezza europea risponde all’instabilità globale

Il Sottosegretario alla Difesa, Sen. Isabella Rauti, è intervenuta a Pescara al panel ‘Forte, libera e sovrana. estera comune e difesa della libertà europea', nell'ambito della Conferenza programmatica di Fratelli d'Italia, “L'Italia cambia l'Europa”.

Al panel – concluso dal Ministro della Difesa On. Guido Crosetto – hanno partecipato Giulio Tremonti Presidente della Commissione Affari e comunitari; Bruno Frattasi, Direttore Generale dell'Agenzia per la cybersicurezza e Stefano Pontecorvo, Presidente di Leonardo.

“Nessuna Nazione può difendersi da sola e la difesa comune europea è la risposta necessaria alla insicurezza globale, alla instabilità pervasiva internazionale ed alle minacce ibride”, così ha dichiarato Rauti, che in apertura ha ribadito l'impegno preso dai Paesi NATO per raggiungere il 2% del PIL per le spese militari mentre la media europea oggi ruota intorno all'1,5%. “Servono risorse europee comuni per finanziare la difesa, acquisti e investimenti in Europa. Le spese per la difesa dovrebbero essere scorporate dai parametri del Patto di Stabilità europeo, come proposto dal Ministro Crosetto”.

“La difesa europea è una ‘vexata quaestio' che si trascina da decenni e non abbiamo oggi una difesa europea ma gli impegni sottoscritti con la “Bussola Strategica”. Si deve arrivare ad una difesa comune europea che ci renda membri paritari nella NATO e complementari in autonomia. Serve nell'ambito dell'Alleanza una difesa a trazione europea che integri i diversi sistemi d'arma esistenti, che aumenti gli investimenti e metta a fattor comune le forze militari ed economiche e le scelte industriali degli Stati membri”, ha dichiarato il Sottosegretario, evidenziando che “a presidio di tutto questo serve una dottrina e una politica estera comuni per far fronte a minacce ibride e non convenzionali, come quelle rivolte alle infrastrutture strategiche sottomarine o rappresentate dalla manipolazione delle informazioni”, ha aggiunto Rauti.

“L'instabilità pervasiva riguarda anche l'Italia e l'Europa, perché tutto si riflette nel “Mediterraneo allargato”, un concetto geopolitico strategico. Un'Europa libera e sovrana deve giocare un ruolo centrale nel Mediterraneo in termini di deterrenza e quindi di sicurezza per la stabilità del continente e per quella globale. Dopo le prossime elezioni europee ci sarà a Bruxelles una maggioranza politica diversa e con una visione nuova”, ha proseguito il Sottosegretario.

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x