Fase 2 anche per gli scafisti. Lampedusa al collasso.

La nave quarantena proposta dal Governo non è ancora in porto, ma intanto gli scafisti hanno già da giorni ripreso a lavorare a pieno regime trasportando il loro carico di esseri umani contrabbandati da un continente all’altro.

L’altro giorno, il sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello ha detto ai microfoni di Skytg24 che “ci sono sull’isola 380 , se non è emergenza questa, insieme al Covid e all’emergenza economica. Non sappiamo dove mettere altri migranti – ha spiegato Martello – abbiamo chiesto una nave di fronte al porto che potesse ospitarli ma non abbiamo ricevuto ancora alcuna risposta».

«A Lampedusa – dice Martello – ci sono più emergenze: una si chiama coronavirus e una migranti. Ci sentiamo discriminati: non si capisce per quale motivo la nave viene messa davanti al porto di Palermo, mentre a Lampedusa le persone devono restare in mezzo alla strada.

Le richieste al governo cadono a vuoto e i continuano ad arrivare senza alcun controllo, mettendo a rischio i lampedusani. I malcapitati che sbarcano infatti dovrebbero finire in quarantena, ma sull’isola non c’è struttura dove metterli.

Intanto, notizia di poco fa, Il cargo Marina, con 79 a bordo salvati il 3 maggio scorso, “ha varcato il confine delle 12 miglia nautiche e si trova dentro le acque italiane, a sud di Lampedusa”. Lo afferma su Twitter un tracciamento della rotta del cargo fatto da Sergio Scandura di Radio Radicale.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,407FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati