Elezioni Corea del Sud: vincono i conservatori del People Power Party

Nelle elezioni più aspre e serrate che si ricordino, giovedì il conservatore Yoon Suk-yeol ha vinto la presidenza della Corea del Sud, battendo di poco il candidato progressista del partito al potere, Lee Jae-myung. Con il conteggio dei voti già completato a tarda notte, Yoon ha ottenuto il 48,56% dei voti e Lee il 47,83%. La loro differenza, di soli 0,73 punti percentuali, è la più piccola registrata in un’elezione in Corea del Sud e riflette la forte divisione nella società, primo compito da superare per il nuovo presidente.

“Noi, il popolo della Repubblica di Corea, siamo uno. Indipendentemente dalla regione, dal o dalla classe, il popolo della Repubblica di Corea è uguale in questa nazione ovunque si trovi e dovrebbe essere trattato in modo equo.

Considererò l’unità nazionale come la mia massima priorità”, ha promesso Yoon davanti ai deputati del People’s Power Party (PPP), secondo l’agenzia di stampa Yonhap.

Il nuovo presidente sudcoreano sostiene una politica di difesa nazionale più severa con il regime comunista di Pyongyang, che è tornato ai suoi test missilistici ed è sospettato di preparare un nuovo test nucleare. Yoon non solo sostiene l’espansione dello scudo antimissilistico con i lanciatori statunitensi THAAD , che sono anche fonte di attrito con la Cina, ma ha persino suggerito la possibilità di effettuare un attacco preventivo contro la Corea del Nord per porre fine alle loro minacce. Poche parole che sono state pesantemente criticate dai progressisti per aver aumentato ulteriormente la tensione militare in un mondo già abbastanza agitato dall’invasione russa dell’Ucraina.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,355FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati