Dl Ong. Raimondo (FdI): nessuna correlazione tra porto sicuro e porto più vicino

“Non esiste alcuna correlazione tra porto sicuro e porto più vicino. Il Contrammiraglio della Guardia Costiera Giuseppe Aulicino, stamattina in audizione nelle commissioni Trasporti e Affari Costituzionali riunite della Camera sul decreto Ong, ha confermato quanto andiamo dicendo da sempre. Chi recupera in mare non deve per forza recarsi nel porto più vicino, ma in quello indicato dalle autorità italiane senza che questo possa nuocere in alcun modo alle persone a bordo”. Lo ha detto l’onorevole Fabio Raimondo, capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Trasporti e relatore del Decreto sulle Ong.

“Dalla relazione si evince chiaramente che l’Italia non ha alcun obbligo, previsto dal diritto internazionale marittimo, di riscontrare la richiesta di Pos proveniente da battenti bandiera straniera che svolgono stabilmente attività di soccorso e in assenza di coordinamento da parte dell’Italia. Ci conforta il fatto che tutti i trattati, il diritto del mare, la Costituzione, siano stati rispettati. Il Decreto – conclude Fabio Raimondo – non è contro le Ong, ma serve a dare regole che finora non c’erano”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Discussioni

12,063FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati