Francesco Cecchin. Lui vive, lui combatte.

«…e Francesco che è volato sull’asfalto di un cortile con le chiavi strette in mano, strano modo per morire…»

Francesco Mancinelli – Generazione ’78

Nella primavera del 1979, a Roma, come a Milano e un pò ovunque in Italia, vigeva ancora un clima d’odio e di violenza politica che sembrava prolungare all’infinito i cosiddetti “anni di piombo”. Francesco Cecchin, militante del Fronte della Gioventù della sezione Trieste-Salario,  nella notte tra il 28 e 29 maggio 1979,  dopo essere stato inseguito da due persone arrivate in zona a bordo di una Fiat 850, fu trovato gravemente ferito in un cortile condominiale del quartiere Trieste di Roma, dopo essere stato percosso e scaraventato, tramortito, oltre un parapetto. Cecchin morì il 16 giugno 1979 dopo diciannove giorni di coma.

In precedenza era stato minacciato da militanti comunisti dopo un episodio di tensione con i militanti del Fronte durante un’affissione di manifesti. Quello di Cecchini è sicuramente l’ennesimo omicidio politico senza colpevoli: la Corte di scrisse nelle motivazioni che Francesco non si gettò nel vuoto per fuggire, poiché tra l’altro conosceva benissimo quel cortile, ma fu picchiato e poi buttato esanime di sotto, e quella caduta di oltre quattro metri ne decretò la fine dopo 17 giorni di agonia.

Francesco era primavera
Francesco era libertà
Adesso porti in mano una rosa
e nell’altra la verità

(Sera di Giugno)

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,129FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati