Migranti, Orban: politica UE ha reso il Mediterraneo un cimitero.

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha difeso la sua ferma posizione contro l’ di massa, dicendo che l’atteggiamento rilassato dell’Unione europea verso i passaggi illegali alle frontiere “ha trasformato il Mediterraneo in un cimitero”.

Il leader conservatore ha offerto il suo caratteristico punto di vista robusto sulla politica di dell’UE in un’intervista con l’emittente tedesca FOCUS.

“Il principale punto di conflitto tra voi e l’UE è l’immigrazione. Perché siete così contrari alla distribuzione degli immigrati tra gli stati membri dell’UE?” ha chiesto il suo intervistatore, in riferimento alla politica dell’UE di quote obbligatorie per la ridistribuzione degli immigrati a cui diversi paesi di orientamento conservatore guidati dall’Ungheria si sono opposti.

“Perché si basa su un concetto sbagliato”, ha spiegato Orbán.

“Dobbiamo portare l’aiuto dove ci sono i problemi, non portare quei problemi in Europa. L’UE sta creando illusioni nella mente delle persone che vivono nei paesi più poveri. Questo è il motivo per cui abbiamo istituito il programma ‘Hungary Helps'”, ha detto, riferendosi al programma di aiuto ungherese che aiuta i cristiani mediorientali, in particolare, a ricostruire le loro vite e comunità nelle loro case storiche.

“[I migranti] vogliono una vita europea e credono che qui saranno accolti a braccia aperte, ma in realtà finiranno nelle mani dei trafficanti di persone. Le politiche sbagliate dell’Europa hanno generato un fattore di attrazione che ha trasformato il Mediterraneo in un cimitero”, ha detto.

In effetti, l’agenzia dell’UE per la guardia di frontiera e costiera, Frontex, ha precedentemente ammesso che le missioni di “salvataggio” nel Mar Mediterraneo sostenute dall’UE e dalle ONG hanno “rafforzato il modello di business” dei trafficanti di persone, rendendo le traversate più convenienti, portando a più tentativi di raggiungere l’Europa e più annegamenti.

La posizione ungherese sull’ clandestina è molto simile al modello attuato in Australia, dove il governo ha adottato una politica ferma nel respingere qualsiasi imbarcazione di migranti illegali e nel rifiutare qualsiasi richiesta di asilo ai migranti che raggiungono le coste australiane – con il risultato che i tentativi di attraversamento e gli annegamenti sono scesi essenzialmente a zero.

Sulla questione dell’immigrazione più in generale, il primo ministro Orbán è stato chiaro nel sostenere il suo popolo a costituire un famiglia, cosa che molti sentono di non potersi più permettere in Occidente come alternativa all’importazione di stranieri per affrontare il declino della popolazione.

“L’Ungheria vuole affrontare le sfide demografiche sostenendo le famiglie e attuando forti misure di politica familiare, non invitando immigrati. I tedeschi vogliono imporci la loro politica pro-immigrazione. Devo rifiutare questo”, ha insistito.

Il ministro ungherese per le famiglie, Katalin Novák, ha recentemente discusso a lungo con Breitbart London la filosofia alla base della politica familiare del paese.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
6,934FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x