Gessi Rossi. La Pietra e Torselli (FdI): “L’improvviso cambio di rotta della Regione mette a repentaglio centinaia di lavoratori tra Grosseto e Carrara”

“Se il Tar bloccherà la produzione, la responsabilità sarà solo della Regione”.

“La Regione Toscana è passata dal dire che andava tutto bene nell’utilizzo dei gessi rossi quale materiale di recupero edile, a far stoppare lo stoccaggio del prodotto chimico nella ex cava di Montioni a Scarlino. Il risultato è un disastro dove ci stanno rimettendo soltanto i lavoratori Venator.

L’azienda produce da 50 anni il Biossido di Titanio. Il problema è che per fare soltanto 1 chilo del prezioso materiale chimico, vengono prodotti circa 7 chili di gessi rossi. Le difficoltà connesse all’impianto di Scarlino erano prevedibili e la Regione Toscana non poteva non conoscere la situazione a cui si sarebbe andati incontro. Perché non ha fatto qualcosa quando sono emerse le prime criticità? Perché la Regione continua a non voler dare una risposta a Venator riguardo la possibilità di utilizzare temporaneamente la discarica interna all’azienda? L’ immobilismo della sinistra è davvero grave.

Adesso siamo di fronte ad una decisione cruciale – quella del Tar – che segnerà il destino di centinaia di famiglie. Se il Tribunale amministrativo bloccherà la produzione, la responsabilità sarà solo della Regione. Sembra che la Giunta Giani sia del tutto inconsapevole della bomba sociale che potrebbe creare lo stop allo stabilimento di Scarlino. Qui è a rischio, oltreché gli impiegati dell’azienda di Scarlino, anche il settore del marmo che avrebbe notevoli problemi nello smaltire le polveri della lavorazione.

Vorremmo conoscere le motivazioni che hanno spinto la Regione Toscana a mutare completamente atteggiamento sulla vicenda tanto da aver diffidato Venator a conferire ancora gessi rossi nella ex cava”. Così Patrizio La Pietra, senatore di Fratelli d’Italia, assieme al capogruppo di in Consiglio regionale Francesco Torselli – nonché commissario del partito di Giorgia a Grosseto -.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,972FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati