Falsi certificati veterinari e maltrattamenti, Bientinesi (): “Stop al business sui cani”

A Ceppeto (Fi) un medico generico è stato denunciato dalle guardie zoofile dell’Enpa e dai Carabinieri forestali a seguito  di indagini durate due anni.
È stato scoperto che il medico rilasciava falsi certificati veterinari e praticava la conchectomia, ovvero il taglio di orecchie e coda in cani di razza pitbull, pratica vietata dalla legge 201/2010.
Al sedicente veterinario sono stati contestati i reati di abuso dell’esercizio della professione di veterinario e quello di maltrattamento .
Questo episodio spalanca una porta sul mondo sommerso dei cani che molti non conoscono e ci dà l’occasione per parlare di un problema ingiustamente tollerato e sottovalutato.
Non è purtroppo un caso singolo: nonostante costituiscano un reato perseguibile ai sensi dell’articolo 544 del codice penale, le amputazioni continuano ad essere perpetrate a scapito di diverse razze come dobermann, pitbull, molossoidi o cani destinati all’attività venatoria.
Per quanto la convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia all’articolo 10 comma 1, abbia sancito che sono vietati gli interventi chirurgici atti a modificare l’aspetto dell’, finalizzati ad altri scopi non curativi (in particolare il taglio della codae delle orecchie), si continua a tollerare questi illeciti che sono a tutti gli effetti dei maltrattamenti che causano all’ una grande menomazione.
L’invito all’illegalità nasce ad esempio nelle esposizioni cinofile, dai canoni stabiliti per alcune razze. Infatti, seppur sia proibito amputare i cani se non per motivi di salute straordinari ed eccezionali, non è altresì proibito esporli, anzi sono spesso molto piu apprezzati in gara poiché grazie a questi “ritocchi estetici” il cane assume una fisionomia più aggressiva. Queste competizioni accrescono di gran lunga il valore dell’esemplare e delle future cucciolate; da qui si evince facilmente quanto gli interessi economici giochino un ruolo molto importante.
Ed è qui entra in campo l’escamotage necessario per la partecipare a queste manifestazioni: ci si affida a veterinari compiacenti che rilasciano certificati falsi in cui si giustifica il taglio delle orecchie e coda a seguito di gravi otiti o lacerazioni delle parti. In una società civile siamo ben lontani dall’idea di amore verso i cani.
Come dipartimento ambiente di riteniamo che non sia tollerabile continuare a trascurare questi abusi perpetuati nell’ombra della compiacenza del business cinofilo e auspichiamo che sia possibile intervenire sulla legge per vietare in futuro almeno la partecipazione di cani mutilati alle manifestazioni che li vedono protagonisti e pene molto più severe verso chi viola le leggi che regolamentano la salute degli animali. Non ci può essere benessere dove la parola d’ordine è “profitto”.

Barbara Bientinesi, vice responsabile dipartimento ambiente Fratelli d’Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

17,818FansLike
3,684FollowersFollow

Leggi anche

Migranti, Lollobrigida (FdI): bene superamento Dublino.

“Noi siamo un partito che si è inserito nel sistema e nel contesto europeo con spirito critico ma costruttivo. Guardiamo con favore al superamento...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Migranti, Lollobrigida (FdI): bene superamento Dublino.

“Noi siamo un partito che si è inserito nel sistema e nel contesto europeo con spirito critico ma costruttivo. Guardiamo con favore al superamento...

Romiti (FdI): “il Pd e l’amministrazione non parlano con i residenti regolari, ma preferiscono parlare solo con chi ha occupato abusivamente gli alloggi del...

Il Capogruppo di Fratelli d'Italia Andrea Romiti, candidato Capolista per il Consiglio Regionale nel collegio di Livorno, ieri aveva presentato alla stampa, assieme ai...

Capannori, Fratelli d’Italia: il Comune non ha mai risposto ai fatti segnalati negli ultimi mesi. Un’ammissione di responsabilità?

E' ormai un comportamento costante quello per cui nessuno, dal Comune di Capannori, risponde alle note critiche dell'opposizione, pubblicate in stampa. Proviamo a tentare...

Romiti (FdI): ” leggiamo sulla stampa che nel nuovo assetto societario del Livorno Calcio vi sarebbe la presenza di un imputato in processi per...

Il Capogruppo di Fratelli d'Italia Andrea Romiti, candidato Capolista per il Consiglio Regionale nel collegio di Livorno, continua ad essere molto perplesso del nuovo...