Documentario: L’Ungheria contro Soros. La lotta per la civiltà.

Pubblichiamo la traduzione di un articolo di Alvaro Penas per El Correo de Espana.

Viktor Orbán è ancora una volta il soggetto di un documentario. Quasi un anno fa, nel febbraio 2021, il primo ministro ungherese fu vilipeso dai suoi nemici politici in un documentario sul canale Arte dal titolo inequivocabile “Ciao, dittatore! Il nuovo documentario non ha niente a che vedere con il precedente pamphlet anti-Orbán ed è una produzione del giornalista americano Tucker Carlson (FOX News) intitolata “Hungary vs Soros”. La lotta per la civiltà”, che si può guardare qui.

Il documentario passa in rassegna la storia dell’Ungheria e le molte invasioni che ha subito in passato, ma sottolinea che le minacce oggi non sono eserciti stranieri, ma le di George Soros. Lo scrittore americano Rod Dreher sostiene che “Viktor Orbán e Fidesz hanno identificato correttamente la minaccia alla sovranità nazionale ungherese posta da Soros”. Carlson fa questo punto, notando che “a differenza della minaccia posta dai sovietici o dall’impero ottomano, la minaccia posta da George Soros e dalle sue è molto più sottile e più difficile da individuare”.

“Soros si oppone a Viktor Orbán perché si oppone agli stati nazionali”, continua Carlson, “Non è una coincidenza che la di punta di Soros si chiami Open Society Foundation. Il modo migliore per trasformare un paese è aprirlo al mondo e nel 2015 Soros ha avuto la possibilità di giocare un ruolo nel trasformare l’intero continente europeo […] spendendo enormi quantità di denaro per la propaganda pro-rifugiati che poi è apparsa nei media globali. Soros ha anche fatto pressione direttamente sui governi europei per aprire le loro frontiere a persone impoverite provenienti da tutto il mondo. E l’hanno fatto. Solo l’Ungheria ha detto No”. L’Ungheria ha poi eretto un muro che è riuscito ad arginare la crisi migratoria, ma per il quale è stata punita dall’UE. Ma il tempo ha dato ragione a Viktor Orbán e il 23 gennaio i ministri degli interni di Austria, Bulgaria, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Grecia, Ungheria, Irlanda, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia e Lettonia hanno chiesto che l’UE finanzi progetti di muri di confine per impedire l’ingresso di immigranti illegali. L’UE continua a rifiutare.

Tornando al documentario, Carlson usa parti della sua intervista con il primo ministro ungherese nell’agosto dello scorso anno, oltre a tracciare un profilo di Orbán e del suo rapporto con Soros: “Orbán è salito alla fama mondiale alla fine degli anni ’80 come leader studentesco anticomunista. All’epoca Orbán era un protégé di Soros. Ha frequentato l’Università di Oxford con una borsa di studio della Fondazione Soros, ma con il progredire della sua carriera politica, lo stesso vale per le sue opinioni. Orbán è diventato un nazionalista ungherese. Lui e George Soros sono diventati acerrimi nemici”. Per Orbán, Soros è “un ungherese di grande talento, ma noi abbiamo talento non solo per le cose buone, ma anche per quelle cattive. Quindi è quel tipo di uomo che non rispetta la tradizione di questo paese.

Ma la lotta contro la società aperta non riguarda solo la protezione delle frontiere, ma anche il sostegno alla famiglia e alla per far fronte al problema demografico. L’Ungheria sta prendendo la questione molto seriamente perché, come sottolinea Orbán, “non vogliamo lasciare questo paese ai migranti, vogliamo lasciarlo ai nostri nipoti”. Carlson racconta che la prima cosa che vede quando atterra a Budapest sono messaggi di sostegno alla famiglia e incontra Katalyn Novák, ex ministro della famiglia e ora candidata alla presidenza ungherese: “Non pensiamo che dobbiamo importare bambini per risolvere il problema demografico, dobbiamo aiutare le giovani coppie affinché possano avere tutti i figli che vogliono. La politica familiare ungherese è riuscita a frenare la crisi demografica e offre grandi incentivi finanziari alle coppie che desiderano avere figli, ed è uno dei maggiori successi del governo di Viktor Orbán.

Il documentario presenta anche uno spagnolo, Rodrigo Ballester, del Collegio Mathias Corvinus di Budapest, che denuncia l’ossessione dell’UE per l’Ungheria. Ballester, che conosce bene i meccanismi interni dell’UE, sottolinea la mancanza di diversità politica tra i funzionari dell’UE. “L’Ungheria è ritratta come la pecora nera dell’UE. Quando ho deciso di trasferirmi a Budapest, metà dei miei colleghi pensava che andassi in Corea del Nord o in un posto simile. Uno è arrivato a dirmi che in Ungheria mettono i giornalisti in prigione, cosa che non è mai successa. È vero, non è mai successo, nonostante le continue campagne di discredito di Reporter Senza Frontiere, un’organizzazione della rete di Soros.

In Ungheria la maggior parte della stampa si oppone a Orbán.

Per Carlson, “la battaglia tra George Soros e Viktor Orbán è tutt’altro che finita”. Il grande problema per i liberali che si oppongono a Orbán è che non possono accettare che all’interno della civiltà occidentale esista un’alternativa conservatrice nazionale che sta perseguendo politiche di successo. Le elezioni ungheresi sono state convocate per il 3 aprile 2022, la data della prossima battaglia tra George Soros e Viktor Orbán, tra globalismo e nazionalismo. Carlson termina il suo documentario ponendo una semplice domanda: “Come si può sconfiggere George Soros? La risposta risulta essere semplice, servono leader che amano il loro paese e si preoccupano del suo futuro e delle persone che ci vivono, servono leader che sono disposti a combattere”.

https://www.youtube.com/watch?v=En1U81nh2-0

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,949FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati