Elezioni. Mons. Suetta: “Sconfitti pensiero unico e relativismo”

La vittoria di Giorgia ha fatto emergere “una sensibilità del nostro popolo e della nostra storia, segnati da una tradizione di umanesimo cristiano e dunque incompatibile con le esasperazioni espresse dalla cultura di sinistra”.

È quanto sottolinea monsignor Antonio Suetta, vescovo della diocesi Ventimiglia-Sanremo, in una intervista a “Charta Minuta”, rivista online della Fondazione FareFuturo.

Rispondendo alle domande del direttore di “Charta”, Mauro Mazza, il vescovo sostiene che “la sinistra ha disertato le vere questioni e necessità della gente per promuovere, anche con una certa violenza politica e propagandistica, pericolosissime ideologie. Le diverse formazioni della sinistra – anche le più moderate e magari a loro dire vicine al mondo cattolico – sono pericolosamente inficiate dalla dittatura del relativismo etico”.

Mons. Suetta, nel successo di Fratelli d’Italia e del centrodestra, non vede un voto di protesta, ma “il risveglio di un’autentica civiltà politica, capace di riscoprire e rivitalizzare la formidabile tradizione del nostro popolo e di promuovere, specialmente nella famiglia e nella scuola, una sempre più necessaria capacità discrezionale circa i valori autentici su cui fondare la vita dell’uomo e la società”. Quanto all’egemonia del cosiddetto “pensiero unico” in Europa, Suetta è fiducioso che possa essere contrastato dalla presenza della Chiesa e dalle scelte della politica: “L’unione fa la forza…ed oggi, qua e là, si notano parecchie e felici crepe nella disinvolta ostentazione del ‘pensiero unico’, che si candiderebbe a governare il mondo”.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
11,213FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati