Le elezioni in Francia e il flop clamoroso dei partiti che governano l’Ue

Per registrare la distanza siderale fra le dinamiche di Bruxelles e l’Europa reale un dato macroscopico è stato fornito dalle Presidenziali francesi. Si tratta di un elemento “laterale”, secondo il grosso dell’informazione, rispetto alla sfida Macron-Le Pen ma in realtà dice tantissimo ben al di là di chi guiderà l’Eliseo per i prossimi cinque anni.

Parliamo dell’implosione, rovinosa, del Ppe e del Pse: rappresentati nell’esagono francese dai Repubblicani e dai Socialisti. Insieme, i due partiti che “governano l’Ue”, hanno ottenuto il 7%: un flop così clamoroso che solo l’adesione precipitosa dei suoi leader alla causa macroniana – ossia l’arco costituzionale contro la Le Pen in vista del secondo turno – è riuscita parzialmente a schermare.

Eppure l’evidenza non si può nascondere: nella seconda potenza europea, dopo la Germania, i due partiti “di sistema” non rappresentano praticamente nessuno. Scalzati e prosciugati dal populismo tecnocratico di Emmanuel Macron – un po’ di destra un po’ di sinistra: perfetto ogm – e incapaci di riformulare, a destra come a sinistra, un minimo di agenda politica a fronte delle ottime performance di Marine Le Pen e di Meléchon o di fronte all’arrivo di un outsider identitario come Zemmour e del primo segnale di vita dei Verdi.
Si dirà: è un problema tutto francese.

Assorbito entro i suoi confini e con Macron capace di fornire comunque un argine “europeista”. In piccola parte sì. Ma in grande parte no. Iniziando dal fatto che l’operazione Macron non si coniuga perfettamente – tutt’altro – con il progetto unionista e con la melassa del grande coalizione: si tratta, piuttosto, del tentativo di un enarca francese – dotato della giusta dose di bonapartismo – di occupare il vuoto lasciato da Angela Merkel alla guida dell’Ue. Tralasciando i sogni di grandeur di Macron, la novità determinata dalle Presidenziali conferma una tendenza in atto presente in tutte le maggiori realtà Ue e non.

Non sarà sfuggito, a esempio, che proprio nella patria naturale della “grande coalizione” – la Germania – il patto popolari-socialisti sia saltato: con i popolari che dopo la lunghissima stagione Merkel hanno perso drammaticamente lo scettro. Non solo: adesso i socialdemocratici governano con l’appoggio dei Verdi e dei liberali. Un colpo durissimo per il “motore immobile” del Ppe: la Cdu tedesca. Altrove, poi, non c’è spazio per riproposizioni in scala dell’alleanza di Bruxelles: in Spagna, ad esempio, la logica dell’alternanza è così radicata che (a differenza di ciò che avviene da noi) si torna al voto ogni volta che una maggioranza in Parlamento non è chiara. In Polonia e in tutte le nazioni di Visegrad, poi, la tenuta è assicurata da governi “conservatori” – la maggioranza dei quali rappresentati proprio da Ecr più l’ex Ppe Orbàn – che nulla hanno a che fare con il sincretismo ideologico in atto fra popolari e socialisti: figuriamoci con le larghe intese. Stesso discorso – a parti inverse – nelle Nazioni del Nord, dove la socialdemocrazia governa senza mediazioni strutturali.
Dov’è che va male, dunque, lo schema che governa l’Europa? Come abbiamo visto, nelle tre Nazioni principali: in Germania, con il crollo dei popolari, in Francia, con la scomparsa di gollisti e socialisti e in Italia. Già, nel Belpaese le larghe intese – tentativo tecnocratico di mutuare il modello di Bruxelles senza passare dalle elezioni – la crisi dei partiti “eurolirici” è rappresentata plasticamente da Forza Italia, inesorabilmente scivolata come terza gamba del centrodestra, da un Pd che non riesce a dettare una vera agenda nel campo progressista e dall’assoluta mancanca di un’offerta strutturata da parte dei cespugli centristi.

Ad emergere, invece, è la proposta integralmente bipolarista, piantata nel campo della destra di governo e riconosciuta da tutti gli osservatori più accreditati come tale: quella di Fratelli d’Italia. Non a caso si tratta della forza politica – a nome di Ecr – che in Europa lavora di più per smontare l’intesa Ppe-Pse che ha portato negli anni i popolari a una sottomissione di fatto all’utopismo decrescita e liberal dei socialisti e al trionfo del fanatismo “woke”. Il risultato di questo impianto si riscontra nella disaffezione, nell’abbandono tornata dopo tornata, dell’elettorato nei confronti delle famiglie dei popolari e dei socialisti che sostengono di rappresentare il progetto unionista europeo. L’alternativa concreta e confederale proposta da in scala continentale, al contrario, monta, si alimenta di suggestioni su cui può rivendicare preveggenza e ampia letteratura – indipendenza energetica, sovranità alimentare, politica estera comune – ed avrà in Italia la sua prova del nove.

2 Commenti

  1. Avendo vissuto a Parigi negli scorsi anni prima del covid, vi posso dire che Macron è profondamente detestato, sicuramente il suo risultato è derivato da frode elettorale. Il presidente francese più odiato della storia, responsabile durante l’episodio dei Gilet gialli di 17 morti e 3100 feriti, violenze della polizia sui manifestanti, carri armati a marzo in occasione del Convoglio della libertà con multa di 135 euro per innocenti francesi che portavano la bandiera francese !!!! Macron non poteva passare il turno, c’è frode ! Speriamo che al secondo turno per miracolo la frode fallisca e Marine Le Pen passi, ma tutti gli altri politici, anche Melenchon (!!) martellano di sbarrarle la strada… per mascherare forse la massiccia frode cui assisteremo… I voti son contati dalla società Dominion, la stessa delle macchine elettorali americane….In ogni caso Macron ha sangue dei suoi cittadini sulle spalle ed è il più detestato politico in Francia fra la gente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,402FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati