Donbass: ecco cosa non ha funzionato nella propaganda russa

Un accademico di Cambridge spiega perchè la propaganda di Vladimir Putin nella regione ucraina del Donbass dopo l’invasione del 2014 non è riuscita a convincere i residenti locali. 

Il governo del presidente russo ha lanciato una dilagante campagna di disinformazione e una vera e propria propaganda nella regione dell’Ucraina orientale dopo il 2014, nel tentativo di conquistare i cuori e le anime della popolazione in gran parte di lingua russa. 

Ma il dottor Jon Roozenbeek dell’Università di Cambridge, crede che i russi non siano riusciti a compiere la missione, perché hanno adottato l’approccio sbagliato. 

Egli postula che per inasprire veramente l’odio contro un nemico e per portare ad azioni significative, ci deve essere un elemento di “noi contro loro”. Tuttavia, la campagna di disinformazione della Russia si è concentrata troppo intensamente sulla creazione di “loro” e non del “noi”, ha spiegato al Telegraph.

Il Cremlino ha ripetutamente veicolato il concetto secondo cui Kiev sia gestita da estremisti di destra e che la presenza russa nelle cosiddette “Repubbliche popolari” di Donetsk e Luhansk è una missione di “de-nazificazione”. 

Il dottor Roozenbeek crede che questo fosse il punto cruciale del piano russo e ha funzionato in una certa misura. Tuttavia, l’intero schema si è disfatto a causa della mancanza di una storia “in-group” – il “noi” necessario per rivaleggiare con “loro”.

“Otto anni di propaganda russa non sono riusciti a fornire un’alternativa convincente alla nazionalità ucraina nell’Ucraina orientale”, ha affermato il dottor Roozenbeek.

“La decisione del Cremlino di favorire l’animosità dell’outgroup rispetto alla costruzione dell’identità all’interno del gruppo, e la sua vasta sopravvalutazione della misura in cui le sue bugie sugli inesistenti ‘fascisti’ ucraini potessero promuovere il sentimento filo-russo, sono le ragioni chiave per cui l’invasione è stata un errore strategico e disastro logistico”.

Il tentativo di lavaggio del cervello di “Novorossiya” è fallito

Durante la sua tesi di dottorato, ha analizzato più di 85.000 articoli da dozzine di organi di stampa nella regione in quattro anni per valutare quanto la propaganda russa stesse prendendo piede.

Ha scoperto che metà del contenuto è rimasto come al solito, ma un terzo è stato regolarmente dedicato alla propaganda. 

Il Cremlino stava cercando di fare il lavaggio del cervello ai residenti del Donbass con un senso di identità russa incentrato sull’idea di “Novorossiya” o “Nuova Russia” , ma la mancanza di sforzo e slancio significa che non ha mai preso piede nel Donbass, ha affermato il dottor Roozenbeek.

“Nonostante l’importanza data alla costruzione dell’identità e dell’ideologia dopo l’acquisizione di Luhansk e Donetsk sostenuta dalla Russia è stata promossa pochissima identità all’interno del gruppo”, ha affermato lo studioso.

“La propaganda per la costruzione dell’identità che ho potuto trovare nel Donbass dopo il 2014 era vaga, mal concepita e rapidamente dimenticata. I tentativi politici di invocare Novorossiya sono stati messi da parte nell’estate del 2015, ma una propaganda così debole suggerisce che comunque non avevano molte possibilità”.

“Putin ha gravemente sottovalutato la forza dell’identità nazionale ucraina, anche nel Donbass, e ha sopravvalutato il potere della sua macchina di propaganda nelle aree occupate dell’Ucraina”.

Ha aggiunto che è necessario garantire che la propaganda non si diffonda ulteriormente ora con la guerra in corso, poiché potrebbe mettere a repentaglio lo sforzo ucraino. 

“Se l’assurdità di Novorossiya o altre narrazioni ideologiche semicotte iniziano a diffondersi in Occidente, potrebbe finire per essere usata per fare pressione sull’Ucraina affinché rinunci a vaste aree del suo territorio”, ha detto. 

Ulderico de Laurentiis
Ulderico de Laurentiishttp://www.uldericodelaurentiis.it
Direttore Responsabile de "La Voce del Patriota".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,353FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati