Dipartimento tutela , giornata nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia

19 views

5 maggio 2019, si celebra la Giornata nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia. Per l’occasione il Dipartimento Tutela di Fratelli d’Italia pone sempre più attenzione sul fenomeno dell’ infantile come allarme sociale, rimarcando la necessità di pene severe e deterrenti per i carnefici.

Secondo i dati Istat relativi ai delitti denunciati dalle forze di all’autorità giudiziaria si rileva come gli «atti sessuali con minorenni» oscillerebbero intorno alle cinquecento denunce l’anno. Secondo i dati resi noti da “Telefono Azzurro”, invece, negli ultimi cinque anni sono stati più di diciassettemila gli appelli pervenuti all’Associazione via telefono e attraverso l’apposita chat line, e secondo i dati diffusi da alcune delle associazioni che maggiormente si occupano del fenomeno a livello nazionale sarebbero addirittura sessantamila i casi ogni anno di molestie e violenze in danno di minori infraquattordicenni, dei quali meno dell’uno per cento viene denunciato. La maggior parte degli episodi di abuso sui minori, infatti, non viene denunciata a causa di molteplici ragioni, prima tra le quali il legame che spesso intercorre tra vittima e carnefice, e per ciò sfuggono a qualsiasi rilevazione statistica, e da ciò deriva che le caratteristiche che emergono dall’analisi dei dati riferiti alle segnalazioni all’Autorità giudiziaria non possono essere considerate rappresentative dei fenomeni di abuso, e, anzi, possano avere caratteristiche ben diverse da quelle apparenti; ad oggi, appaiono in costante e preoccupante aumento – anche per indice di pericolosità sociale – i fenomeni della pedopornografia on line e quello degli adescamenti dei minori attraverso internet.

«È necessario che il governo adotti quanto prima misure deterrenti ed incisive per contrastare il fenomeno della pedopornografia e della pedofilia anche alla luce degli episodi che riguardano il coinvolgimento dei familiari – hanno dichiarato Cinzia Pellegrino, Coordinatore Nazionale del Dipartimento Tutela di Fratelli d’Italia eImma Vietri, Coordinatore del Dipartimento in Campania –. A tal fine Fratelli d’Italia nella persona del Senatore Antonio Iannone ha già depositato lo scorso febbraio una proposta di legge che vede l’introduzione nel codice penale della revoca della responsabilità genitoriale per omesso impedimento di atti sessuali su minori, apportando una modifica dell’articolo 609-quater in materia. Inoltre ancora oggi diversi reati connessi alla pedopornografia sono soggetti a patteggiamento; le autorità centrali e periferiche preposte allo studio ed alla lotta dei fenomeni di violenza sui minori non dispongono di mezzi adeguati per sostenere le e le famiglie in percorsi di recupero da traumi così profondi e nell’ambito della sanità pubblica appare urgente e necessario un potenziamento delle strutture di ascolto e sostegno alle giovani e alle loro famiglie. Lo dobbiamo ai tanti bambini che la società non è stata in grado di proteggere dall’orco che ha sottratto loro l’innocenza e la spensieratezza».

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,856FansLike
3,838FollowersFollow

Leggi anche

Nizza, Cirielli (FdI): “Alzare livello di guardia in Italia, più controlli ed espulsione degli stranieri radicalizzati”

"Dopo l'attacco terroristico alla cattedrale di Notre-Dame a Nizza è necessario incrementare il livello di guardia anche in Italia. Il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Nizza, Cirielli (FdI): “Alzare livello di guardia in Italia, più controlli ed espulsione degli stranieri radicalizzati”

"Dopo l'attacco terroristico alla cattedrale di Notre-Dame a Nizza è necessario incrementare il livello di guardia anche in Italia. Il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese...

Nizza: Lucaselli (FdI), incubo fondamentalismo mai finito

"L'orribile attentato islamico di Nizza ci ricorda che l'incubo del fondamentalismo non è mai finito. Inoltre, l'assalto all'ambasciata francese di Gedda ri-disegna la probabile...

Nizza. Ciriani (FdI): Ferocia islamista colpisce nuovamente Francia. FdI rivendica difesa radici cristiane

"Nuovamente la ferocia islamista colpisce la Francia dopo la morte del professore Samuel Paty. E lo fa macchiando di sangue uno dei simboli e...

Agenzie fiscali: Rizzetto (FdI), il Ministro Gualtieri immobile di fronte agli incarichi illegittimi

"Fino a quando il Ministro Gualtieri non eserciterà il suo potere di alta vigilanza per ripristinare la legalità nelle Agenzie fiscali, il settore tributario...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x