martedì, Settembre 22, 2020

Esclusivo: ecco come la Turchia di Erdogan recluta giovani islamisti

Turchia. Uno degli aspetti più inquietanti ma meno esaminati delle strategie neo-ottomane del presidente sultano Erdogan, riguarda le politiche attuate in ambito giovanile dal partito islamista di cui è leader incontrastato e incontrastabile. Nel corso dei suoi 16 anni di predominio, l’AKP (Adalet ve Kalkınma Partisi – Partito per la Giustizia e lo Sviluppo, nome tipico dei partiti espressione della Fratellanza Musulmana) ha concentrato l’attenzione sullo sviluppo di una forte militanza e di una marcata identità politico-religiosa nelle nuove generazioni a livello sia domestico che internazionale. Grande impulso è stato quindi dato all’associazionismo studentesco, in particolare con la creazione di due organizzazioni: UDEF (Uluslararası Öğrenci Dernekleri Federasyonu – Federazione delle Associazioni Studentesche Internazionali, www.udef.org.tr) e TUGVA (Türkiye Gençlik Vakfı – Fondazione della Gioventù della Turchia, www.tugva.org), nate rispettivamente nel 2012 e nel 2013. Pur collocandosi ufficialmente sotto l’alto patronato del governo, sono entrambe emanazioni dell’AKP e della sua linea islamista.

A differenza di TUGVA, dedicata soprattutto a studenti e giovani professionisti di nazionalità turca, UDEF si rivolge al crescente numero di studenti musulmani stranieri presenti in Turchia e provenienti da Medio Oriente, Asia, Africa e Balcani. Questi oggi superano i 110 mila (nel 2004 erano 12 mila) e tra i suoi iscritti ne vanta ben 80 mila (in crescita esponenziale rispetto ai 30 mila del 2013). Con sede a Istanbul, la rinnovata capitale della Turchia neo-ottomana di Erdogan, UDEF raccoglie oltre 50 associazioni studentesche basate in più di 40 città (www.udef.org.tr/derneklerimiz) e agli studenti stranieri fornisce assistenza, borse di studio e formazione politica, culturale e spirituale.

UDEF riserva una particolare attenzione agli studenti che arrivano dalla Siria per agevolarne le pratiche d’iscrizione all’università e altre questioni burocratiche. Gli studenti siriani che in Turchia usufruiscono di una borsa di studio sono oltre 2.000 ed è stata avanzata l’idea di costituire un college destinato solo ai rifugiati siriani. Obiettivo dell’UDEF è inoltre quello di accrescere l’offerta dell’insegnamento universitario in lingua araba, in modo da aumentare l’affluenza di studenti dal Medio Oriente.

Studenti di UDEF in preghiera a sostegno dell’Esercito Turco.

TUGVA, basata anch’essa a Istanbul, è presente in tutte le 81 province della Turchia e mette a disposizione borse di studio per i turchi e alloggi anche per studenti stranieri. Rispetto all’UDEF, ha un profilo maggiormente politico, volto alla formazione di una nuova classe dirigente che risponda ai criteri dell’AKP.

In entrambi i casi, l’orientamento islamista è comunque univoco e trova piena corresponsione tra gli studenti sia turchi che stranieri, presso i quali è frequente l’uso della “rabia”, il saluto a quattro dita tipico dei Fratelli Musulmani; l’ex presidente egiziano Morsi è considerato un’icona, insieme allo sheikh Yusuf Al Qaradawi (guida spirituale mondiale dei Fratelli Musulmani, nonché tele-predicatore di Al Jazeera e membro acquisito del clan Al Thani al potere in Qatar); la questione palestinese s’identifica esclusivamente con Hamas; l’Occidente è considerato in maniera ostile, secondo l’impostazione tradizionale della Fratellanza mutuata da Erdogan e dall’AKP. ISIS viene condannato formalmente e non gode di aperto supporto, ma nei suoi confronti non vi è neppure un’autentica ostilità. In realtà, dal punto di vista ideologico ISIS viene considerato come un componente legittimo della famiglia islamica e l’obiettivo del califfato è largamente condiviso dagli studenti almeno dal punto di vista ideale. Il senso di appartenenza alla comunità musulmana mondiale è ben radicato e trae forza sempre maggiore dalla convinzione dell’ascesa dell’Islam in Occidente.

Una delegazione di TUGVA

La Turchia viene considerata il paese leader tra quelli musulmani e questa percezione è alimentata dagli esponenti dell’AKP che partecipano alle numerose iniziative promosse da UDEF e TUGVA, a cui Erdogan in persona non manca d’intervenire. Famosi sono i raduni che si svolgono periodicamente a Istanbul che riuniscono migliaia di giovani da tutta la Turchia insieme ai coetanei stranieri, uniti dallo slogan “Siamo fratelli”. In tali occasioni, Erdogan tocca i punti classici della sua retorica panislamista, enfatizzando i concetti di “fratellanza” e di appartenenza alla “umma” e invitando gli studenti a “lavorare insieme contro le ingiustizie e le dittature”.

Erdogan punta così ad affermare la Turchia quale principale punto di riferimento in ambito educativo-religioso nel mondo musulmano, in competizione con Al Azhar in Egitto e l’Università della Mecca. Ma soprattutto il presidente sultano punta a far sì che una volta tornati in Siria, Egitto, Tunisia, Somalia, Sudan, Tanzania, Afghanistan, Pakistan, Bangladesh, Kyrgyzstan, Malesia, Kosovo e Bosnia-Erzegovina, questi giovani, diventati pedine adulte nello scacchiere transnazionale dei “Fratelli Musulmani”, contribuiscano attivamente all’avanzata dell’agenda islamista nei loro rispettivi paesi. La Turchia è oggi come “una seconda casa per voi”, gli ricorda Erdogan, ma “non lo dimenticate mai, continueremo a stare con voi”.

Souad Sbai
Souad Sbai
Giornalista, scrittrice, Presidente del Centro Studi "Averroè"

1 commento

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

[…] PER LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE CLICCA QUI  […]

Seguici e resta aggiornato

17,821FansLike
3,695FollowersFollow

Leggi anche

Processo Ream: Appendino condannata a sei mesi ma non lascia la poltrona

Chiara Appendino, sindaco di Torino e punta di diamante del Movimento 5 Stelle, è stata oggi condannata per falso in bilancio a 6 mesi...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Processo Ream: Appendino condannata a sei mesi ma non lascia la poltrona

Chiara Appendino, sindaco di Torino e punta di diamante del Movimento 5 Stelle, è stata oggi condannata per falso in bilancio a 6 mesi...

Regionali: Meloni, da Nord a Sud FdI unico partito che cresce

"Trionfo Marche! Grazie a Francesco Acquaroli e a Fratelli d'Italia un'altra roccaforte della sinistra sara' amministrata dal centrodestra. Da nord a sud Fratelli d'Italia...

Livatino, Meloni: Straordinario Servitore Stato che ha dato vita per liberare Italia da cancro Mafioso

"Trent'anni fa la mafia uccideva il giudice Rosario Livatino, definito da Giovanni Paolo II "martire della giustizia e indirettamente della fede". Uno straordinario servitore...

Voto, Giorgia Meloni: italiani hanno possibilità di cambiare destino della Nazione

Fino alle 23.00 di oggi e domani dalle 7.00 alle 15.00, tanti italiani avranno la possibilità di cambiare il destino del proprio territorio e...
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x