George Simion, presidente del partito AUR (Romania): “Il nostro avversario è l’idra globalista, questo serpente a più teste che dobbiamo sradicare”

Intervista a cura di: Sergio Velasco. Sergio Velasco è politologo, analista politico e specialista di dell'Europa centrale e orientale. Opinionista nei media ungheresi e spagnoli. Fondatore del progetto Filosofia Politica.

Il 27 e 28 aprile, l'Istituto conservatore Mihai Eminescu e il partito Alleanza per l'Unione dei Romeni (AUR) hanno organizzato a Bucarest la conferenza internazionale Make Europe Great Again (MEGA), alla quale hanno partecipato numerosi leader politici, giornalisti e rappresentanti di organizzazioni conservatrici e sovraniste provenienti da Europa e America. Il feedback dei partecipanti è stato molto buono. Si è trattato di un evento storico per il movimento nazional-conservatore in Romania e in questa parte del mondo?

Make Europe Great Again è stato davvero un evento storico. Per la prima volta siamo riusciti a riunire a Bucarest, sotto la maestosa cupola del Palazzo del Parlamento, quasi duecento leader politici, membri del Parlamento europeo e delle legislature nazionali, intellettuali e influencer conservatori provenienti da Europa, Israele e Americhe. Alcuni di loro non erano mai stati in Romania. È stato un piacere ascoltare la dott.ssa Alveda King (Martin Luther King). Alveda King (nipote di Martin Luther King), l'europarlamentare olandese Rob Roos, Jack Posobiec, uno dei nomi più “pesanti” del panorama conservatore repubblicano, Nicolas Bay, attuale e futuro europarlamentare del partito di Eric Zemmour, Bruce LeVell, ex membro di spicco dell'amministrazione Trump, lo scrittore peruviano Miklos Lukacs de Pereny, Geoffrey van Orden, ex membro del Parlamento europeo per oltre due decenni ed ex ufficiale dell'esercito britannico, Morten Messerschmidt, presidente del Partito Popolare Danese, l'acclamato medico Robert Malone e il regista e attivista messicano Eduardo Verastegui. Ne ho citati solo alcuni di spicco.

È stato un onore avere con noi queste persone che hanno dedicato tutto il loro e il loro sacrificio per proteggere il nostro patrimonio comune. Porto un grande rispetto verso tutti coloro che oggi lottano contro il Male, dall'ideologia gender, alla cancellazione della e alla cosiddetta transizione verso la follia verde.

Tutti coloro che ci hanno onorato con la loro partecipazione al MEGA la pensano allo stesso modo. Nel mio intervento, ma non solo, ho insistito sulla necessità – oggi più importante che mai – che le organizzazioni conservatrici e sovraniste in Europa, America e altrove uniscano le forze. Per troppo tempo siamo stati separati, per ragioni più o meno buone. Di una cosa sono convinto: se lavoriamo insieme, vinceremo e rimetteremo le cose in carreggiata. Se siamo divisi, la sinistra estremista ci distruggerà.

La conferenza MEGA è stata un preludio all'inizio ufficiale della campagna per le elezioni europee che si terranno tra il 6 e il 9 giugno negli Stati membri. Oggi la Romania e gli altri Paesi dell'UE sono in piena campagna elettorale. Quali sono le possibilità del partito AUR? Cosa dicono i sondaggi di opinione?

Mancano pochi giorni al voto più importante dalla creazione del Parlamento europeo. È il voto che potrebbe cambiare tutto. In meglio o in peggio. Il destino di noi europei dipende da questo voto. Stiamo facendo una campagna elettorale nel modo migliore che conosciamo: con forza! Stiamo percorrendo ogni strada, andando di casa in casa, parlando con ogni singola persona.

L'AUR è sempre stato un movimento di rumeni, di coloro che hanno gridato la loro rivolta ma anche la loro speranza, di cui noi metteremo a posto ciò che deve essere messo a posto, di quella maggioranza silenziosa che è stata ignorata per troppo tempo, ma che può spostare le montagne. Non ci fidiamo dei sondaggi dei media tradizionali. La loro missione è comprensibile: manipolare e distorcere il più possibile la realtà, per far sì che qualcosa rimanga. Solo che, così come si sono sbagliati nel dicembre 2020 – quando siamo entrati nel Parlamento rumeno con il 10%, anche se i sondaggi non menzionavano affatto il partito AUR – si sbaglieranno anche adesso.

Dai dati a cui abbiamo accesso, stimiamo che otterremo circa il 25% in queste elezioni europee, il che significa almeno 8 seggi da deputato. Ma speriamo di conquistarne di più. Forse anche 10. La lotta sarà fino all'ultimo secondo. Lotteremo fino alla fine.  

Se, come lei dice, il partito AUR otterrà 8-10 membri al Parlamento europeo, rappresenterete una forza. A quale gruppo politico vi iscriverete dopo il 9 giugno?

Stiamo per aderire al gruppo ECR. Siamo nella fase che precede il voto finale che dovrebbe essere favorevole alla nostra adesione. Abbiamo sempre saputo che in politica e nei negoziati nulla è semplice. E che, in certe situazioni, i calcoli possono andare diversamente. Ma credo fermamente che il gruppo a cui aderiamo sarà più forte con il nostro contributo.

Il nostro avversario è l'idra globalista, questo serpente a più teste che dobbiamo sradicare.

Le elezioni del 9 giugno sono estremamente complicate, tanto più che la maggioranza socialista-liberale in Romania ha deciso di tenere le elezioni amministrative lo stesso giorno, anzi di anticiparle di tre mesi rispetto alla data in cui si sarebbero dovute tenere, in barba alla Costituzione e a ogni regola. Si tratta di una mossa estremamente pericolosa e senza precedenti, che non ha alcuna giustificazione se non quella di cercare di minare le nostre possibilità.

Lei ha detto che il 9 giugno si terranno in Romania le elezioni europee e locali. Siete riusciti a presentare le liste dei candidati in tutte le città e i villaggi rumeni?

Non è stato facile. L'intero sistema globalista corrotto si è rivoltato contro di noi. Con tutte le resistenze e le numerose tattiche che il Partito socialdemocratico e il Partito nazional-liberale hanno usato per bloccarci, siamo riusciti a presentare liste di candidati in più di 2400 comuni, cioè in tre quarti delle città e dei villaggi del Paese. Non è poco, visto che, come dicevo, abbiamo avuto una macchina infernale che ha intrapreso diverse azioni per costringerci a fare marcia indietro. Da persone infiltrate per dividerci o dirottarci, a varie sfide, il più delle volte senza alcun fondamento.

I nostri avversari stanno cercando di abbatterci, moralmente e fisicamente, per farci disperare, lanciando ogni sorta di fake news e sondaggi truccati per coprire il furto che vogliono fare il 9 giugno. Siamo pronti a lottare fino in fondo contro questo sistema scellerato che ha danneggiato la Romania negli ultimi 34 anni.

Lei ha detto – in precedenza e in altre occasioni – che la lotta contro il sistema globalista è molto difficile. Questo influisce in qualche modo sulla possibilità di promuovere il vostro messaggio a livello . Che tipo di impatto ha il messaggio dell'AUR nella società rumena? È più forte nelle aree rurali o in quelle urbane?

Il messaggio principale della nostra campagna è “I difensori della patria rumena”. Siamo noi, AUR, mentre tutti gli altri, dopo quello che hanno fatto per anni, sono i distruttori di questo Paese. Parliamo dei veri problemi della società rumena, dei misfatti e delle assurdità che la signora von der Leyen e i burocrati che servono l'agenda dell'estrema sinistra stanno cercando di imporci. Proponiamo soluzioni che altri attaccano violentemente, perché sono scomode per il mostro chiamato George Soros e i suoi scagnozzi.

Siamo onnipresenti dalla mattina alla sera. E questo irrita i nostri avversari. Se dovessi fare un paragone, tuttavia, credo che il nostro messaggio abbia un impatto maggiore nelle aree rurali, dove la retorica del globalismo estremista non ha avuto molto successo. Nelle aree urbane il voto è più polarizzato, ma contiamo sul giudizio e sul patriottismo di tutti per fare la scelta giusta il 9 giugno.

Vorrei spostare un po' l'attenzione sul piano esterno. Qualche mese fa, lei è stato invitato al festival di Atreju in Italia, in un Paese dove c'è stato un grande cambiamento con e alla guida del governo. Pensa che l'Italia possa essere un esempio di come un vero cambiamento possa avvenire in un Paese europeo?

Certamente. Da un anno e mezzo l'Italia è guidata da un governo sovranista che mette al primo posto gli interessi del Paese e della nazione italiana. Questo è ciò che vogliamo fare in Romania. Nonostante ci fossero voci che prevedevano la fine “imminente” di questo sodalizio, e continuano a fare squadra per il bene del Paese. Per far tornare grande l'Italia, come noi, AUR, vogliamo far tornare grande la Romania.

Sì, dobbiamo ammirare i nostri fratelli italiani, che ce l'hanno fatta anche se i socialisti erano – e continuano a essere – scatenati con tutte le loro forze contro di loro.

Il 2024 è un anno decisivo in cui decideremo che tipo di modello vogliamo: quello globalista o quello delle nazioni sovrane. A novembre si terranno le elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Come vede un possibile ritorno di Donald Trump alla Casa Bianca?

La vittoria di Trump è fondamentale per il successo del movimento sovranista nel mondo. Le elezioni di quest'anno negli Stati Uniti hanno un significato enorme, forse senza precedenti. Dal loro esito dipende il destino dell'intera umanità, senza dubbio. Credo fermamente che Donald Trump sia l'unico in grado di ripristinare sia la normalità – che la sinistra globalista sta cercando di distorcere – sia la pace di cui abbiamo disperatamente bisogno.

Dio non voglia un secondo mandato di Biden! Sarebbe il completamento di un disastro i cui effetti dureranno per generazioni. Ma noi non lo consideriamo. Siamo molto ottimisti sulla straordinaria capacità di uno degli statisti più popolari di tutti i tempi, Donald J. Trump, di avere successo anche se la sinistra radicale, rappresentata dal Partito Democratico e non solo, non si fermerà davanti a nulla per impedirgli di vincere. 

Un'ultima domanda: cosa pensa che accadrà dopo il 9 giugno sulla scena politica europea?

Innanzitutto, dobbiamo fare del nostro meglio per garantire che i partiti sovranisti ottengano il maggior numero di voti possibile in ogni Paese.

È indispensabile cambiare la maggioranza del Parlamento europeo e modificare la composizione della Commissione. Infatti, uno dei nostri obiettivi è che una persona diabolica come Ursula von der Leyen venga fermata, che lasci la guida della Commissione, ma soprattutto che risponda dei danni che ci ha causato negli ultimi anni.

Per troppo tempo il movimento conservatore europeo ha rifiutato di unire le forze. Per troppo tempo siamo stati divisi e abbiamo combattuto diverse battaglie interne senza considerare le reali conseguenze. Tutti noi, da Lisbona a Bucarest, da Helsinki ad Atene, la pensiamo allo stesso modo e sappiamo che dobbiamo agire nella stessa direzione. Lavoriamo quindi insieme!

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x