Forteto, La Pietra (FdI): votiamo a favore della proroga, bisogna andare a fondo della vicenda

“Fratelli d’Italia vota a favore della proroga della Commissione d’inchiesta sul caso Forteto, in cui sono stati accolti per trent’anni minori in affidamento e al centro delle cronache per abusi e violenze”.
Lo ha dichiarato in aula il senatore di Fratelli d’Italia Patrizio La Pietra.

“Forteto – sottolinea La Pietra – è stata una setta totalizzante in cui si è annullata la personalità dei soggetti, di ragazzi con gravi problemi, e si sono rovinate decine, centinaia di famiglie e di persone, perché in questo luogo non ci sono stati soltanto gravissimi abusi su minori, le violenze, le botte e i rapporti sessuali completi messi in atto da Fiesoli. Al Forteto c’erano bambini che venivano fatti alzare all’alba per andare a lavorare, prima di essere portati a scuola, per fare un formaggio che magari mangiavano gli ospiti illustri – tanti, da politici a magistrati – che hanno frequentato la struttura”.

“Dopo le due commissioni di inchiesta della Regione Toscana, i processi, che hanno visto condanne, in questo luogo è stato permesso di tutto nel silenzio e con la connivenza della politica, della magistratura, dei vertici socio-sanitari, con l’avvallo e l’aiuto della Regione Toscana e delle amministrazioni locali che per anni hanno considerato ‘Il Forteto’ un esempio, finanziandolo e promuovendolo. Oggi – osserva La Pietra – le responsabilità politiche non sono definite. Oggi ancora non è ben definito quale sia stato il meccanismo che ha creato il corto circuito del sistema, c’è stato uno scarica barile delle responsabilità fra chi doveva controllare e aveva il dovere di tutelare e proteggere quelli che allora sono state giovani vittime”.

“Dobbiamo andare in fondo a questa vicenda come anche a quella di Bibbiano, la condanna di Foti ne è la conferma, e approfondire in generale il tema degli affidi. Per questo occorre altro tempo, troppi ancora sono gli angoli bui di questa vicenda – conclude La Pietra – usiamo bene il tempo che ci viene concesso per andare nel vivo della questione. Cerchiamo di individuare le responsabilità, non solo individuali, su cui la magistratura si è già pronunciata, ma in modo più ampio la responsabilità politica di tutto ciò: lo dobbiamo prima di tutto alle vittime, ma lo dobbiamo anche alle istituzioni e alla buona politica sporcata da questa vicenda”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,397FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati