E venne il giorno di AKK: l’erede della Merkel

25 views

Ha un nome quasi impronunciabile, Annegret Kramp-Karrenbauer, un look non proprio accattivante, che la fa sembrare una signorina Rottermeier dei giorni nostri, ma anche un’intelligenza pronta e una notevolissima capacità negoziale, ed è comunque lei, la “delfina” di Angela la donna destinata a sostituire la Merkel come capo della CDU.
E’ un altro risultato memorabile quello della cancelliera tedesca, riconosciuto con un applauso di diversi minuti quando il candidato perdente al congresso, Friedrich Merz, è tornato sul podio per ringraziare e incoraggiare il sostegno a Annegret Kramp- Karrenbauer che se ne stava lì, in disparte sul palcoscenico di questa convenzione del partito ad Amburgo, quasi incredula di quello che le era appena capitato.
56 anni, famiglia cattolica, padre insegnante e preside, Anne vede la luce nella piccola città di Völklingen sul fiume Saar, a pochi chilometri dal confine con la Francia. Da bambina dicono che volesse fare l’ostetrica o, in subordine, l’insegnante di scuola ma nel 1984 si ritrovò a studiare Scienze politiche e giurisprudenza. Prima donna a ricoprire la carica di ministro per gli affari interni nel governo del primo ministro Peter Müller, fece anche parte della delegazione che si occupò nel 2009 di formare un governo CDU-CSU. Nel gennaio 2011 AKK è scelta per succedere a Müller che viene nominato alla Corte Costituzionale. A livello nazionale, Kramp-Karrenbauer è stata anche commissario della Repubblica federale di Germania per gli affari culturali ai sensi del trattato sulla cooperazione franco-tedesca tra il 2011 e il 2014. Ha partecipato anche ai negoziati per un quarto governo di coalizione sotto la Merkel e ha guidato il gruppo di lavoro sulle politiche dell’istruzione. Nel febbraio 2018, Angela Merkel ha nominato la Kramp-Karrenbauer nuovo segretario generale della CDU.  In questa carica, Anne ha gestito il partito e ha supervisionato le campagne elettorali.  Il 26 febbraio 2018 è stata eletto segretario generale alla conferenza del partito CDU, con il 98,87% dei voti dei delegati.
Infine, venerdì scorso – 7 dicembre 2018 – arriva la consacrazione assoluta: con 517 voti su 999, Anne raggiunge la leadership della Democrazia Cristiana tedesca sotto lo sguardo benevolo della sua mentore Angela Merkel, che lascia dopo 18 anni.
Nell’ultima sfida prima della vittoria, in questo congresso di Amburgo, Anne ha tenuto un discorso combattivo, molto più incisivo di quello dei suoi due sfidanti alla presidenza del partito, come ha dimostrato l’intensità dell’applauso che ha ricevuto. “Questo è un momento speciale per me”, ha detto la nuova presidente del partito. “Quando mi sono avvicinata al partito, nel 1981, non ci pensavo proprio, semplicemente ero attratta dalle idee della CDU”. Idee che ha continuato a perseguire fino ad arrivare a ottenere il 98,87% di preferenze quando è stata eletta segretario generale del partito nel febbraio scorso. Oggi, per guadagnarsi la presidenza, si è dovuta accontentare di un risicato 52% nei confronti del suo avversario più quotato, Friedrich Merz che, a differenza di AKK, sosteneva una politica più rigida nei confronti dei migranti.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,917FansLike
4,018FollowersFollow

Leggi anche

Brogli U.S.A.: ecco le 9 accuse chiave della campagna di Trump.

Rudy Giuliani e altri avvocati che rappresentano la campagna elettorale del presidente Donald Trump hanno esposto giovedì in conferenza stampa le loro accuse sui...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Brogli U.S.A.: ecco le 9 accuse chiave della campagna di Trump.

Rudy Giuliani e altri avvocati che rappresentano la campagna elettorale del presidente Donald Trump hanno esposto giovedì in conferenza stampa le loro accuse sui...

Recovery, anche la Slovenia contro il ricatto a Polonia e Ungheria su Stato di Diritto.

"Solo un organo giudiziario indipendente può dire cos'è lo Stato di diritto, non una maggioranza politica", ha scritto Janez Jansa, premier conservatore sloveno, in...

Hong Kong: Joshua Wong, oltre 10Mila arresti per proteste contro regime cinese.

"Parte dell'enorme prezzo sostenuto nella lotta per la libertà e la democrazia a Hong Kong è rappresentato dall'aumento delle vittime giudiziarie. Ad oggi, più...

Terrorismo: “Migliaia di foreign fighters in UE, siamo in costante pericolo”.

"Devono essere prese misure di più ampia portata in modo da poter vivere in sicurezza in Europa e difendere il nostro modello di vita",...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x