Il Convegno: Aeroporto di Fiumicino come autostrade.

Lunedì 8 aprile, alle ore 16 avrà luogo un convegno organizzato dall’Ufficio studi di FDI al Senato della Repubblica, nella Sala di Santa Maria in Acquiro (piazza Capranica 72). Al tavolo dei relatori ci sarano esperti di trasporto aereo, i rappresentanti del Comitato FuoriPISTA, i professori Francesco Filippi dell’università “La Sapienza” di Roma e Ugo Arrigo dell’università “Bicocca” di Milano, il senatore di FdI, Giovanbattista Fazzolari, già dirigente aeroporti Regione Lazio, e l’onorevole di FdI, Marco Silvestroni, componente della Commissione Attività produttive della Camera. Ad introdurre i lavori il senatore di FdI, Massimo Ruspandini, capogruppo nella Commissione Trasporti del Senato.

Fratelli d’Italia è per la crescita e lo sviluppo. Anche dell’aeroporto di Fiumicino.

“La priorità di Fratelli d’Italia è lo sviluppo e la crescita economica. In questo contesto il trasporto aereo del Lazio e della Capitale rivestono un ruolo fondamentale. Per questo Fratelli d’Italia chiede uno sviluppo sensato ed efficiente del trasporto aereo del Lazio. Questo comporta: il potenziamento dell’aeroporto di Fumicino e la sua specializzazione in HUB internazionale e “casa Alitalia”; la realizzazione del terzo aeroporto del Lazio per i voli low-cost e come aeroporto di supporto di Fiumicino; una efficiente e moderna rete viaria e di trasporto su ferro che colleghi gli aeroporti a Roma e alle principali città del centro Italia. Un modello già previsto nello studio realizzato nel 2012 dal Ministero dei Trasporti ma oggi insensatamente accantonato per destinare tutte le risorse disponibili sull’espansione del sedime aeroportuale di Fiumicino, inutile al potenziamento della capacità aeroportuale dello scalo romano. Di questo si discuterà.

Questa la posizione del partito espressa dal Senatore Massimo Ruspandini, responsabile trasporti di FDI e l’on. Paolo Trancassini, coordinatore del Lazio di FDI.

Tuttavia c’è molta differenza tra il perorare la causa del doveroso potenziamento dell’aeroporto di Roma, di interesse nazionale e lasciare che questo diventi il cavallo di Troia per l’ennesimo tentativo speculativo dei soliti noti.

Fdi contro la speculazione. Le mani dei Benetton sull’aeroporto di Fiumicino

Infatti, il crollo del ponte Morandi ha portato alla luce lo scandalo delle concessioni autostradali, ma pochi sanno che le stesse storture riguardano le concessioni aeroportuali e in particolare quelle dell’aeroporto di Fiumicino che è in mano anch’esso al gruppo Atlantia della famiglia Benetton.

Una concessione da rivedere nell’interesse della Nazione e di Alitalia. Fratelli d’Italia ha deciso di accendere i riflettori su una vicenda poco nota, ma che riguarda miliardi di euro dei cittadini.

La video inchiesta di FDI

Ma c’è dell’altro, l’opportuno potenziamento dell’aeroporto di Fiumicino può essere effettuato all’interno dell’attuale sedime aeroportuale, solo che interessi di natura speculativa spingono per l’ingiustificato raddoppio dell’area dello scalo romano, Una verità nascosta denunciata da FdI in una video-inchiesta realizzata dal suo Ufficio studi, con la collaborazione del Comitato FuoriPISTA, e che sarà diffusa lunedì 8 aprile alle ore 16 nel corso del convegno organizzato al Senato della Repubblica, nella Sala di Santa Maria in Acquiro (piazza Capranica 72).