DL Natale, La Pietra (FdI): maggioranza boccia emendamenti FdI e nega i ristori alla montagna

“Le proposte di Fratelli d’Italia sulla montagna vengono bocciate dalla maggioranza e lasciano senza ristori un comparto turistico condannandolo ulteriormente oltre le restrizioni cui è già sottoposto”.

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Patrizio La Pietra.

“La prima proposta emendativa – sottolinea La Pietra – aveva l’obiettivo di fornire un adeguato sostegno alle zone di montagna, dal momento che tutte le attività economiche, di qualsiasi tipo, situate nei territori montani, hanno subito in modo grave l’impatto delle misure restrittive imposte dal Governo per contenere l’epidemia da COVID-19. La conseguenza naturale è stata l’ingente perdita di fatturato, sino al 90% del fatturato 2020, di tutte le attività situate nei piccoli Comuni e nei Comuni montani, che spesso vivono e sopravvivono grazie al flusso di attività concentrato nelle festività natalizie, e con esse anche le comunità stesse dove queste attività insistono. La proposta emendativa, in via emergenziale, proponeva di applicare un nuovo ristoro, sulla falsariga di quelli disposti dal cd. Decreto Ristori, per tutte le attività da questo coinvolte, ma situate nei territori dei piccoli Comuni e dei Comuni montani”.

“Sono state poi respinte – osserva la Pietra – la proposta emendativa sulla necessità di sostenere costi fissi ed altre uscite di ordine economico particolari rispetto alle attività situate nei grandi centri urbani, con un contributo pari al 40% della differenza di fatturato tra le mensilità novembre 2020-gennaio 2021 e novembre 2019-gennaio 2020, sulla base di quanto disposto anche per equivalenti ristori economici in Francia. E quella sui ristori agli impianti di risalita e ai maestri di sci che non hanno potuto esercitare la propria attività”.

“Siamo di fronte – conclude la Pietra – alla totale chiusura di questa maggioranza in disfacimento al mondo della montagna, un atteggiamento che mostra non solo l’incapacità di dare risposte ad un comparto in sofferenza ma anche la totale assenza, adesso che siamo in pieno inverno, di qualunque forma di sensibilità verso intere comunità che vivono in territori di per se difficili da vivere”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,397FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati