‘Erano furiosi’: i soldati russi si rifiutano di combattere in Ucraina

Le truppe dicono no agli ufficiali, sapendo che la punizione è leggera perché la Russia non è tecnicamente in guerra

Quando all’inizio di aprile ai soldati di una brigata d’élite dell’esercito russo è stato detto di prepararsi per un secondo dispiegamento in Ucraina, tra i ranghi è scoppiata la paura.
L’unità, di stanza nell’estremo oriente della Russia in tempo di pace, è entrata per la prima volta in Ucraina dalla Bielorussia quando la guerra è iniziata alla fine di febbraio e ha assistito a duri combattimenti con le forze ucraine.
“È diventato presto chiaro che non tutti erano d’accordo. Molti di noi semplicemente non volevano tornare indietro”, ha detto Dmitri, un membro dell’unità che ha chiesto di non essere identificato con il suo vero nome. “Voglio tornare dalla mia famiglia, e non in una bara”.
Insieme ad altre otto persone, Dmitri ha detto ai suoi comandanti che si rifiutava di partecipare all’invasione. “Erano furiosi. Ma alla fine si sono calmati perché non potevano fare molto”, ha raccontato. È stato presto trasferito a Belgorod, una città russa vicina al confine con l’Ucraina, dove è rimasto da allora. “Ho prestato servizio nell’esercito per cinque anni. Il mio contratto scade a giugno. Sconterò il tempo rimanente e poi me ne andrò”, ha detto. “Non ho nulla di cui vergognarmi. Non siamo ufficialmente in stato di guerra, quindi non possono obbligarmi a partire”.
Il rifiuto di Dmitri di combattere evidenzia alcune delle difficoltà militari che l’esercito russo ha dovuto affrontare in seguito alla decisione politica del Cremlino di non dichiarare formalmente guerra all’Ucraina – preferendo invece descrivere l’invasione, che presto raggiungerà il quarto mese, come una “operazione militare speciale”.
Secondo le regole militari russe, le truppe che si rifiutano di combattere in Ucraina possono essere licenziate ma non possono essere perseguite, ha dichiarato Mikhail Benyash, un avvocato che ha assistito i soldati che hanno scelto questa opzione.
Benyash ha detto che “centinaia e centinaia” di soldati si sono messi in contatto con il suo team per chiedere consigli su come evitare di essere mandati a combattere. Tra questi, 12 guardie nazionali della città meridionale russa di Krasnodar che sono state licenziate dopo essersi rifiutate di andare in Ucraina.
“I Comandanti tentano di minacciare i loro soldati di andare in prigione se dissentono, ma noi diciamo ai soldati che possono semplicemente dire di no”, ha detto Benyash, aggiungendo di non essere a conoscenza di casi penali contro soldati che si sono rifiutati di combattere. “Non ci sono basi legali per avviare un procedimento penale se un soldato si rifiuta di combattere mentre si trova in territorio russo”. Molti soldati, quindi, hanno scelto di essere licenziati o trasferiti piuttosto che finire nel “tritacarne”, ha detto.
Un resoconto simile a quello di Dmitri è stato fornito al servizio russo della BBC da Sergey Bokov, un soldato di 23 anni che alla fine di aprile ha deciso di lasciare l’esercito dopo aver combattuto in Ucraina. “I nostri Comandanti non hanno nemmeno discusso con noi perché non siamo stati i primi ad andarcene”, ha detto Bokov.
Facendo riferimento alle leggi militari russe, Benyash ha affermato che sarebbe più difficile per i soldati rifiutarsi di combattere se la Russia dovesse dichiarare una guerra su larga scala. “In tempo di guerra, le regole sono totalmente diverse. Il rifiuto comporterebbe pene molto più severe. Si rischierebbe il carcere”.
Anche se il numero esatto di soldati che si rifiutano di combattere rimane poco chiaro, queste storie illustrano quello che, secondo gli esperti militari e i governi occidentali, è uno dei maggiori ostacoli della Russia in Ucraina: una grave carenza di soldati di fanteria.
Secondo i funzionari occidentali, Mosca ha inizialmente messo in guerra circa l’80% delle sue principali forze di combattimento di terra – 150.000 uomini – a febbraio. Ma l’esercito è stato danneggiato in modo significativo, dovendo affrontare problemi logistici, morale basso e una resistenza ucraina sottovalutata.
“Putin deve prendere una decisione sulla mobilitazione nelle prossime settimane”, ha dichiarato Rob Lee, analista militare. “La Russia non ha unità di terra sufficienti con soldati a contratto per una rotazione sostenibile. Le truppe si stanno esaurendo: non saranno in grado di continuare per un lungo periodo”.
Lee ha detto che un’opzione per il Cremlino sarebbe quella di autorizzare il dispiegamento di unità di coscritti in Ucraina, nonostante le precedenti promesse di Putin che la Russia non avrebbe utilizzato alcun soldato di leva nella guerra. “I coscritti potrebbero colmare alcune lacune, ma saranno scarsamente addestrati. Molte delle unità che dovrebbero addestrare i coscritti stanno combattendo loro stesse”, ha detto Lee.
Ma senza battaglioni di leva, la Russia potrebbe presto “faticare a tenere il territorio che attualmente controlla in Ucraina, soprattutto quando l’Ucraina riceverà un equipaggiamento migliore dalla NATO”, ha detto.
Le autorità russe hanno silenziosamente intensificato gli sforzi per reclutare nuovi soldati quando è diventato chiaro che una vittoria rapida in Ucraina era irraggiungibile.
Un’inchiesta del servizio russo della BBC ha mostrato che il ministero della Difesa russo ha riempito i siti web di offerte di lavoro, offrendo a persone senza esperienza di combattimento l’opportunità di entrare nell’esercito con lucrosi contratti a breve termine. Alcune grandi aziende gestite dal governo hanno ricevuto lettere che le esortavano ad arruolare il proprio personale nell’esercito.
La Russia si è anche rivolta a mercenari per rafforzare i suoi sforzi bellici, impiegando combattenti del gruppo ombra Wagner, legato al Cremlino.
Secondo gli analisti, però, è improbabile che le reclute volontarie e i gruppi di mercenari portino a un aumento sostanziale del numero di nuovi soldati, rispetto a quello che comporterebbe una mobilitazione parziale o su larga scala.
Nonostante le speculazioni precedenti, Putin non ha formalmente dichiarato guerra all’Ucraina durante il suo discorso per la Giornata della Vittoria del 9 maggio.
Andrei Kolesnikov, senior fellow del Carnegie Endowment, ha affermato che le autorità potrebbero temere che una mobilitazione generale possa inimicarsi ampie fasce della popolazione che sostengono la cosiddetta “operazione speciale”.
I russi “potrebbero essere favorevoli al conflitto, ma in realtà non vogliono combattere”, ha affermato, aggiungendo che una mobilitazione generale comporterebbe “perdite colossali di soldati non addestrati”.
Sebbene lo stato attuale del conflitto offra ai soldati russi una via legale per rifiutare la partecipazione, alcuni soldati si sono lamentati del fatto che ciò ha portato a non essere adeguatamente assistiti.
Un sergente minore ha raccontato di essere stato ferito durante uno dei recenti attacchi ucraini al territorio di confine russo dove era di stanza. I suoi superiori hanno sostenuto che non dovrebbe ricevere il risarcimento monetario fino a 2.500 sterline a cui i russi feriti hanno diritto per legge, perché il suo infortunio è avvenuto sul territorio russo – il che significa che non rientra nelle regole dell'”operazione militare speciale” della Russia.
“È ingiusto, sto combattendo in questa guerra proprio come gli altri in Ucraina, rischiando la mia vita”, ha detto il soldato. “Se non otterrò presto il risarcimento che mi spetta, renderò pubblica la cosa e la trasformerò in una questione seria”.
Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,403FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati