Elogio del giornalismo in prima linea

Il mazzo delle alternative possibili si sta decisamente assottigliando. Guerra o resa? Sembrerebbe profilarsi questo triste scenario. La pace non è al momento contemplata. La diplomazia lavora per se stessa e non fa trasparire nulla di buono. Nemmeno la Santa Sede viene ascoltata: la proposta di mediazione del Pontefice respinta e ignorata. Si assiste a un dialogo paradossale tra sordi e muti. Ci si prostra davanti al Dragone, o al Sultano di turno, mostrando al mondo intero l’inconsistenza dell’Europa e la miopia dei suoi rappresentanti politici. Uno scenario che scoraggia e alimenta ben poche speranze.
In questi giorni cupi, a chi si deve rivolgere un doveroso tributo? Chi merita rispetto e incoraggiamento? Lungo quali sentieri dovrebbe incamminarsi la nostra gratitudine?
Al mondo del giornalismo impegnato e libero, quello che opera eroicamente nelle zone di guerra. Uomini e donne che, a rischio della propria vita, si addentrano in territori martoriati, animati dal desiderio di catturare la verità, di restituire immagini, e ricostruzioni, autentiche e veritiere dei drammi in atto. Sospinti dal coraggio e dall’abnegazione, affrontano fatiche, paure, guardando in faccia la morte, ad ogni passo. Sono padri, madri, fratelli, sorelle, figli di tutti noi. Orgoglio dell’umanità intera, riserva preziosa, in un’epoca dominata, invece, dal mondo dell’opinionismo disinformato e prevenuto, emozionale e acritico. Da sempre in prima linea, contro ogni espressione di “webetismo” senza cultura ed esperienza, quali il ciarlare irresponsabile e privo di contenuto, il tronfio discettare sul nulla, il dire amabile sul futile e il bearsi nell’insipienza diffusa.
Grazie a questi umili servitori, martiri e testimoni, aedi della parola, custodi della sacralità del tempo.
Luca Bugada

Luca Bugada
Luca Bugada
Luca Bugada, dottore magistrale in filosofia e in scienze storiche, insegnante, collabora con diverse testate giornalistiche e scientifiche, promuovendo cultura e memoria del sapere. "Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare" (Lucio Anneo Seneca)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,495FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati