I valori cristiani della famiglia in Europa: intervista a Jerzy Kwasniewski

Jerzy Kwasniewski è il presidente di “Ordo Iuris”, Istituto Polacco per la Cultura Giuridica.

Quali attività svolge l'Istituto Ordo Iuris?

L'Istituto è stato fondato 11 anni fa come un “think tank” conservatore, composto principalmente da avvocati e giuristi accademici, rappresentanti della dottrina giuridica. L'Istituto Ordo Iuris è costruito su due pilastri: il primo è il contenzioso, quindi l'assistenza legale pro bono in casi selezionati. Il secondo è l'expertise, analisi accademiche e ricerca. Pubblichiamo rapporti, libri e anche riviste giuridiche. Tutto ciò al servizio della vita, della famiglia, della libertà e della sovranità del nostro Stato. Operiamo a livello ed internazionale: in Polonia, a Varsavia e in altre città. E anche a livello internazionale, negli Stati Uniti, nell'Unione Europea, nelle Nazioni Unite, nel Consiglio d'Europa, tra gli altri.

Cosa pensi oggi della situazione delle famiglie in Europa?

Assistiamo ad una crisi molto importante della famiglia in Europa. La nostra tradizionale, i valori cristiani e le civiltà occidentali si basano su quanto descritto nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. L'unione familiare come unità di base della società. Sotto l'influenza dell'ideologia di genere, della rivoluzione sessuale, la famiglia stessa, di fatto, in molti paesi, è diventata un nemico dello stato. Nemico delle grandi ideologie che percepiscono la famiglia come luogo fondante della violenza contro le donne, della violenza contro i bambini, della riproduzione di schemi patriarcali della società che sono incolpati di ogni patologia nella società. E dobbiamo opporci a questo. Perché se ne perdiamo il valore, la concezione di famiglia come unità di base della comunità, siamo condannati alla lenta morte delle nostre società e della nostra civiltà. Questo è anche l'obiettivo della legge stessa, della legge costituzionale, del sistema internazionale dei diritti umani, fornire protezione alla famiglia che difende i suoi membri contro lo stato, ma che permette anche ai bambini e agli adulti di prosperare nella famiglia stessa.

Qual è l'importanza dei valori cristiani nella famiglia?

I valori e l'identità cristiana hanno formato la famiglia moderna, basata sul matrimonio tra uomo e donna. Qualcosa, questo, che dobbiamo ribadire nel XXI secolo. È basata sull'unione stabile di partner uguali che formano insieme la famiglia. Uguali non significa che siano identici, ma che, di fatto, si supportino reciprocamente nel soddisfare i loro obblighi verso la famiglia e verso sé stessi. È la famiglia aperta alla vita, pronta ad accogliere numerosi bambini e aperta a soddisfare i suoi obblighi verso la società e la nazione, cioè, trasmettere la tradizione. Tradizione, che significa identità, identità nazionale e identità cristiana, dalle generazioni dei nostri antenati alle generazioni dei nostri figli e nipoti: questo è il ruolo della famiglia. Ed è ciò che la legge stessa dovrebbe proteggere per salvaguardare le nostre nazioni e la storia di successo della civiltà occidentale. Perché la civiltà occidentale è soprattutto una storia di successo di 2000 anni di sviluppo scientifico, sviluppo filosofico, di una situazione sempre migliore delle famiglie su base quotidiana.

Perché pensi che le famiglie europee non abbiano figli?

Perché hanno perso la loro identità. Hanno perso la capacità di percepire l'auto-sacrificio come una virtù, come qualcosa che dovrebbe essere apprezzato, premiato e supportato dalla comunità. E hanno anche perso il sentimento, naturale per la civiltà occidentale, di essere parte di una comunità. Devono capire che non sono atomizzati come società ma che sono parte di una comunità familiare, della comunità parrocchiale, della comunità locale e della comunità nazionale. Hanno i loro obblighi verso la comunità, non solo diritti. E uno di questi è formare una famiglia, avere figli e crescerli nell'identità cristiana della nazione stessa. E come tutte le virtù, dovrebbe essere una fonte di felicità. Perché nella civiltà occidentale, il nostro sistema educativo dovrebbe mirare a formare bambini e adulti che sono felici con l'auto-sacrificio, che capiscono che stanno facendo qualcosa di buono. La società dovrebbe proteggerli e supportarli in questa missione.

Pensi che le famiglie polacche siano più consapevoli delle famiglie dell'Europa occidentale?

L'Europa centrale è più consapevole del ruolo fondamentale della famiglia rispetto l'Europa occidentale. Polonia, Ungheria, Romania e Bulgaria sono ancora molto più cristiane e tradizionali rispetto ai nostri omologhi dell'Europa occidentale, come Germania, Francia o persino Spagna. Tuttavia, gli stessi processi che avvengono in Occidente, stanno avvenendo anche nei nostri paesi. È anche un'opportunità per vedere i risultati finali dei processi che hanno distrutto le famiglie in Francia o in Germania.  Ma, avvertire le nostre comunità, le nostre nazioni, dove porta? Non porta ad uno stato felice di una nazione di successo. Vediamo le conseguenze. Ed è molto importante nella missione di mobilitare le persone contro questi processi, renderle consapevoli che devono sacrificarsi, per preservare i valori della nostra civiltà occidentale, i valori cristiani;  abbiamo questo strumento di confronto.

Qual è la situazione in Polonia?

La situazione politica è molto difficile. Ordo Iuris non è un partito politico, siamo indipendenti ma molto attivi. Abbiamo spinto il precedente governo verso posizioni più conservatrici tutto il tempo. Anche se non siamo molto contenti di tutto quello che hanno fatto, sappiamo che il governo di Diritto e Giustizia era conservatore ed i suoi integranti erano cristiani.

Nel dicembre 2023, un nuovo governo, un governo liberale, ha preso il potere. Nei primi tre mesi del nuovo governo, sono state introdotte politiche radicali di sinistra. L'educazione sessuale viene introdotta nelle scuole. Una legge sull'aborto è stata presentata in parlamento. Il nostro governo apre negoziati nell'Unione Europea per riorganizzare i trattati, al fine di scambiare la nostra sovranità per denaro. E persino il nostro esercito entra in questi negoziati. Ciò che sta accadendo ora è un processo accelerato di transizione liberale, supportato dal governo, che deve essere fermato e bloccato da un movimento popolare di organizzazioni civiche, dalla Chiesa cattolica e dai partiti politici che si uniranno a noi. E questo è ciò che stiamo facendo proprio ora. Stiamo mobilitando le persone contro questa svolta liberale.

Pensi che nelle prossime elezioni europee ci possa essere un aumento delle partiti conservatori?

Sicuramente. Il 9 giugno, le elezioni europee mostreranno un crescente sostegno al movimento conservatore in tutta Europa. Principalmente per i partiti sovranisti in tutta Europa. Tuttavia, è una domanda ancora senza risposta se questi movimenti conservatori, movimenti sovranisti, saranno abbastanza forti da influenzare la Commissione Europea dopo le elezioni. Oppure se ci sarà ancora una grande coalizione tra i cosiddetti democratici cristiani europei e i socialisti comunisti.

Candela Sol Silva
Candela Sol Silva
Studentessa di ingegneria, giornalista e intervistatore. È stata responsabile della campagna elettorale e addetta stampa del candidato alla Camera dei Deputati di Fratelli d'Italia in Sud America, Vito De Palma, alle ultime elezioni del settembre 2022.
0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x