Elezioni. Rauti (FdI): altro che atto di guerra, blocco navale previsto dalla stessa Ue

Il “blocco navale” che chiede Fratelli d’Italia è una missione militare europea, fatta in accordo con le autorità degli Stati di provenienza, per impedire ai barconi di immigrati di mettersi in viaggio verso l’Italia. Non si tratta, quindi, di respingimenti perché questi avvengono in mare aperto. Peraltro, la missione dovrebbe inoltre prevedere la creazione di hotspot sui territori di partenza, gestiti direttamente dall’Unione europea e dalla comunità internazionale, all’interno dei quali espletare le procedure di identificazione dei e di valutazione della sussistenza dei requisiti per le istanze di protezione internazionale, e dove stabilire l’equa distribuzione di chi ne ha diritto tra i 27 Stati membri. Insomma, il blocco navale era previsto dalla stessa Ue, all’interno della stessa missione Sophia prevedeva in una fase successiva la distruzione delle imbarcazioni e delle strutture logistiche usate dai contrabbandieri e trafficanti sia in mare che a terra, ma soprattutto non rappresenta un atto di guerra. Questo sarà uno dei primi impegni di al governo”.

Lo dichiara la senatrice di Fratelli d’Italia, Isabella Rauti, capogruppo in Commissione Difesa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,744FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati