Dl Green Pass. Zaffini (FdI): il governo persevera a trattare i cittadini da sudditi ed elimina discussione in Parlamento

“Il Dl Green Pass conferma una prassi consolidata da questo governo di apporre la “fiducia” a tutti gli atti e il Senato aggiunge l’aggravante di assegnare atti come questo alla commissione Affari Costituzionali in sede referente rinunciando così al delle commissioni congiunte come sarebbe stato opportuno in questo provvedimento. Tutto a discapito della qualità della norma e del confronto, impedendo anche a chi ha seguito la materia sanitaria da inizio legislatura di dare un contributo concreto e fattuale. E così succede che alcuni emendamenti sacrosanti e alcuni importanti ordini del giorno, come il divieto dell’obbligatorietà del passaporto sotto i 12 anni, siano stati bocciati senza il necessario approfondimento. E questo non è solo un problema di forma ma proprio di sostanza”. A dichiararlo il senatore di Fratelli d’Italia Franco Zaffini, capogruppo in commissione al Senato durante la discussione del Dl Green Pass.
“Ci sono molte informazioni di cui i cittadini non sono messi a conoscenza, perché evidentemente trattati da sudditi. Tra queste, ad esempio, quella che l’Europa dichiara di aver acquistato 4,6 miliardi di dosi di vaccino, l’equivalente di circa 10 dosi ogni cittadino europeo. E a cosa servono tutte queste dosi se non per vaccinare la popolazione europea per i prossimi 10 anni? Qualcuno dovrebbe spiegarlo ai cittadini o se ne dovrebbe almeno discutere in un’apposita Commissione di inchiesta, come chiesto da FDI, ma a quanto pare è proprio ciò che questo governo evita o teme di fare”. E conclude: “Questo governo non dà risposte a chi fa domande utilizzando il classico metodo della sinistra di etichettare chi avanza dubbi come omofobo, fascista o no vax in base alle situazioni. Il tutto a discapito della verità e della fiducia dei cittadini nello Stato e nel SSN. A questo riguardo serve un serio coinvolgimento della categoria dei medici di famiglia, unico possibile intermediario se si vuole parlare di prossimità, capace di ‘convincere’ gli sfiduciati, oggi che è acclarato il fallimento delle tante azioni, come il passaporto, volte invece a ‘costringere’. Non è insomma certo la Gruber o l’informazione indottrinata che potrà colmare il gap di fiducia su questo segmento di italiani non ancora vaccinati”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,407FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati