Digitale, Mollicone (FdI): “Garantire editoria e creatività italiana”

"Con recepimento direttiva copyright, tutelare sovranità digitale"

“L’innovazione ha bisogno di essere governata perché sia fonte di sviluppo. L’emergere della nuova economia basata su piattaforme digitali, algoritmi e intelligenza artificiale ha reso inadeguato il sistema vigente di regole e regolatori. Di tutte le nuove sfide che il legislatore deve affrontare al giorno d’oggi, comprendere e definire la nuova rivoluzione tecnologica è sicuramente la più complessa, poiché comporta una vera e propria trasformazione per l’umanità. L’impatto della tecnologia digitale ha ridefinito i rapporti di forza tra i poteri globali, nati da internet e dalle tecnologie. Fratelli d’Italia promuove da sempre il concetto di “sovranità digitale”, e lo farà anche, con Giorgia Meloni, promuovendo un manifesto e una specifica proposta di legge”. Così il Responsabile Nazionale Innovazione di e capogruppo in commissione Editoria, de-putato Federico Mollicone. “L’articolo 3 del disegno di legge prevede che nell’esercizio della delega, il governo dovrà riordinare le disposizioni del testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici, il TUSMAR, adeguando le disposizioni e definizioni, comprese quelle relative ai servizi di media audiovisivi e ai servizi di piattaforma per la condivisione di video. Chiediamo che il Governo, nella redazione dei decreti delegati, dedichi particolare attenzione alle piattaforme web oggi meno regolamentate, e quindi agli OTT, rendendo omogeneo il trattamen-to legislativo e regolatorio della fornitura di contenuti a prescindere dalla piattaforma impiegata per la diffusione”, aggiunge. “In particolare, va segnalata la ridefinizione del cosiddetto “level playing field”, di cui alla lettera e), che uniforma editori radiotelevisivi e OTT sul mercato della pubblicità. L’articolo 8 reca i principi e criteri direttivi per l’attuazione della cosiddetta “direttiva SAT-CAB” che stabilisce norme sull’esercizio del diritto d’autore e diritti connessi, mentre l’articolo 9 contiene i principi e criteri direttivi per il recepimento della “direttiva Copyright” sul diritto d’autore e sui diritti connessi nel mercato unico digitale, in cui si introduce anche un profilo di responsabilità in capo ai prestatori di servizi di condivisione online di contenuti, in poche parole le piattaforme digitali. La diffusione sistematica e non remunerata di opere protette dal diritto d’autore è un fenomeno che desta grave allarme, in quanto pregiudica la sostenibilità dell’industria editoriale, svaluta l’apporto di competenze e professionalità qualificate e, non da ultimo, influi-sce sulla libertà e il pluralismo dell’informazione, incidendo sulla quantità e la qualità dell’offerta editoriale. Al di là degli evidenti problemi di sicurezza cibernetica delle reti e il ruolo che hanno operatori con connessioni con Stati extraeuropei come la Cina, in vista soprattutto della costituzione della rete unica, è necessario garantire un regime autorizzativo per scavi e permessi che possa superare l’attuale burocrazia. Su questo si collega l’articolo 18, sulla cybersicurezza, che stabilisce il Ministero dello sviluppo economico come autorità competente. Durante l’emergenza sanitaria, la minaccia cibernetica è aumentata in quantità e in qualità. È essenziale per i legislatori cambiare passo, adattarsi alla strategia mutevole e adattiva dei soggetti da regolare. Ne va della nostra sovranità digitale”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,390FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati