martedì, Settembre 29, 2020

Disordini in Bolivia: 8 morti. Il governo tenta il dialogo coi manifestanti

I generali e il ‘momentaneo’ ministro presidenziale, Jerjes Justiniano, ne hanno a lungo parlato venerdì sera. “Chiamiamo a raccolta assolutamente tutti i settori e i movimenti sociali allo scopo di raggiungere la pacificazione del paese in modo che tutti insieme ci si possa sedere intorno a un tavolo di dialogo … Ci appelliamo a tutti i settori compreso il settore est del dipartimento di Cochabamba’, ha detto proprio Jerjes Justiniano in una conferenza stampa tenuta al Palacio Quemado.
Durante l’impegnativa giornata, vari settori e movimenti sociali si sono mobilitati a La Paz, capitale dello stato, e a Cochabamba per rispettare il Wiphala, cioè la bandiera quadrata, rappresentativa dei popoli nativi che vivono nei territori andini e che facevano parte del Tahuantinsuyo, l’antico Impero Inca. Tuttavia, il settore della coca Chapare relativo al Movimento per il socialismo, ha avuto un pesante scontro con le forze dell’ordine. Gravi tafferugli che hanno lasciato diverse persone ferite proprio nel dipartimento centrale di Cochabamba. Justininiano ha affermato che la presidente ad interim dal 13 novembre scorso, Jeanine Áñez, dati questi fatti, è molto preoccupata ed è per questo che lo ha incaricato di andare a Cochabamba per stabilire un dialogo con l’industria della coca legata al presidente dimissionario Evo Morales.
Un confronto purtroppo non andato a buon fine quello nel dipartimento di Cochabamba. Ci sono stati infatti scontri che hanno determinato la morte di almeno otto persone, e il numero è ancora provvisorio, oltre a 22 persone ferite. Il presidente Áñez, a questo punto, si è vista obbligata a convocare un gabinetto di emergenza che affrontasse la situazione e trovasse le giuste contromisure per risolverla senza ulteriori spargimenti di sangue.
Alle forze armate e alla polizia nazionale è stato richiesto di informare costantemente le autorità sull’evolversi della situazione che per ora appare oltremodo critica e preoccupante, come ha spiegato sempre Jerjes Justiniano, il rappresentante della presidenza. L’avvocato Justiniano ha anche sottolineato che i rappresentanti dei contadini, degli indigeni, dei consigli scolastici, dei lavoratori, dei consigli di quartiere, dovrebbero partecipare al tavolo di dialogo, anche soltanto allo scopo di pacificare il paese perché – ha affermato – quello attuale è un governo di transizione che ha il mandato di convocare le nuove elezioni, ma anche di cercare la pace dei boliviani.
‘Stiamo cercando di evitare che scoppi una guerra civile, ecco perché chiediamo calma e sensibilità a tutti. Cerchiamo volontà al dialogo, per sederci a un tavolo dove questi movimenti sociali, questi popoli originar, possano dirci quali sono le loro preoccupazioni. In modo che poi noi si possa dimostrare che quello attuale non è un governo senza sole e senza luna ‘, ha insistito Jiustiniano, per poi concludere che le cose buone realizzate dal precedente governo non verranno rimosse ma anzi nel caso saranno ampliate, i progetti già approvati o in corso di approvazione non saranno bloccati e quelli in corso di realizzazione verranno tutti conclusi.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,834FansLike
3,732FollowersFollow

Leggi anche

Popolare di Bari: abbiamo una banca! (un’altra…)

L’intervento dello Stato nei salvataggi bancari è tornato di gran moda. Ma non esisteva una procedura, definita a livello europeo, chiamata bail-in? sembra che...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Popolare di Bari: abbiamo una banca! (un’altra…)

L’intervento dello Stato nei salvataggi bancari è tornato di gran moda. Ma non esisteva una procedura, definita a livello europeo, chiamata bail-in? sembra che...

Tridico “non mi dimetto e non mi scuso”. Epilogo di un disastro a 5 stelle.

Di Maio prima e Catalfo poi, con le firme del sottosegretario alla presidenza del consiglio Fraccaro, stretto collaboratore del presidente Conte, hanno contribuito al...

Inps, Meloni: Di Maio e Conte chiariscano su aumento atipendio Tridico

Secondo quanto svelato da La Repubblica, il provvedimento che aumenta lo stipendio del Presidente INPS sarebbe stato deciso dal Ministero del Lavoro guidato da...

Militare Morto, Meloni: Visalli è un eroe che Italia non deve dimenticare, il mio pensiero alla sua famiglia

"Una notizia che fa male al cuore. Questa mattina è stato ritrovato il corpo di Aurelio Visalli, sottufficiale della Guardia Costiera di Milazzo, tuffatosi...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x