Fdi: Mai più Green Pass e Commissione d’inchiesta sulla gestione della Pandemia.

Mascherine addio. O arrivederci? Dal prossimo 30 settembre non sarà più obbligatorio indossarle su autobus, metropolitane, treni, ospedali, ambulatori ed Rsa. Ma secondo le indiscrezioni che circolano sulla stampa, il governo in carica potrebbe optare per una proroga dei provvedimenti. La decisione sarà presa sulla base del numero dei contagi, ma sotto osservazione c’è soprattutto la crescita delle ospedalizzazioni. Se la situazione dovesse rimanere sotto controllo il 31 ottobre potrebbero decadere anche i protocolli di sicurezza sui luoghi di e dal 31 dicembre il green pass potrebbe non essere più necessario per gli operatori sanitari, pazienti e visitatori in ospedali e Rsa.

Ma cosa succederà se il numero delle infezioni, complice l’arrivo dell’inverno, tornerà a salire. Giovedì Giorgia sul palco allestito in piazza del Popolo a Roma per la chiusura della campagna elettorale del centrodestra ha chiarito che non accetterà più che l’Italia sia “esperimento dell’applicazione del modello cinese a un Paese occidentale”. Archiviato, quindi, il “modello Speranza”, che Fratelli d’Italia contesta da sempre e che, ha ribadito la leader del partito, “ci ha consegnato una nazione che aveva le più grandi restrizioni e allo stesso tempo i più alti dati di contagio e di mortalità”.

“Non piegheremo più le nostre libertà fondamentali a questi apprendisti stregoni. Difenderemo – ha promesso Meloni – il diritto alla salute insieme ai valori fondamentali della nostra civiltà”. Mentre oggi persino il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, fa marcia indietro sull’obbligo vaccinale, Fratelli d’Italia è stato l’unico partito che nei mesi scorsi si è schierato contro il green pass e l’obbligo di sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid in Parlamento. Una posizione chiara e netta, ribadita anche nel programma di governo del partito: green pass e obbligo vaccinale saranno aboliti.

L’immunizzazione contro il Sars-Cov-2 verrà promossa attraverso una corretta informazione e raccomandata soprattutto per le fasce d’età più a rischio, come gli anziani o i fragili. Ma nessuno sarà più costretto a vaccinarsi contro la propria volontà, magari per conservare il posto di lavoro. Dovrà esserci inoltre, per chi desidera vaccinarsi, piena libertà di scelta tra i vaccini autorizzati dall’Ema e dall’Aifa e i richiami. Verrà contemplata comunque la possibilità di eseguire screening negli ambienti più a rischio, a tutela dei più deboli, nel caso in cui la curva dei casi e dei ricoveri dovesse tornare ad impennarsi.

Sempre a proposito del certificato verde anti-Covid, Fratelli d’Italia è impegnata nel contrasto all’introduzione di qualsiasi tipo di “strumento di controllo digitale di massa e di compressione delle libertà individuali o di meccanismi di scoring, come la cittadinanza a punti su modello cinese”. Lo Stato deve garantire massima sicurezza nella protezione dei dati personali e assicurare a tutti i cittadini pari opportunità di emergere e affermarsi in ambito sociale e lavorativo.

Fratelli d’Italia si batterà anche per l’istituzione di una commissione d’inchiesta sulla gestione medica ed economica della pandemia e sulle reazioni avverse dei vaccini. Per contrastare il Covid e tenere sotto controllo i contagi la proposta del partito è da sempre quella di mettere in campo misure strutturali, come il potenziamento del trasporto pubblico, raccomandato da sempre dagli esperti internazionali e di casa nostra per limitare la diffusione del contagio, e la ventilazione meccanica controllata.

Le Marche, regione governata dal governatore di Francesco Acquaroli, ha scommesso su questi sistemi già nel febbraio del 2021, stanziando 9 milioni di euro. Gli impianti di aerazione sono stati installati in 323 scuole e un recente studio della Fondazione Hume, condotto tra settembre 2021 e febbraio 2022, ha dimostrato che nelle classi dove erano presenti questo tipo di dispositivi il rischio contagio veniva abbattuto fino all’82 per cento, abbassando il tasso di incidenza a 50 su 100mila.

“Ci prendevano in giro poi persino l’Oms ci ha dato ragione”, commentava Giorgia in una recente intervista a Panorama. “Abbiamo la pretesa di pensare – ha aggiunto la leader di FdI – che se ci avessero dato retta avremmo potuto vivere la pandemia con minori restrizioni, un numero minore di morti e minori danni all’economia”.

Una sanità al servizio della persona

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,550FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati