“Da parte del Movimento 5 Stelle è arrivata un'altra sagra della mistificazione. Il viceministro Castelli ha pronunciato parole gravissime su un settore, quello della ristorazione, messo in ginocchio dai contraccolpi del Covid. E che rappresenta l'ossatura della tradizione italiana, nella sua gastronomia e nell'eccellenza ricettiva. In pratica, l'esponente pentastellata ha invitato cordialmente quella parte della categoria che si trova in difficoltà ad orientarsi su un altro business”. Lo dichiara la deputata di Fratelli d'Italia Ylenja Lucaselli. “Posizioni inaccettabili, considerando lo stato drammatico dei consumi e del mercato. E i suoi compagni di partito che fanno? Invece di stigmatizzare queste assurdità, se la prendono con il Tempo, giornale che ha dato rilevanza alle esternazioni del viceministro. Ben conosciamo la logica pentastellata: la colpa non è della classe dirigente impreparata con cui ha inquinato le , ma degli operatori di informazione che ne evidenziano i disastri. Una concezione vessatoria della libertà di stampa su cui gli organi preposti dovrebbero intervenire”, conclude.