Fuori dalla squadra perché di destra. De Carlo: “Lo sport deve unire. Dove sono gli inclusivi, sempre pronti a condannare?”

“Dove sono i buonisti, gli inclusivi, sempre pronti a condannare chi non la vede come loro? Lo sport deve unire, non si possono tradire così i valori veri dello sport”: il deputato di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo, entra a gamba tesa nel dibattito sul caso della presidente del circolo di Cadoneghe di FdI, Elvira Bello, esclusa da una squadra femminile di calcio a 5 per le sue idee politiche.
“Vogliamo arrivare a fare le squadre di destra contro quelle di sinistra? Ci danno dei razzisti per la raccolta firme contro lo ius soli, quando la nostra è un’iniziativa anche e soprattutto a difesa dei minori? Sono stufo degli inclusivi a geometria variabile, di quelli che vogliono accogliere tutti, ma solo se vanno bene a loro”, attacca De Carlo. “Lo sport è simbolo di lotta alla discriminazione, ma così che messaggio vogliamo dare ai nostri giovani? Ho sentito ieri Elvira: è ferita, ma determinata a far valere i suoi ideali e i suoi diritti, che sono i diritti di tutti noi, di praticare lo sport che amiamo senza pregiudizi verso le nostre idee”.
“Ringrazio il Presidente del CONI Malagó per la chiara presa di posizione, e mi aspetto che tutte le forze politiche, sempre pronte a dire la loro quando si deve difendere i compagni che sbagliano, facciano altrettanto”, conclude De Carlo. “Da parte mia, posso anticipare che Elvira sarà convocata per i prossimi tornei estivi che disputeremo a Calalzo di Cadore e non solo. Siamo scarsi in porta, e con una ragazza che para così a viso aperto la discriminazione non possiamo che essere tranquilli”, conclude De Carlo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,351FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati