Ecco il testo integrale della mozione Libertà e Riaperture di

Riportiamo il testo integrale della mozione che Fratelli d’Italia ha presentato al Senato per chiedere la fine di tutte le restrizioni arbitrarie delle libertà individuali e d’impresa. Sono 4 i punti trattati: No coprifuoco - No obbligo mascherina all’aperto se garantita la distanza di un metro - no limitazioni a visite ad amici e parenti se fatte in sicurezza - E in fine la più importante: riapertura immediata di tutte le attività produttive in sicurezza.

Si vota giovedì 13 maggio. Il Senato ha la possibilità di ripristinare la normalità democratica.

Premesso che:

a distanza di un anno dall’inizio dell’emergenza sanitaria, il bilancio sulla gestione della pandemia è senz’altro negativo, ove si pensi alle mancate forniture dei dispositivi di protezione individuale nelle prime fasi dell’emergenza, alla scarsità dei ventilatori e di risorse a disposizione del personale medico, allo scandalo dei banchi a rotelle rimasti nei magazzini delle scuole e alla costruzione delle cosiddette «primule» per l’inoculazione dei vaccini, allo spreco di risorse, tempo e denaro che potevano essere impiegati in maniera più mirata e utile;

tra l’inizio di gennaio e la fine di febbraio 2020 il Governo ha perso due mesi osservando la diffusione di un possibile nuovo virus in Cina e rassicurando la popolazione ed i cittadini sull’impossibilità che potesse riguardarli, per poi adottare, dall’oggi all’indomani, provvedimenti restrittivi della libertà personale, della libertà di svolgere attività individuali e collettive, di rilievo pubblico e costituzionale (gli spostamenti, lo studio, la cura delle altre malattie, le manifestazioni e riunioni politiche) di portata inedita per numero di cittadini coinvolti e incidenza sulla vita sociale;
dal marzo scorso l’emergenza sanitaria ha assalito non solo fisicamente l’opinione pubblica, attraverso una terroristica e martellante campagna sui mezzi di informazione, occupando tutte le pagine dei giornali, tutti i minuti delle trasmissioni di approfondimento televisivo, portando all’affermarsi di virologi ed epidemiologi come nuove star mediatiche, portatrici di verità da elargire al popolo, spesso contraddittorie tra di loro;

la paura cosi ingenerata ha indotto i cittadini ad accettare le decisioni governative, per quanto apparentemente impopolari esse fossero, spalleggiate da un comitato tecnico-scientifico di nomina governativa e con la totale marginalizzazione del Parlamento, sede naturale di dibattito;

tali misure restrittive hanno comportato una crisi senza precedenti sul piano individuale, sociale ed economico e nonostante questo, il numero dei decessi e dei contagi è rimasto e rimane – ad un anno dalla loro adozione – tra i più alti al mondo;

dopo un anno appare ancora difficile, pena essere accusati di negazionismo, chiedere un bilanciamento tra libertà e sicurezza, tra diritto al e tutela della salute, tra legittime pretese dei giovani a vivere la loro gioventù e degli anziani e dei fragili ad essere protetti;

uno stato di emergenza che si prolunghi oltre l’anno non è più la risposta ad una momentanea difficoltà ma l’istituzionalizzazione di un assetto politico e sociale che mina le fondamenta della democrazia e dei diritti costituzionalmente garantiti;

l’Italia è diventata il modello estremo delle politiche restrittive, in contrapposizione all’impostazione di Stati che hanno limitato poco la vita sociale e le libertà civili (Svezia e Giappone in particolare), senza per questo ottenere risultati peggiori in termini di lotta alla pandemia;

evidenze scientifiche portano a poter sostenere che, pur nell’azione efficace di contrasto alla diffusione del virus, le restrizioni possano essere diversificate per classi di età e di rischio e limitate a quelle strettamente correlate e direttamente connesse al rischio di contagio, eliminando quelle come, ad esempio, l’uso della mascherina all’aperto o il coprifuoco o l’autocertificazione per gli spostamenti o come la chiusura delle attività commerciali, degli impianti sportivi, dei cinema, dei teatri, delle biblioteche, dei musei;

manca una chiara indicazione sul perché si sia ritenuto più pericoloso assistere ad uno spettacolo in numero contingentato ed in sicurezza, piuttosto che affollarsi senza distanziamento sui mezzi pubblici;

con particolare riferimento alla misura del coprifuoco per attività e persone si rileva che la sua efficacia in termini di contenimento del contagio non è sostenuta da alcuna motivazione sanitaria, né avallata da alcun organismo scientifico qualificato, mentre è gravemente lesiva delle libertà individuali sancite dalla nostra Costituzione;

con riferimento all’obbligo dell’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all’aperto le disposizioni appaiono poco chiare e contraddittorie, escludendone – vedi comma 2 dell’articolo 1 del DPCM del 2 marzo 2021 – l’obbligo quando, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantito in modo continuativo l’isolamento da persone non conviventi, mentre al successivo comma 5 individua in un metro la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro con ciò rendendo poco chiaro se è possibile girare senza la mascherina anche nelle via cittadine quando è possibile mantenere questo distanziamento; scarsa chiarezza che porta a subire ingiustificati controlli e sanzioni anche quando non vi siano assembramenti;

anche nel limite stabilito di quattro persone per gli spostamenti e per le visite in casa di amici, parenti e congiunti non conviventi si rilevano incongruenze e paradossi: si stenta a trovare, infatti, una evidenza scientifica per cui un ragazzo libero di muoversi in automobile con i familiari (o di essere ospitato con gli stessi a casa altrui) diventi pericoloso il giorno dopo aver compiuto il diciottesimo anno, vedendosi negata la libertà goduta fino a qualche ora prima; si stenta a trovare, ancora, una evidenza scientifica per cui quattro persone ospiti in un monolocale siano meno pericolose di sei in un ampio giardino o terrazzo pertinenziali ad un’altra abitazione o in un castello privato;

risulta, altresi, incomprensibile la chiusura delle attività commerciali, degli impianti sportivi, dei cinema, dei teatri, delle biblioteche, dei musei, nonchè delle attività di ristorazioni al chiuso anche quando possono essere consentite le distanze di sicurezza e disposte adeguate misure anticontagio, come, ad esempio, la dotazione di strumenti adatti a garantire il ricambio dell’aria e la di sanificazione all’interno dei locali; considerato, dunque, che

l’uscita dalla crisi sociale determinata dalla pandemia passa necessariamente attraverso la restituzione del pieno godimento delle libertà individuali alle persone ed è necessario restituire ai cittadini fiducia nel prossimo;

è urgente e necessario un bilanciamento dei diversi interessi e beni primari dei cittadini evitando misure estreme e unilaterali, ricordando che esiste un legame, che non può essere trascurato, tra crisi economica, chiusura di imprese, conseguente perdita dell’occupazione e salute psicofisica dei cittadini; impegna il Governo

a rimuovere l’inutile misura del coprifuoco alle 22, la cui efficacia in termini di contenimento del contagio non è stata mai provata, né avallata da alcun organismo scientifico qualificato;

a chiarire che l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all’aperto si impone solo e soltanto non sia possibile assicurare una distanza interpersonale di almeno un metro, come indicato nel comma 5 dell’articolo 1 del DPCM 22 marzo 2021;

a rimuovere il limite di una visita al giorno presso una sola abitazione privata (di amici, parenti e congiunti non conviventi), nonchè quello relativo al numero di persone che possano ivi recarsi ove le caratteristiche dell’abitazione e le circostanze di fatto consentano di mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro;

a rendere immediate le riaperture di tutte le attività commerciali, degli impianti sportivi, delle attività di ristorazione anche al chiuso e dei luoghi della cultura — biblioteche, teatri, cinema, musei – ove siano disposte adeguate misure anticontagio e nel rispetto dei protocolli di sicurezza;

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,912FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x