“Gli occidentali devono rendersi conto che è in gioco il futuro della loro civiltà e il destino dei loro figli”: Intervista con Malika Sorel

I francesi vedono il loro Paese cambiare, non in meglio ma in peggio. Abbiamo sempre più la sensazione di vivere in un Paese sulla strada del sottosviluppo

Riportiamo l'intervista a cura di Álvaro Peñas, tradotta in italiano, pubblicata su The European Conservative

Malika Sorel è un ingegnere dell'École Polytechnique di Algeri. È stata consigliere del primo ministro François Fillon in materia di e durante le elezioni presidenziali del 2017 e ha lavorato presso l'Alto Consiglio per l'Integrazione, che si occupa di questioni migratorie. Autrice di diversi libri sui problemi posti dall'immigrazione in Europa e sulle politiche da attuare per affrontarli, era il numero 2 della lista Rassemblement National guidata da Jordan Bardella ed è stata eletta deputato al Parlamento europeo il 9 giugno.

La vittoria del Rassemblement National alle elezioni europee era del tutto probabile secondo i sondaggi, ma vi aspettavate una vittoria così schiacciante sul partito di Macron?

In tutto il Paese abbiamo sentito crescere la rabbia e allo stesso tempo abbiamo visto la speranza suscitata dalla nostra lista. Alla base della rabbia della gente, troviamo ragioni che riguardano direttamente il rifiuto della personalità del Presidente, la sanzione del record delle sue politiche, ma anche ragioni legate alla candidata che ha guidato la sua lista alle europee, Valérie Hayer.

Comincerò con Valérie Hayer perché non ci vorrà molto. Non si è dimostrata affatto all'altezza del compito, in termini di competenze, conoscenze e padronanza dei temi. C'era da aspettarselo da una persona che è stata membro del Parlamento europeo per 5 anni e che ha anche guidato un gruppo, Renew! Alcuni dei suoi dibattiti sono stati catastrofici e surreali.

Per quanto riguarda il Presidente Emmanuel Macron, nel tempo la sua personalità è stata sempre più rifiutata dall'opinione pubblica. Molti francesi lo considerano arrogante, narcisista e incapace di ascoltare il disagio del popolo. In molte occasioni ha detto cose molto offensive nei confronti del popolo francese. Parole che un Presidente non dovrebbe pronunciare, perché ogni Presidente deve dimostrare di amare e rispettare il suo popolo. Inoltre, il Presidente non sembra ascoltare molte persone, come dimostra la sua decisione solitaria e improvvisa di sciogliere l'Assemblea , senza nemmeno dare ai partiti politici il tempo di organizzarsi adeguatamente, soprattutto alla vigilia dei Giochi olimpici, che meritavano e richiedevano la concentrazione di tutte le risorse dello Stato.

In molti settori il suo operato è stato catastrofico. L'insicurezza in Francia è alle stelle, così come il debito. L' non è florida. La fiducia nel futuro è in calo. I giovani si sentono relegati. Le scuole sono in cattive acque. In alcune zone, gli insegnanti cominciano a temere i loro alunni in classe! Anche il sistema ospedaliero francese, un tempo così rinomato, gode di una salute sempre più carente. Tutto questo alimenta una giustificata delusione e rabbia tra la gente.

Quali sono state le chiavi di questa vittoria?

Ogni giorno, una serie di fatti ed eventi confermano tutto ciò che il Rassemblement National ha messo in guardia per decenni.

Ciò che il Rassemblement National denuncia da tempo in termini di impoverimento di una parte crescente della popolazione francese e di conseguenze devastanti dell'immigrazione di massa, i francesi lo sperimentano ormai quotidianamente. Per certe élite non è più possibile nascondere la gravità di quanto sta accadendo. Nessuna parte della Francia è risparmiata dall'insicurezza o dal declino economico.

La globalizzazione che è stata venduta come una cosa buona si sta rivelando in realtà una cosa cattiva. I francesi vedono il loro Paese cambiare, non in meglio ma in peggio. Abbiamo sempre più la sensazione di vivere in un Paese sulla strada del sottosviluppo.

Anche la capacità di Jordan Bardella e Marine Le Pen di riunire personalità di ogni estrazione sociale ha avuto una grande influenza. Questa unità è piaciuta molto ai francesi. Sanno che per arrestare il declino e rimettere in piedi la Francia è necessario unire tutti coloro che amano il Paese e rifiutano il fatalismo.

I buoni risultati ottenuti da ECR e ID possono costituire la base per la formazione di un grande gruppo di destra europeo?

L'unione di tutti i partiti di destra è diventata un'emergenza vitale per preservare i popoli che compongono l'Unione Europea. Il passare del tempo aumenta il pericolo di cancellare la civiltà occidentale in Europa e con essa tutti i progressi compiuti, compresa la tutela dei diritti individuali. È in gioco la libertà, ma anche la sicurezza delle donne e il futuro dell'uguaglianza faticosamente conquistata tra uomini e donne, messa sempre più in discussione da una parte della popolazione immigrata extraeuropea. Questa è la vera sfida di fronte alla quale le istituzioni dell'Unione europea sono state peggio che cieche, perché hanno spesso preso decisioni contrarie agli interessi dei cittadini europei. Dobbiamo cambiare rotta e per questo è fondamentale unire le forze per affrontare la gravità di ciò che sta accadendo in tutti i Paesi dell'Unione europea, che si tratti di questioni legate all'immigrazione o dell'indottrinamento di bambini molto piccoli con teorie di genere che li turbano, li destabilizzano e li angosciano molto. Siamo in un momento storico in cui l'opportunità di dare una svolta all'Europa, di salvarla, è a portata di mano. Non capisco quindi perché alcuni dei nostri partner, pur condividendo le nostre preoccupazioni e i nostri timori, vogliano aderire al PPE, che ha dimostrato che le sue posizioni e i suoi atteggiamenti su questioni fondamentali sono estremamente dannosi per il futuro dei cittadini europei!

Come figlio dell'immigrazione, non capirò mai come i leader politici europei abbiano potuto chiudere gli occhi su quanto sta accadendo, per non parlare del fatto che alcuni si sono spinti fino a collaborare al disastro.  Aver ereditato Paesi che hanno portato così tanto progresso all'umanità dovrebbe essere motivo di orgoglio e senso di responsabilità, se non altro per i loro discendenti! A meno che non ci sia una grazia salvifica, credo che la classe europea contemporanea avrà una responsabilità schiacciante nei confronti della storia.

Su questo non ho dubbi. Quindi, spero vivamente che ci sia questo risveglio e che saremo in grado di costruire l'alleanza più forte possibile che ci permetterà di salvare l'Europa dalle minacce che ha di fronte e quindi di riuscire a garantire la sua continuità storica.

Cosa pensa della decisione di Macron di sciogliere l'Assemblea nazionale? È una trappola?

I giornalisti di un importante quotidiano sostengono che il Presidente Macron abbia detto: “Ho lanciato la mia granata con la spoletta tirata nelle loro gambe. Ora vedremo come se la caveranno”. Ha anche detto di essere “felicissimo”! Se questo è vero, allora è profondamente irresponsabile! Come si può giocare così con la pace del proprio Paese? L'incertezza creata da questa improvvisa dissoluzione ha avuto immediate ripercussioni sui mercati finanziari, che odiano l'instabilità. Lo stesso mondo economico è ora in ansia perché è stata lanciata un'operazione di manipolazione dell'opinione pubblica nel tentativo di screditare il Rassemblement National e denigrare i francesi che lo hanno votato. Questo non è democratico.

Con queste elezioni legislative, ovviamente, Emmanuel Macron spera di ribaltare il risultato delle elezioni europee. La sua decisione di sciogliere il Parlamento dimostra che si è comportato come un bambino offeso, mentre avrebbe dovuto semplicemente prendere atto della decisione del popolo e rispettarla, come richiede lo spirito della democrazia.

Il pericolo che incombe sulla Francia è quello di una crisi politica legata all'impossibilità di formare una maggioranza all'interno dell'Assemblea Nazionale. Se così fosse, la Francia correrebbe il rischio di diventare ingovernabile e qualsiasi governo vivrebbe sotto la minaccia di un voto di sfiducia che potrebbe farlo cadere in qualsiasi momento.

La Francia aveva già sperimentato una simile instabilità politica in passato ed è per questo motivo che il generale de Gaulle voleva che la Quinta Repubblica portasse un certo grado di stabilità alla vita politica.

Potrebbe esserci una nuova Rivoluzione francese a luglio, o almeno una situazione di insurrezione e disordine pubblico senza precedenti?

Lo Stato ha tutte le risorse necessarie per garantire l'ordine e la sicurezza. A mio avviso, è solo una questione di volontà politica.

Spero sinceramente che tutte le forze politiche coinvolte rispettino i risultati delle elezioni. In caso contrario, si squalificherebbero e lascerebbero l'”arco repubblicano”, il che richiederebbe decisioni politiche forti. Se una democrazia deve sopravvivere, non può permettere che fioriscano movimenti faziosi o sediziosi.

Lei ha scritto molto sull'immigrazione e l'integrazione. Quale politica di immigrazione dovrebbe seguire la Francia per correggere la situazione attuale?

Ho studiato la situazione in Francia, ma anche in altri Paesi europei e in Canada, dove l'immigrazione selettiva è un fallimento, come hanno confermato i funzionari canadesi quando ho lavorato per l'Alto Consiglio per l'Integrazione (un'istituzione alle dipendenze del Primo Ministro).

Ovunque in Europa, anche nei Paesi che non hanno un passato coloniale, si riscontrano gli stessi problemi. Lo spirito di ragione avrebbe dovuto indurre a limitare drasticamente i flussi migratori provenienti da terre in cui l'integrazione culturale stenta ad arrivare. Chi non considererebbe irresponsabili i genitori che continuano ad adottare bambini quando si trovano nell'impossibilità – per qualsiasi motivo – di creare condizioni di vita normali per tutti i loro figli, siano essi concepiti da loro o già adottati? Si tratta quindi di un caso di profonda irresponsabilità politica, con conseguenze terribili. Tutti i Paesi dell'Unione Europea devono lavorare insieme per smettere di incoraggiare l'immigrazione di massa, perché sì, sono proprio le decisioni politiche di accogliere gli immigrati a favorire un'immigrazione che è diventata difficile da integrare culturalmente. Come spiego nei miei libri, quello che è successo la notte di Capodanno 2016 a Colonia non è stato un caso.

In Francia, già nel 1981, Georges Marchais, allora segretario generale del Partito Comunista Francese, scrisse che “l'immigrazione ufficiale e illegale deve essere fermata”. Si riferiva ai problemi e agli scontri che nascevano sul campo tra immigrati e francesi a causa delle loro diverse abitudini. Nessuno gli diede retta! Oggi le forze della sinistra francese fanno campagna per una maggiore immigrazione perché gli immigrati votano per loro. Si tratta di cinismo elettorale…

È fondamentale che gli occidentali si rendano conto che la situazione attuale è alimentata dal loro individualismo e materialismo. In La democrazia in America, in particolare nel secondo volume, Alexis de Tocqueville ha identificato perfettamente il tallone d'Achille delle democrazie. Ecco cosa aveva da dire in proposito: “Vedo una folla innumerevole di uomini simili e uguali che ruotano senza sosta intorno a sé stessi per procurarsi piccoli e volgari piaceri, con i quali riempiono le loro anime. Quanto al resto dei suoi concittadini, egli è accanto a loro, ma non li vede; li tocca e non li sente; esiste in sé stesso e per se stesso soltanto e, se ha ancora una famiglia, si può almeno dire che non ha più una patria”. Se vogliamo trovare una via d'uscita alla situazione attuale, i cittadini devono riscoprire la loro solidarietà reciproca e la loro preoccupazione per la patria. Questo è un imperativo vitale.

In uno dei suoi libri, lei parla della decomposizione della Francia. Come si può arrestare questo processo? Intorno a quale o quali idee la Francia può tornare a riunirsi?

Per decomposizione intendo il fatto che la Francia non è più unita, che il popolo francese non è più unito. È questo che porta alla perdita di sovranità politica. Il fatto che venga concessa la cittadinanza francese, e quindi il diritto di voto, anche quando la persona non è diventata francese nel cuore e nella mente, ha portato al voto comunitario. Quella che ho chiamato “decomposizione francese”, cioè la suddivisione della nazione in gruppi, in fazioni rivali, il presidente François Hollande l'ha chiamata “partizione” ed Emmanuel Macron “separatismo”. In realtà si tratta dello stesso concetto.

È questo che ha portato al fatto che stiamo vivendo in un'epoca di sfrenato elettoralismo da parte di una parte della classe politica francese. Per essere eletti o rieletti, i politici arrivano a cedere su principi fondamentali che tuttavia strutturano l' del proprio popolo. Stiamo assistendo allo stesso fenomeno in altri Paesi. Alcuni sono in uno stato di decomposizione ancora più avanzato, come dimostra la situazione in Gran Bretagna, dove ci sono tribunali pro-Sharia, o in Belgio, dove un comune si rifiuta di ospitare la partita tra la squadra belga e quella israeliana. È il segno di una totale perdita di sovranità. Lo è sempre stata un'occasione di incontro tra le persone, proprio come l'Eurovisione. Tutto è stato pervertito dalle battaglie politico-religiose, anche i Giochi Olimpici, dove la carta era chiara: niente politica o religione in campo!

Nei miei libri, fornisco numerose misure politiche da adottare. Qui mi limito a ribadire quanto sia urgente, innanzitutto, ridurre drasticamente l'immigrazione, perché la creazione di diaspore rovina ogni speranza di integrazione culturale e quindi di convivenza pacifica a lungo termine. Dobbiamo anche tenere presente che molti dei problemi nascono all'interno delle famiglie, perché è in esse che si trasmettono valori non compatibili con la civiltà occidentale del nostro tempo. Per questo motivo è necessario intervenire sui genitori, anche con sanzioni, per incoraggiarli a non ostacolare il processo di acculturazione dei loro figli. Sono stati condotti numerosi studi che fanno luce su tutti questi fenomeni. Li cito nelle mie pubblicazioni in modo che i lettori possano comprendere i problemi e le sfide. Elenco anche le politiche che dovrebbero essere applicate e quelle che dovrebbero essere abbandonate.

Ma nulla sarà possibile se gli occidentali stessi non si renderanno conto che è in gioco il futuro della loro civiltà e il destino dei loro stessi figli. Vorrei concludere con le parole del Mahatma Gandhi durante la Marcia del Sale del 1930: “Chi vede un problema e non fa nulla è parte del problema”.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x