Elezioni svedesi: il disastro multiculturale mette le ali ai Conservatori

Proponiamo la traduzione dell'articolo di Álvaro Peñas pubblicato oggi su El Correo de Espana.

A pochi giorni dalle elezioni in Svezia, il “Paese più pericoloso d’Europa” per la stampa tedesca, il partito Sweden Democrats (SD) è diventato il secondo partito nelle intenzioni di voto, sfiorando il 22% dei consensi popolari, il 4% in più rispetto ai suoi risultati nelle elezioni del 2018. Sweden Democrats è un partito nazionale, conservatore e social-conservatore che fa parte di ECR, il gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei che comprende, tra gli altri, Fratelli d’Italia e VOX. Conosciuto per la sua opposizione all’ di massa, il partito ha ricevuto le solite etichette di “estrema destra”, “xenofobo” e “razzista”, e ha subito un cordone sanitario da parte degli altri partiti politici.

Dire che il Re è nudo ha un prezzo elevato.

Ma la realtà è ostinata e la situazione è arrivata a un punto tale che persino i creatori del cosiddetto “paradiso svedese”, i socialdemocratici, riconoscono ora il suo fallimento. Il primo ministro Magdalena Andersson ha dichiarato in un’intervista al quotidiano Dagens Nyheter che i ghetti etnici nelle grandi città sono un terreno fertile per la criminalità organizzata: “Non vogliamo Chinatown in Svezia, non vogliamo ‘villaggi somali’ o Little Italy”. Una dichiarazione del fallimento del multiculturalismo, anche se la realtà è che né i cinesi né gli italiani sono responsabili delle sparatorie tra bande, degli stupri e degli omicidi che sono il pane quotidiano del Paese nordico. E, naturalmente, né i cinesi né gli italiani hanno nulla a che fare con l’applicazione della sharia nelle sempre più comuni zone “No Go”.

Molti hanno interpretato lo slancio di sincerità del primo ministro come un disperato tentativo di “tenere a freno l’estrema destra” e di ridurre il sostegno alle misure anti- dei Democratici di Svezia. Ma la verità è che non è la prima volta che Andersson riconosce che le politiche progressiste del buonismo e dell’ non hanno funzionato. Nel 2017, quando era ministro delle Finanze, Andersson ha lamentato la decisione del suo governo di permettere a 180.000 immigrati di stabilirsi in Svezia durante la crisi migratoria del 2015/16: “L’integrazione non funziona correttamente. Non funzionava nemmeno prima dell’autunno 2015, ma per me è ovvio che non possiamo avere un numero di richiedenti asilo superiore a quello che siamo in grado di integrare. Questo non è un bene per le persone che vengono qui e non è un bene per la società in generale.

Le ultime dichiarazioni di Andersson hanno provocato l’uscita dal partito di Saida Hussein Moge, candidato di origine somala per Göteborg, che ha affermato che i socialdemocratici sono “diventati più xenofobi”.

Tuttavia, sono sulla stessa linea del Ministro per l’Integrazione e la Migrazione, Anders Ygeman, che ha dichiarato che gli svedesi vogliono limitare la concentrazione di persone di origine immigrata nelle aree più problematiche delle città. Tuttavia, nonostante questo cambiamento, secondo un recente sondaggio, solo il 16% degli svedesi sostiene la politica di immigrazione dei socialdemocratici e solo il 9% quella del partito moderato. Come previsto, la politica di immigrazione della Svezia non è una questione di ordine pubblico. Non sorprende che la politica di immigrazione più sostenuta sia quella dei Democratici di Svezia, con il 35%. Nello stesso sondaggio condotto in aprile, il sostegno era del 26%.
Alla luce di queste cifre, la risposta dei socialdemocratici non è stata una sorpresa. Seguendo l’esempio di Joe Biden, il ministro Ygeman e il ministro della Difesa Peter Hultqvist hanno dichiarato venerdì in una conferenza stampa che i Democratici di Svezia sono una “minaccia per la sicurezza e la politica estera del Paese”. “Non c’è dubbio che i legami dei Democratici di Svezia con la Russia possano rappresentare un rischio per la sicurezza della Svezia”, ha dichiarato Ygeman. Per buona misura, i socialdemocratici stanno mentendo. SD ha sostenuto l’ingresso della Svezia nella NATO, abbandonando la sua posizione di neutralità, dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Per quanto riguarda la loro visione della Russia di Putin, ecco cosa ha detto il loro europarlamentare Charlie Weimers al Parlamento europeo: Gli utili idioti del Cremlino si trovano storicamente a sinistra. Mi rattrista che alcuni a destra si siano infatuati del finto conservatorismo di Putin. Tutti i conservatori dovrebbero sapere che Putin non è un bastione tradizionalista che si oppone al debole Occidente “sveglio”. Putin ha costruito un sistema moralmente fallimentare. Corruzione, omicidi, furti, bugie e ora: mandare i giovani russi a morire mentre uccidono i loro fratelli slavi. Putin sta difendendo il cristianesimo usando fanatici islamici ceceni e mercenari siriani in Ucraina? Costringere 1,5 milioni di persone ad abbandonare la propria patria e a separare le famiglie? È in linea con i “valori della famiglia” e il rispetto dell’amor di patria e dell'”amore per il prossimo”? Il bombardamento di aree residenziali è compatibile con il comandamento “Non uccidere”? Svegliatevi. Il nemico dei vostri nemici non è vostro amico. L’imperialismo è l’antitesi delle nazioni libere.
Usare la lettera di Putin contro i democratici svedesi è completamente assurdo. Il leader di SD Jimmie Åkesson ha risposto in un articolo alla farsesca conferenza stampa sottolineando che il vero pericolo per la Svezia è il Partito Socialdemocratico, un partito di sinistra e favorevole all’immigrazione di massa: “Abbiamo visto una retorica simile da altri partiti autoritari e potenti in tutto il mondo. Stanno semplicemente cercando di diffondere paura, bugie e teorie cospirative sull’opposizione perché hanno paura di perdere il potere”.

I sondaggi mostrano un pareggio tecnico tra il blocco di sinistra e quello di destra. A sinistra, i socialdemocratici rimangono la principale forza politica e sono sostenuti dai Verdi, dal Centro e dalla Sinistra. Nel blocco di destra, i Democratici di Svezia occuperebbero il primo posto, seguiti dal Partito moderato, dai Cristiano-democratici e dai Liberali. Finora questi partiti si sono rifiutati di formare una coalizione con i nazional-conservatori, ma se i sondaggi saranno confermati e i Democratici di Svezia otterranno più del 20%, gli altri partiti di destra non avranno altra scelta che cercare un accordo se vogliono davvero entrare nel governo.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,748FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati