Elezioni in Spagna: vendere la pelle dell’orso prima di averlo ucciso

Pubblichiamo l'analisi del voto spagnolo a cura di Álvaro Peñas per Deliberatio.

Due settimane fa, Alberto Núñez Feijóo si è visto presidente e chiaro vincitore delle elezioni generali in Spagna. I risultati delle elezioni regionali e locali del 28 maggio e la maggior parte dei sondaggi prevedevano uno spostamento a destra e un cambio di governo.

Feijóo ha avuto un dibattito con Pedro Sánchez, in cui è risultato nettamente migliore del suo rivale. Tuttavia, ha condotto una campagna in cui, invece di attaccare i socialisti e la loro corruzione, si è dedicato a demonizzare VOX. Ha dichiarato più volte che preferiva stringere un patto con i socialisti piuttosto che con il partito di Abascal. Questa manovra mirava a conquistare i voti della sinistra, ma allo stesso tempo era l'ennesima conferma che i dirigenti del PP si trovavano molto a loro agio con l'ideologia progressista e ne assumevano quasi tutti i postulati: femminismo, gender, cambiamento climatico… Feijóo ha anche insistito sul “voto utile”, cioè la concentrazione di tutti i voti della destra e degli elettori di VOX per il PP. A causa del nostro sistema elettorale, questo appello al voto utile è talvolta controproducente, come è stato dimostrato ancora una volta in queste elezioni – perché l'indebolimento dell'alleato del partito rende la sua vittoria elettorale di Pirro. Nell'ultima settimana di campagna elettorale è stato organizzato un nuovo dibattito tra i quattro grandi partiti: PSOE, PP, VOX e Sumar. Tuttavia, il presidente del Partido Popular ha preferito non presentarsi, ritenendo di aver già vinto le elezioni e che si trattasse di un “dibattito dei perdenti”. Feijóo non è andato a vincere le elezioni, si è seduto sul portico di casa sua a guardare il passaggio del cadavere politico di Pedro Sánchez. Questo errore gli è costato caro. Il Partido Popular ha aumentato il numero dei suoi deputati di 42 unità, salendo a 136 e ottenendo più di 7 milioni di voti, ma questo non basta. Ecco perché l'immagine di Feijóo circondato dalla sua leadership che festeggia la vittoria sembra uno scherzo di cattivo gusto; uno scherzo che non è stato trovato divertente dall'unico leader del PP che non si è vestito di bianco per l'occasione: Isabel Díaz Ayuso.

VOX è passato da 52 deputati a 33 – più di un terzo della sua rappresentanza al Congresso, nonostante la perdita di un sesto dei suoi elettori, cioè più di 600.000. Il VOX ha subito una tremenda campagna mediatica di demonizzazione e a favore del voto utile. Questo è vero, ed è stato il prezzo da pagare per essersi opposto al politicamente corretto. Ma ci sono dettagli preoccupanti, come il caso di Castilla y León, dove VOX governa da due anni insieme al PP, e dove solo uno dei sei deputati ottenuti nel 2019 è stato mantenuto. Il partito di Abascal deve riflettere profondamente su quanto è accaduto e non cadere nel compiacimento o nel vittimismo, perché una riflessione seria è più che mai necessaria.

Quello che nessuno si aspettava sono i buoni risultati del Partito socialista. Nonostante le bugie, gli scandali di corruzione, le concessioni ingiustificate al Marocco e gli accordi con i sostenitori dell'indipendenza, i socialisti hanno ottenuto più di 7 milioni di voti e 122 seggi, due in più rispetto al 2019. La sera delle elezioni, Sánchez ha esultato rivolgendosi ai suoi sostenitori che gridavano “No pasarán”, il grido delle milizie durante la guerra civile spagnola. Gran parte della sinistra spagnola è ancora ancorata ai tempi della guerra civile e dello scontro, e questo è ciò che offre il PSOE di Pedro Sánchez. Alla sua sinistra, Sumar, la coalizione della comunista Yolanda Díaz, è riuscita a ricomporre i resti di Podemos e ha ottenuto 31 seggi, 8 in meno rispetto al 2019, e 700.000 voti in meno. A differenza di quanto fatto dal PP con VOX, i media del PSOE hanno sbianchettato i comunisti, cosa che hanno fatto anche i media legati al PP. Nonostante una campagna infantile e imbarazzante, 3 milioni di spagnoli hanno votato per Sumar. Díaz ha celebrato i risultati come una vittoria contro l'”estrema destra”.

Possibili accordi elettorali

L'unica possibilità per Núñez Feijóo di essere eletto presidente sarebbe quella di contare sull'appoggio dei 5 deputati del Partito Nazionalista Basco (PNV), dato che il PP, Vox e i due deputati dell'Unión del Pueblo Navarro e di Coalición Canaria sommano 171 seggi. Un sostegno che, con ogni probabilità, non arriverà. A sinistra, PSOE e Sumar hanno 153 seggi e hanno bisogno di tutte le forze pro-indipendenza: 7 di ERC, 6 di EH Bildu e 1 del Bloque Nacionalista Galego. Più il PNV, hanno 172 deputati, uno in più del blocco del PP, ma avrebbero bisogno almeno dell'astensione del partito di Carles Puigdemont, Junts, che ha 7 seggi. Il Sumar, che ha già offerto a Sánchez di ripetere la coalizione di governo, sta negoziando anche con l'ex presidente catalano e latitante, il cui prezzo per facilitare l'investitura di Sánchez è “amnistia e autodeterminazione”. Sánchez, che si è accordato con i separatisti catalani sull'indulto e sull'eliminazione del reato di sedizione, potrebbe formare un nuovo governo “Frankenstein”. Così il futuro della Spagna sarà nelle mani di un latitante come Puigdemont o di un detenuto terrorista come Otegui. Il costo di questo nuovo governo sarà pagato da tutti noi.

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x